Suggerimenti

L’albero del caffè: le varietà migliori, come coltivarlo, la cura, i problemi e la raccolta

Quando ho scoperto che potevo coltivare la mia pianta di caffè, tostare i chicchi e fare una tazza di caffè, ero estasiato. Adoro il caffè! Non la coltivo in grandi quantità – certamente non abbastanza per soddisfare la mia abitudine quotidiana di diverse tazze – ma coltivo la mia pianta e conservo i fagioli per quando voglio un infuso speciale.

Sebbene il caffè sia coltivato in più di 70 paesi della “cintura del fagiolo”, è originario dell’Etiopia e del Sudan. Più recentemente, il Brasile è diventato un importante produttore ed esportatore di caffè. Le piantagioni di caffè si trovano anche alle Hawaii, nel centro e nel nord del Sud America e in alcune parti dell’Asia e dell’Africa.

L’idea di coltivare il caffè è stata per me un po’ opprimente – il processo di trasformare una bacca tropicale in una tazza di caffè amaro è sempre stato un po’ sconcertante. Ma il caffè non è così difficile da coltivare se si hanno le condizioni giuste.

Se avete pensato di coltivare il vostro caffè, vi consiglio di provarlo. Saprete che ne vale la pena una volta che avrete bevuto la vostra prima tazza di caffè fatto in casa, perché il gusto è fuori dal mondo e nulla batte la soddisfazione di coltivare il proprio caffè.


Le migliori varietà di caffè da coltivare

Il caffè è generalmente diviso in due tipi: Arabica e Robusta. Le altre due sono Liberica ed Excelsa, ma sono molto meno comuni. Ci sono più di 120 sottovarietà di piante di caffè.


Arabica (Coffea arabica)

Direi che la pianta migliore per coltivare il caffè in casa è l’albero del caffè arabica. Non per niente è un pilastro dell’industria. È affidabile e produce molti fagioli aromatici di alta qualità con un gusto dolce con note di caramello, cioccolato e noci.

La Coffea arabica è una pianta dall’aspetto piacevole, con tonnellate di foglie verde intenso e lucide. Cresce bene in vaso, il che la rende una varietà attraente per i principianti o per chi vive in climi difficili. Alcune piante di caffè possono raggiungere più di un metro di altezza, per cui si consiglia di potarle e potare.

Ci sono innumerevoli varietà tra cui scegliere, ma ecco alcune notevoli varietà di Arabica.

  • Typica : Una delle varietà originali, ha un sapore dolce, ed è abbastanza resistente. La maggior parte delle piante arabiche sono incrociate con questo tipo di piante o con il tipo bourbon.
  • Bourbon : Pronunciato bor-BONN, ha note di cioccolato e frutta. Uno dei tipi con cui si incrociano molte altre piante arabe, insieme alla typica.
  • Gesha : Relativamente sconosciuta fino a poco tempo fa, questa varietà sta rapidamente guadagnando popolarità per il suo gusto unico con note di gelsomino, caprifoglio e frutti tropicali. Si vende ad un buon prezzo sul mercato.
  • Kona : Il caffè Kona viene coltivato commercialmente solo sulla Grande Isola delle Hawaii. È leggero, naturalmente dolce, e ha note di spezie e noci. E’ anche un fagiolo molto costoso.
  • Maragogype : Fagioli di burro eccezionalmente grandi.
  • Pacamara : Questa pianta cresce in dimensioni nane, ha grani grandi e un gusto eccezionale ed equilibrato. Tuttavia, è suscettibile alle malattie.
  • Villalobos : Questa varietà può tollerare terreni poveri e produce una tazza morbida ed equilibrata.


Robusta (Coffea robusta)

Robusto è, come suggerisce il nome, più robusto. Non è una varietà che coltiverei a casa perché i fagioli sono molto più amari.

Il lato positivo è che la Robusta è generalmente più resistente ai parassiti e alle malattie. I fagioli Robusta contengono circa il doppio di caffeina rispetto ai fagioli Arabica e la metà di zucchero naturale. Le piante possono anche resistere ad una più ampia gamma di temperature e condizioni di crescita.


Come piantare il caffè

Il caffè è relativamente facile da coltivare, soprattutto se si vive in un clima tropicale o subtropicale. Anche se non lo fai, puoi comunque coltivare il caffè in contenitori. Ho anche sentito dire che alcune persone coltivano il caffè al chiuso perché ha un raccolto migliore e un gusto migliore.


Aree di coltivazione

Il caffè cresce nelle zone 10 e 11. È possibile coltivare il caffè nelle zone da 7 a 9 se si dispone di una zona calda in giardino e la temperatura non scende troppo bassa.


Requisiti della luce solare

Sebbene il caffè sia originario dei climi tropicali e subtropicali, non ama il sole diretto e pieno. Questo può portare a bruciature di foglie, soprattutto nel pomeriggio. Preferisce la luce solare diffusa.


Requisiti del suolo

Le piante di caffè hanno radici lunghe che vanno in profondità e non amano i piedi bagnati. Il terreno deve quindi essere argilloso e ben drenato. Aggiungere un sacco di letame ben drenato prima di piantare. Un pH compreso tra 5,0 e 6,0 è ideale.

Le piante di caffè non amano la calce, quindi se la vostra pianta non sembra prosperare, aggiungete del concime ben tostato.


Quando piantare il caffè

È possibile coltivare il caffè da un seme, ma vi consiglio di acquistare una pianta dal vivaio locale, poiché possono essere necessari alcuni anni prima che un seme maturi a sufficienza per produrre le ciliegie da cui provengono i chicchi.

Se avete intenzione di piantare all’aperto, fatelo in primavera, quando la minaccia del gelo è passata. Il caffè preferisce temperature di macinatura comprese tra 45 e 85°F.

Cercate di piantare quando la temperatura è costante. Sappiamo che il caffè perde le sue foglie quando la temperatura oscilla.


Piantare semi di caffè

Non si può piantare un chicco di caffè che è stato trattato. È necessario ottenere semi verdi freschi, o da qualcuno che possiede una pianta o dal vivaio locale o online.

Piantate direttamente nel terreno ben preparato quando le temperature sono giuste, oppure potete iniziare a seminare in vaso. Piantate il seme a 1 cm di profondità e copritelo leggermente con una buona miscela di semi. Uso la miscela per far crescere i semi in entrambi i contenitori e quando viene piantata direttamente in giardino.

Qualunque sia il metodo scelto, è necessario mantenere il terreno umido ma non bagnato. Ci vogliono da 4 a 6 settimane per far germogliare i chicchi di caffè.

Una volta che il seme è germinato ed è abbastanza grande da poter essere trasferito dal vaso al giardino, assicurarsi che le temperature siano corrette e che si indurisca alla luce indiretta del sole.


Coltivazione di caffè in contenitori

Tutte le mie piante di caffè sono state messe in contenitori. Lo faccio perché sono più facili da potare e da spostare all’interno in inverno, e mi permette di mantenere la giusta umidità del terreno.

Scegliere un vaso profondo e utilizzare un mix di alta qualità. Piantate al centro del vaso e usate un buon palo. Le piante di caffè possono crescere alte se non le si pota e non si vuole che cadano.

Mettete il vaso in un luogo caldo e umido con il minor vento possibile.


Come prendersi cura del caffè

L’unico vero problema che ho incontrato con le piante di caffè è la mancanza di crescita dovuta a una cattiva alimentazione e a pratiche di irrigazione da parte mia. Se vi prendete cura della vostra pianta del caffè, essa prospererà.


Annaffiatura del caffè

Le piante di caffè richiedono un’abbondante annaffiatura in estate e in autunno. La pianta non fiorisce se non riceve abbastanza acqua. Inoltre, non immergerlo troppo nell’acqua perché potrebbe appassire.

Mantenere il terreno umido, ma non saturo d’acqua. Ciò significa che in inverno l’irrigazione deve essere ridotta.


Il trapuntino delle piante di caffè

I paglia piante di caffè in giardino o in contenitori. A loro piace l’umidità e la pacciamatura trattiene l’umidità.


Concimazione del caffè

Utilizzare un buon fertilizzante a lento rilascio per i primi tre mesi dopo l’impianto, quindi aggiungere fertilizzante per agrumi una volta al mese.


La dimensione

Le piante di caffè possono crescere fino a due o più metri di altezza. Io poto per mantenere un’altezza costante di due o tre piedi perché coltivo le mie piante in contenitori.

Questo rende la pianta più facile da gestire e più compatta e permette alle ciliegie di crescere più vicine tra loro.


Le migliori piante laterali per il caffè

  • Patate
  • Cavolo
  • Fagioli
  • Soia
  • Arachidi

Non piantare con carote, zucca o cetriolo.


Parassiti e malattie del caffè


Cuochi

Le cocciniglie succhiano la linfa delle piante e lasciano depositi di melassa, che attirano le formiche e altre malattie. Utilizzare olio di neem per tenerli sotto controllo.


Afidi

Gli afidi sono un altro insetto succhiatore di linfa che danneggia quasi tutte le piante esistenti. Gli afidi sono controllati utilizzando un forte getto d’acqua e applicazioni regolari di olio di neem.


Ruggine del caffè

La ruggine del caffè viene diffusa dalle spore del vento, causando l’appassimento delle foglie e la loro morte. Sta usando un fungicida a base di rame per attaccarlo.


Malattia delle bacche di caffè

Questa malattia provoca lesioni sulle bacche che diventano scure e morbide. Noterete prima di tutto che le bacche cadono dalla pianta e potrete vedere le lesioni sugli steli, che possono anche cadere dall’albero.

Non esiste un trattamento efficace, quindi evitare di raccogliere le bacche quando sono mature e potare gli alberi subito dopo il raccolto. Rimuovere i rami malati e applicare un fungicida a base di rame all’inizio della stagione.


Nematodi

I nematodi influenzano la salute della pianta e la sua capacità di crescere attaccando le radici della pianta. Praticare una buona rotazione delle colture e utilizzare piante deterrenti come senape e calendule per ridurre i numeri.


Raccolta del caffè

  • Quando la ciliegia di caffè è rossa e matura, raccoglierla dall’albero. Troverete anche delle ciliegie fresche sul terreno.
  • Pulisci le ciliegie. Ciò significa premere delicatamente per separare la polpa dalla ciliegia e il seme all’interno. Il seme è il chicco di caffè che verrà tostato in seguito.
  • Mettere a bagno il seme in acqua per qualche giorno per rimuovere la polpa della ciliegia rimanente.
  • Asciugare il fagiolo all’aria aperta. Metterli in un unico strato su uno schermo e lasciarli asciugare all’aria. Ci vogliono da 10 a 20 giorni. Lo saprete quando saranno asciutti, perché la sottile pelle esterna si stacca facilmente.
  • Una volta che sono completamente asciutti, tostate i fagioli in padella o in forno. I fagioli emettono dei rumori sferraglianti mentre l’acqua rimanente evapora.
  • Quando i fagioli hanno un bel colore marrone, toglierli, raffreddarli e macinarli in polvere.

Anche se è improbabile che si otterrà un gran numero di chicchi di caffè su una singola pianta, è una cosa divertente da coltivare e raccogliere in casa. C’è qualcosa da fare quando si versa una tazza di caffè che si è preparato dall’inizio alla fine. Tuttavia, non pensate di avviare un’attività di torrefazione del caffè senza molte piante.

Naturalmente, non avrete mai un fiorente business di chicchi di caffè nel New England, ma chiunque si trovi nella zona giusta può avere qualche pianta propria per nutrire il suo vizio del caffè. Non sperimenterete mai una tazza di caffè allo stesso modo dopo la coltivazione e la tostatura dei vostri chicchi.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *