Suggerimenti

Peperoncino in giardino: [Coltivazione, Cura, Substrato, Irrigazione]

Il peperoncino è una delle verdure più utilizzate in cucina perché apporta un tocco piccante (o molto piccante) ai pasti, oltre che molto sapore.

Ne esistono di tanti tipi che serviranno a accontentare tutti i palati.

Coltivare i peperoncini è abbastanza semplice e darà disponibilità in casa per avere sempre quelli di cui si ha bisogno.

Anche se nel nostro paese è conosciuto come il peperoncino, è anche possibile che si chiama peperoncino, caldo peperoncino , in quanto proviene da questa stessa famiglia.

Sei disposto ad avventurarti nella semina del tuo giardino di casa?

Ti diamo le informazioni necessarie affinché tu possa metterlo in pratica

Punti importanti nella semina del peperoncino
  • Quando? A metà primavera .
  • Dove? In pieno sole, preferibilmente all’aperto, ma con condizioni ben precise accetta indoor .
  • Come prepariamo il terreno? Con materia organica come il letame .
  • Come dovremmo annaffiare? In modo moderato, poiché il suo fabbisogno di umidità non è molto impegnativo e potrebbe piuttosto causare danni.
  • Ogni quanto bisogna annaffiare? Due volte a settimana durante la stagione calda e ridurre a una volta nelle ondate di freddo.
  • Quali parassiti e malattie ha? Tripidi , acari , afidi , minatori fogliari e marciume radicale.

Quando seminare il peperoncino?

La primavera è il momento perfetto per seminare, ma non così presto, ma quando la temperatura è un po’ più alta, come nel mezzo.

Questo perché è una coltura che ha bisogno di un ambiente caldo, sia per germogliare che per generare un raccolto.

Dove piantare i peperoncini?

Proprio come ha bisogno di climi caldi, il peperoncino richiede anche abbastanza luce solare quotidiana per prosperare.

Pertanto, la cosa più consigliabile è seminarli direttamente all’esterno .

Se si conserva in vaso e si preferisce l’interno, è fondamentale posizionarlo in uno spazio vicino a una finestra dove possa ricevere i raggi del sole.

Non solo qualsiasi tipo di luce, hai bisogno di luce naturale.

Come preparare il terreno?

Il terreno ideale per coltivare i peperoncini dovrebbe essere fertile e contenere abbastanza materia organica.

È meglio prepararlo giorni prima con l’aiuto di un po’ di letame.

È anche un buon piano che ha un pH che varia tra 5,5 e 6,5.

Come innaffiamo i peperoncini?

Le esigenze del peperoncino in termini di irrigazione non sono molto elevate, sarà sufficiente applicarne una quantità moderata .

Ed è importante quando si innaffia applicare l’acqua direttamente alla base della pianta , senza bagnare il fogliame .

È solo necessario che il terreno rimanga sempre umido quando è in fase di germinazione.

Quanto spesso annaffiamo?

Le innaffiature del peperoncino possono essere effettuate due volte a settimana durante l’ estate .

Come seminare i peperoncini passo dopo passo?

La semina dei peperoncini avverrà per mezzo dei semi . Averli a portata di mano non è difficile perché si possono estrarre da un peperoncino acquistato.

In ogni caso, se si desidera una maggiore sicurezza sulla loro buona qualità, possono essere acquistati anche confezionati nei negozi di agricoltura.

Il processo per piantare gli afidi . Possiamo combatterli con aglio e peperoncino passo dopo passo è il seguente:

  1. Idratare i semi mettendoli in un bicchiere d’acqua per circa 48 ore.
  2. Preparare un semenzaio con substrato universale.
  3. Interrate i semi senza esagerare in profondità, con circa 4 centimetri basterà e non premete eccessivamente in modo che la superficie sia aerata e il germoglio possa fuoriuscire senza complicazioni.
  4. Acqua per inumidire bene l’intero substrato.
  5. Tieni le piantine in uno spazio libero, con un buon accesso alla luce solare.
  6. Trapianta le piantine nei vassoi, nei vasi o nel giardino quando sono già abbastanza forti. È importante qui lavorare con attenzione per evitare di rompere le radici, la cosa migliore sarebbe rimuovere l’intera base del semenzaio e passarla completamente a destinazione.

È importante sapere che una piantina di peperoncino può crescere fino a un metro di altezza.

Per questo motivo, se due o più devono essere piantati insieme, è meglio lasciare uno spazio sufficiente tra ciascuno in modo che non affoghino.

Di che cure ha bisogno il peperoncino?

Per ottenere una maggiore produzione di peperoncino, le concimazioni devono essere applicate circa 5 settimane dopo il trapianto delle piantine.

La potatura non è necessaria , il raccolto viene rimosso solo quando è maturo e i frutti possono essere estratti con le mani senza inconvenienti.

Quando raccogliere i peperoncini?

I peperoncini, in un certo senso, sembrano peperoni.

È una coltura che richiede un buon apporto di sostanza organica. Tuttavia, non dovrebbe essere difficile seminare. Inoltre, se va bene, è molto grato.

Una singola pianta di peperoncino può dartene molti da gustare.

Al momento della raccolta, osserveremo il colore del peperoncino. Più rosso è, meglio è. Possiamo semplicemente raccoglierli a mano o con forbici da potatura.

Quali parassiti e malattie colpiscono il peperoncino?

Uno dei punti a cui dobbiamo prestare maggiore attenzione è intorno all’attacco di parassiti e malattie.

parassiti

  • In caso di parassiti, potresti essere attaccato da tripidi , afidi, minatori fogliari e persino dall’acaro del ragno.
  • In tutti questi scenari, sono in grado di creare colonie e consumare la linfa delle piante, che ne compromette il corretto sviluppo e le funzioni.
  • La buona notizia è che sia la prevenzione che la correzione sono possibili con prodotti naturali come l’ estratto di neem .

Malattie

  • Per quanto riguarda le malattie, quella che potrebbe causare i maggiori danni è il marciume radicale causato dall’eccessiva umidità. Quindi, è così importante prendersi cura del livello di irrigazione da implementare, così come la frequenza.
  • Se questo è causato da funghi, sarà necessario lavorare con fungicidi naturali per eliminarlo e quindi evitare danni più avanzati.
  • I peperoncini producono frutti durante l’estate e i loro raccolti sono molto abbondanti, quindi una piccola famiglia potrà rifornirsi di una pianta.
  • In inverno è necessario tenerli al riparo dal freddo, soprattutto quando le temperature sono molto basse. In questo caso, l’ideale è coprire la pianta con un protettore di plastica per aiutarla a far fronte alla stagione.

Se conservata in vaso, sarà possibile spostarla in uno spazio più caldo, magari al chiuso fino alla prossima primavera.

Goditi i tuoi peperoncini a casa e regalati quel gusto piccante che molti amano nei loro pasti.


Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.