Suggerimenti

Parassiti e malattie della noce: [rilevamento, cause e soluzioni]

Il consumo di noci nel mondo è sempre più frequente perché contano come uno degli alimenti più benefici in base alle loro proprietà.

Il noce si occupa di avviare produzioni di alta qualità, purché non siano colpite da parassiti e malattie.

Le colture possono essere più o meno colpite a seconda dell’area geografica in cui si trovano, poiché alcune dipendono da fattori ambientali. Pertanto, per prendere le dovute precauzioni, è meglio essere ben informati su tutta la questione e qui vi facciamo sapere tutto.

batteriosi

È una delle malattie più comuni del noce e deve la sua attivazione alla presenza di un batterio.

I sintomi più evidenti compaiono sulle foglie in cui si sviluppano macchie scure con un centro clorotico.

Queste macchie tendono a dare un aspetto oleoso che, in alcuni casi, si può trovare anche su fiori e boccioli.

Il problema più grande è che le macchie possono penetrare nelle zone della pianta , anche nei frutti dove raggiungono i semiPertanto, si perde la possibilità di consumo di questi perché sono danneggiati e, alla fine della strada, finiscono per cadere dall’albero .

Le cause che ne favoriscono la comparsa sono legate a giornate di pioggia frequente quando la pianta è in fase di fioritura. Tuttavia, è necessario che la condizione di elevata umidità venga mantenuta affinché la malattia disturbi il sano sviluppo dei semi.

In questo caso, la pratica di buone strategie di coltivazione sarà essenziale e includerà il mantenimento degli alberi ventilati e ben illuminati. Se ti trovi in ​​una zona dove è comune che la batteriosi attacchi i noci, è meglio usare prodotti a base di rame per bagnare le foglie.

antracnosi

È una malattia che si genera dall’azione di un fungo ed è comune in molti tipi di alberi , compreso il noce.

Affinché il fungo si attivi, è necessario che due condizioni ambientali specifiche si uniscano: alta umidità e alte temperature .

Ha la proprietà, come la batteriosi, di generare macchie di colore scuro sulle foglie.

Tuttavia, il fungo antracnosi lascia sulla superficie lampi di materiale biancastro che corrisponde al micelio del fungo. Quando le foglie vengono attaccate, poco dopo avviene la defogliazione , che pregiudica il sano sviluppo del frutto e anche dei semi.

Anche i prodotti a base di rame che agiscono contro la batteriosi hanno un effetto positivo nella lotta contro l’antracnosi. Tuttavia, poiché in questo caso l’aggressore è un fungo, è necessario integrare con un fungicida .

Se il trattamento è avanzato in un albero infetto che è stato potato in inverno , è necessario bruciare i resti.

Carpocapsa

È uno dei parassiti che ha la maggiore facilità di effettuare numerosi attacchi ai noci.

La sua azione primaria è svolta dalla larva che entra nel frutto praticando un foro nello strato esterno fino a penetrare all’interno.

Di conseguenza, si crea una macchia di colore scuro nell’area in cui è avanzato il foro. Quando le larve depongono i loro escrementi, di solito escono attraverso il foro nel frutto e hanno una consistenza simile alla segatura.

L’azione precoce aiuterà a controllare le specie adulte che riempiono i campi di uova. Per fare ciò, è meglio utilizzare insetticidi ecologici approvati per questa specie. Inoltre, questi devono essere selezionati in base all’area geografica in cui si verifica il problema.

CLVR

È una malattia causata da un virus e il cui acronimo sta per Cherry Leaf Roll Virus.

È una delle malattie più temute dai coltivatori di noci perché i suoi effetti sono incontrollabili e portano l’albero ad una morte inevitabile .

In aggiunta a ciò, la sua capacità di trasmissione è incredibilmente veloce, avviene attraverso l’aria. Questo alto livello di attacco produce come conseguenza la perdita di grandi quantità di raccolti se non vengono lavorati in tempo.

In termini generali, l’unica possibilità che si ha di fronte è lavorare con la piantumazione con alberi innestate Quello utilizzato in questo caso è Juglans regia, che è stato sviluppato con l’unico obiettivo di fungere da muro di contenimento per il virus.

Un’altra informazione importante da sapere è che in Spagna il luogo in cui è stata rilevata la maggiore presenza di CLRV è nella penisola iberica. 

Gal cresciuto

È una malattia che deve il suo aspetto all’azione di un batterio noto come Agrobacterium Tumefaciens.

Quando dirige il suo attacco su una piantagione di noci, inizia danneggiando gli alberi piantati più di recente.

Il batterio si trova principalmente alla base degli alberi, provocando la comparsa di una sorta di tumori nella zona delle radici .

Questa condizione impedisce che lo scambio di fluidi dalla base alla sommità dell’albero avvenga come dovrebbe, impedendo così uno sviluppo ottimale. Infatti, quando i tumori collassano i tessuti interni, la pianta diventa incapace di ricevere i nutrienti e l’acqua che assorbe dal terreno.

Ciò si traduce in un generale indebolimento dell’albero che, in molti casi, porta alla sua perdita totale. E, la perdita dell’albero non comporta la morte dei batteri perché è in grado di rimanere in vita a lungo nel terreno.

Per questo motivo è necessario effettuare la disinfezione dei terreni quando si intende utilizzarli per la prima volta. Ma se le piantagioni devono essere fatte su un terreno che ha già evidenziato la presenza dei batteri, deve essere trattato di conseguenza.

Il noce è però una specie molto resistente che, ben trattata, può darci una produzione di eccezionale qualità e quantità.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.