Suggerimenti

Stevia, come coltivarla in vaso

Vuoi sapere come coltivare le tue piante di Stevia rebaudiana in vaso?

Vale la pena piantare la stevia in casa perché possiamo usarla per sostituire lo zucchero raffinato ei dolcificanti artificiali nella preparazione di ricette dolci e anche per sfruttare le benefiche proprietà medicinali della stevia . La stevia o stevia rebaudiana è un particolare della pianta del Paraguay originaria del Sud America dove gli indiani Guarani ne conoscevano già i benefici e come utilizzarla.

Come coltivare la stevia in vaso

semi di stevia

Un modo per iniziare a coltivare la stevia è seminare i semi. Per prima cosa andremo a preparare le piantine e quando le piantine saranno alte circa 15 cm le trapianteremo, facendo attenzione a non danneggiare le radici ai vasi. Nelle giuste condizioni (con 20 ºC), in circa 5 giorni possiamo vedere germinare i semi di stevia. La semina protetta inizia alla fine dell’inverno.

Riproduzione della stevia per talea

In primavera possiamo riprodurre la pianta della stevia per talea. Questo modo di moltiplicare le piante è più veloce rispetto ai semi e potrebbe essere l’opzione migliore per i principianti. Per fare questo, dobbiamo prendere un ramo senza fiori alla fine di esso e fare il taglio come pure . Per favorire il radicamento della talea, seguire questi passaggi .

Piantare la stevia

Una volta che le piantine sono cresciute a sufficienza o quando le talee hanno già radicato, si procede a piantare la stevia nei vasi. Per fare questo riempiamo i vasi mettendo alla base 3 o 4 pietre medie per favorire il drenaggio e poi riempiamo i vasi con una miscela di 2 parti di humus di lombrico per 4 di terra. Innaffia generosamente le pentole. Quindi riponiamo i vasi in un luogo riparato dal vento e all’ombra, dove non ricevano il sole diretto. Li terremo così per il primo mese.

substrato

La pianta della stevia necessita di un substrato spugnoso, non incrostato e dotato di grande capacità drenante per evitare che l’acqua si accumuli sulle radici e le marcisca. Il pH in cui può crescere la stevia è compreso tra 4 e 7. Per il substrato possiamo usare una miscela di lombrichi e terriccio. Idealmente, il vaso o il contenitore in cui coltivi la stevia non dovrebbe essere profondo meno di 12 pollici. Vermicompost può essere applicato ogni primavera quando la pianta germoglia di nuovo.

Irrigazione

Quando trapiantiamo le piantine annaffieremo una volta al giorno durante la prima settimana. In seguito andremo a spaziare le irrigazioni poco alla volta ma sempre assicurandoci che la terra mantenga un certo grado di umidità. Nei mesi più caldi dovremo annaffiare di più e nei mesi invernali vedremo che, man mano che la pianta smette di crescere (anche se nella primavera successiva germoglia di nuovo), ridurremo notevolmente le innaffiature sia in quantità che in frequenza. .

Leggero

Durante il primo mese dopo il trapianto avremo le piante di stevia in un luogo ombreggiato, ma dopo questo primo mese potremo spostarle in una zona dove riceva il sole diretto. Attenzione però, se le temperature superano i 40 ºC è meglio metterle in mezz’ombra o proteggere le piante dal sole diretto durante le ore centrali della giornata.

Temperatura

Questa pianta è originaria delle zone tropicali, per questo si sviluppa particolarmente bene in condizioni di elevata umidità e con temperature ottimali tra i 16 ei 26 ºC. Durante l’inverno o nei mesi più freddi, è meglio posizionare le piante in aree protette dalle basse temperature in serra o al chiuso.

parassiti

La Stevia può soffrire di infestazioni di mosche bianche o afidi. Puoi vedere come prevenirli e combatterli in modo ecologico qui

Potatura di Stevia

Quando l’autunno sta finendo è un buon momento per potare la pianta di stevia. Vedrai che ha molti fiori. Tagliamo con cura i rametti lasciando la pianta con un’altezza di circa 15 cm. Mettiamo ad asciugare i rami tagliati.

Asciugare le foglie di stevia

Per essiccare le foglie di stevia e poterle utilizzare durante tutto l’anno, basta tagliare con cura il ramo e riporle in un luogo buio e ben aerato (ma senza correnti d’aria). Possiamo appenderli o semplicemente lasciarli su carta. Una volta completamente asciutti possiamo conservarli in barattoli di vetro in un armadio per evitare la luce diretta.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.