Suggerimenti

La coltivazione biologica del carciofo o carciofo

Il carciofo o carciofo è uno degli alimenti più salutari che possiamo mettere nei nostri piatti. Ti invito a conoscere meglio le Proprietà dei Carciofi perché è molto salutare e scoprirai cose su questo ortaggio che non conoscevi.

Ma in questo articolo ci concentreremo sulla coltivazione biologica dei carciofi, che sono le linee guida più importanti da tenere in considerazione per ottenere i migliori risultati nel tuo orto.

.

Come coltivare carciofo o carciofo

Il carciofo, Cynara scolymus , è una pianta perenne di tre anni che raggiunge solitamente un metro di altezza. I fusti sono grossi e costoluti, la radice è molto robusta, le foglie sono lunghe e presentano nervature centrali molto marcate. I fiori (la parte commestibile) sono grandi e ricoperti di squame.

La sua origine si trova nell’Europa meridionale e nel Nord Africa.

Semina

Si semina solitamente tra i mesi di luglio e agosto. Lasciare almeno 80 cm come cornice di piantagione tra pianta e pianta e tra le linee. È importante iniziare bene nel nostro giardino, uno dei modi per garantire che questo sia il caso è scegliere i semi di carciofo biologico .

Moltiplicazione delle piante

Possiamo riprodurre le piante di carciofo per mezzo dei polloni che vengono prelevati dalla pianta madre da agosto a settembre e piantarli direttamente. E anche ricavando talee dai rizomi della pianta madre. Quest’ultima è l’opzione più comunemente usata.

io di solito

Predilige un terreno senza zolle, ben areato, senza compattamenti e con un grado di umidità regolato, cioè non presenta eccessi. Se scegli l’irrigazione per essudazione, eviterai problemi alle radici dovuti all’acqua in eccesso.

Il terreno agricolo dovrebbe essere ricco di materia organica, non incrostato. Può adattarsi ai terreni salini.

.

Fecondazione

Prima della coltivazione, un modo per arricchire il terreno e migliorarne la fertilità è aggiungere cenere di legno insieme al compost per aumentare l’apporto di potassio.

Dopo il primo anno, possiamo aggiungere nuovamente del compost al terreno per mantenere la fertilità ed evitare carenze nutrizionali nelle piante. Durante i 3 o 4 anni in cui possiamo coltivare il carciofo, possiamo dare questo contributo annuale.

È auspicabile evitare l’aggiunta di fertilizzanti ricchi di azoto perché un eccesso di esso può produrre squilibri.

Fare uno strato di pacciame o pacciame è utile per questi tipi di colture.

.

Tempo metereologico

Bisogna proteggere le piante dal gelo perché non le sopportano bene, qualsiasi temperatura inferiore a 0 ºC se conservata per più giorni può danneggiare i carciofi e vanno rimossi.

.

Irrigazione

Dal momento della semina o dell’impianto fino a quando le piante non hanno potuto radicare, dobbiamo mantenere un’irrigazione costante. Successivamente, sia la quantità che la periodicità con cui annaffiamo devono essere regolate per evitare che l’acqua in eccesso provochi danni a radici e frutti.

Quando raccoglieremo i carciofi, ridurremo il più possibile i rischi.

In generale, la migliore opzione di irrigazione per il carciofo è l’ irrigazione con essudato .

.

Potatura

Una volta che abbiamo raccolto i frutti e abbiamo già ridotto o eliminato i rischi, è conveniente potare i cespugli a livello del suolo per stimolare la produzione di polloni.

.

Rotazione delle colture

Dopo la coltivazione del carciofo, effettuare una coltivazione di sovescio per migliorare l’apporto di sostanza organica che stimoli l’attività microbiologica del terreno, poiché il carciofo impoverisce molto le risorse del suolo.

.

parassiti

I principali parassiti che possono insorgere durante la coltivazione del carciofo sono:

  • Afidi, Branchycandus cardui e Aphis fabae:

Il primo è l’afide del carciofo, che può essere nei toni del verde o del giallo. Le femmine secernono una melassa nei frutti e nella pagina inferiore delle foglie che a poco a poco, indebolendo la pianta, intacca lo sviluppo dei frutti e li fa arrotolare.

Il secondo è l’afide del fagiolo che è di colore scuro e compare durante il mese di marzo. Produce gli stessi danni dell’afide del carciofo.

Uno dei predatori naturali degli afidi è la coccinella o vaquita, per questo è importante che siano presenti nei nostri frutteti e giardini. Possiamo utilizzare sia alghe calcaree, sapone neutro al 2% che argilla. Effettueremo il trattamento per zone in modo che i predatori naturali abbiano uno spazio sicuro in cui rifugiarsi.

  • Mosca bianca, Trialeurodes vaporiorum:

Può essere un parassita nel raccolto di carciofi quando ci sono alte temperature. Gli adulti depongono le uova sulla pagina inferiore delle foglie e successivamente le larve secernono una sostanza dolce che attira gli afidi e provoca la proliferazione dei funghi.

  • Mosca del carciofo, Agromyza apfelbecki :

Si verifica durante la primavera. Attaccano le foglie più tenere e vi sono sia adulti (che sono neri) che larve (che sono bianche). Sia il sapone neutro al 2% che l’argilla e le alghe calcaree sono efficaci contro questo parassita.

  • Cassida, Cassida deflorata:

Sembra una piccola tartaruga ed è di colore verde chiaro da adulto e da larva. Appaiono in primavera ed è allora che si possono osservare i primi danni alle foglie.

  • Pulce di carciofo, Sphaeroderma rubidum :

Questa piaga di solito si verifica tra i mesi di ottobre e novembre.

Le femmine depongono le uova sul lato inferiore della foglia (di solito scelgono le foglie più giovani). Le larve accedono alle foglie dove scavano gallerie e finiscono per appassire.

  • Piralide del carciofo, Hydroecia xanthemes :

È una farfalla che può diventare un parassita durante la tarda estate e l’autunno. Quando depone le uova sugli steli, si schiudono poco a poco, riuscendo a vedere le larve a dicembre e marzo. Le larve andranno al centro dello stelo, lasciandolo cavo. Ulteriori attacchi possono essere prevenuti nelle stagioni successive rimuovendo i germogli attaccati ed eseguendo trattamenti con Bacillus thuringiensis alla schiusa delle uova e successivamente ogni dieci giorni.

  • Appion, Apion carduorum :

È di colore blu scuro con il corpo ricoperto di peli bianchi e li possiamo vedere nelle foglie, in cui fanno molti buchi. Ma le larve sono le più pericolose perché entrano all’interno della pianta e si potrebbe dire che, a poco a poco, la distruggono dall’interno. Si può vedere che la pianta inizia ad appassire fino alla morte.

È un parassita difficile da controllare, per questo è molto importante prevenirlo attraverso la rotazione delle colture. Bisogna evitare di avere le piante per più di tre anni ubicate nello stesso luogo. Pelitre può essere utilizzato anche contro gli adulti in primavera, impedendo loro di deporre le uova. Le larve non possono essere combattute poiché entrano all’interno della pianta.

.

Malattie

I più comuni sono:

  • Vaiolo, Ramularia cynarae:

Appaiono macchie grigie circolari e i frutti non si stabilizzano. Viene prodotto con temperature e umidità elevate. Se non viene corretto, lascia il posto alla comparsa di oidio. Viene trattato con purine di aglio e cipolla. L’infuso di ortica rafforza le piante.

  • Oidio, Leveillula taurica :

Forse la malattia più comune nella coltivazione del carciofo. Appare con temperature calde e alta umidità. Macchie gialle compaiono sulla superficie superiore e polvere bianca appare sulla parte inferiore. Oltre a colpire le foglie, colpisce anche i frutti. Vengono utilizzati liquami di cipolla e aglio, alghe calcaree e infuso di ortica.

  • Marciume grigio, Botrytis cinerea :

Appare in climi umidi con temperatura mite e attacca principalmente le infiorescenze provocando ferite. In questo caso viene utilizzato un trattamento tonificante con l’infuso di ortica ed è utile anche cospargere con alghe calcaree.

  • Muffa, Bremia lactucae :

Si vedono macchie rossastre sulla parte superiore delle foglie che diventano gradualmente marroni, mentre appare una polvere bianca nella parte inferiore. È prodotto dall’umidità in eccesso e quando le temperature sono miti. Per eliminarlo, dobbiamo rimuovere le zone colpite e applicare purine di aglio e cipolla e infusi di ortica.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.