Suggerimenti

Podar almendros: [Importancia, Época, Consideraciones y Pasos]

La potatura del mandorlo è un’azione che risponde all’interesse di dargli una forma migliore e aumentare la capacità produttiva dell’albero.

Questo fa parte delle cure più straordinarie a cui dobbiamo dedicarci se vogliamo godere più a lungo della pianta e dei suoi frutti.

Raggiungere l’equilibrio durante la potatura è un problema che può generare dubbi se non lo hai fatto prima. Pertanto, ti lasciamo tutte le informazioni che devi sapere per avere successo in questo compito anche se non sei un professionista.

Perché potare il mandorlo?

La potatura del mandorlo risponde a due esigenze fondamentali che solitamente sono comuni a quasi tutte le specie:

Formazione

È il desiderio di avere un albero che appaia ordinato e pulito. Sebbene sia un albero da frutto e non svolga principalmente una funzione ornamentale , non è l’idea che sembri brutto e con molti rami che sporgono in tutte le direzioni.

Produttività

È forse il motivo più importante per cui la potatura aiuta a ringiovanire gli alberi e quindi ha un impatto positivo sulla produzione di frutta. 

Quando potare il mandorlo?

La potatura del mandorlo verrà effettuata quando il rischio di gelate sarà passato, a fine inverno.

Questa è una fase in cui l’albero si trova in un momento di letargia che gli renderà più facile concentrare tutte le sue energie sulla guarigione delle ferite e quindi crescere e produrre.

Dopo un raccolto, di solito viene praticata anche una potatura delicata, che serve per eliminare i germogli che si sono generati e quindi impedire che si sviluppino.

Quali strumenti dovremmo usare per potare i mandorli?

Gli attrezzi per potare il mandorlo sono i più basilari che solitamente vengono richiesti:

  • Cesoie.
  • Sega.
  • Bicchieri.
  • Guanti.
  • Scala, se l’albero ha rami molto alti.

Ricorda che tutti gli strumenti che andranno a contatto diretto con le ferite devono essere preventivamente disinfettati.

Cosa dobbiamo tenere in considerazione quando potiamo i mandorli?

La prima cosa sarà definire l’obiettivo della potatura , poiché ad ogni fase dell’albero verrà applicata una fase diversa: formazione, fruttificazione o ripristino. Il secondo passo sarà quello di analizzare nel dettaglio la struttura dell’albero e valutare una strategia da seguire affinché il processo scorra correttamente.

Infine, raccogliere tutti gli strumenti prima di iniziare l’attività e utilizzare le misure di sicurezza necessarie per ridurre i rischi di incidenti.

Come potare i mandorli senza danneggiare l’albero?

La potatura dei mandorli sarà effettuata secondo l’obiettivo che è stato definito prima dell’inizio dei lavori.

Potatura di formazione

Per la potatura di formazione si deve tener conto che l’albero è in piena giovinezza e che la sua crescita non risponderà ad alcun parametro.

Ecco perché il tuo corretto intervento gli consentirà di raggiungere una struttura adeguata, sia visivamente che in termini di produttività. 

Si tratta di una potatura che dovrà essere applicata i primi 4 anni, definendo molto bene il ramo principale e i rami secondari.

Quando questo compito viene eseguito con successo, il risultato sarà una buona produzione di frutta futura.

Potatura fruttifera

La potatura fruttifera inizierà quando l’albero sta già dando i suoi frutti e la sua pianificazione corrisponde a quella annuale.

È una potatura intensa che cerca di eliminare tutti i tipi di rami e parti che possono influire sulla salute della pianta , soprattutto quando si consumano sostanze nutritive.

Quindi, è necessario tagliare i polloni, rami che non generano produzione o causando problemi e, naturalmente, quelli che non mostrano una buona salute.

Certo, in questa potatura, perché è più forte, bisogna tener conto che la pianta è ben equilibrata, che un lato non è più pesante dell’altro. Per valutare la simmetria è bene fare un passo indietro una volta terminato e verificare che soddisfi questo requisito.

L’ultimo tipo di potatura è il restauro e avviene nei mandorli che sono già nella loro fase di vecchiaia, per così dire.

Potatura di restauro

Con la potatura di ripristino, eviterai che la pianta perda la sua capacità produttiva così presto, ma piuttosto ti concederai qualche periodo in più.

È una potatura abbastanza aggressiva perché l’idea è quella di motivare il rinnovo della produzione vegetativa.

Il fatto è che il mandorlo potrebbe essere un po’ delicato a questo punto e non sempre è possibile riprendersi, soprattutto se prima o poi si è ammalato.

Tuttavia, provarlo non ha problemi perché, in ogni caso, raggiungere questo tipo di potatura è un annuncio che dovresti cercare un nuovo albero. Tutti noi amiamo le mandorle e se hai un albero in casa sei molto fortunato, quindi approfitta di tutte queste informazioni per coccolarlo come merita.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.