Suggerimenti

Come potare l’olivo

La potatura dell’olivo è uno dei compiti quasi obbligatori per mantenere un buon equilibrio tra la parte radicale e la parte aerea. Ciò facilita la raccolta, previene le malattie migliorando l’aerazione e consente un migliore equilibrio produttivo.

Poiché esistono diversi tipi di potatura per diversi motivi e opzioni di taglio, abbiamo bisogno di alcuni suggerimenti per farlo, poiché tagli sbagliati possono ridurre la produttività e lo sviluppo dell’albero a medio termine.

In questo articolo ti diremo alcune chiavi per potare gli ulivi nel modo più pratico e semplice possibile, in modo che possa essere a disposizione di tutti.

Il motivo della potatura degli ulivi

Vorremmo, innanzitutto, elencare alcuni vantaggi riscontrabili nella potatura dell’olivo. In agricoltura c’è un aspetto che cerca di difendere le colture non potando per farle crescere naturalmente. Tuttavia, in alcuni casi troviamo problemi (e in altri vantaggi) che si risolvono con la regolazione dei rami e dei tagli.

La potatura degli ulivi migliora l’illuminazione e la maturazione dei frutti

L’accesso al sole è fondamentale nel processo di riempimento e maturazione della frutta, compreso l’ottenimento della produzione di grasso.

Per questo motivo un albero con troppi rami e foglie ammucchiate farà sì che i frutti in alto abbiano una dimensione e un colore adeguati, ma in basso troveremo il contrario (frutti piccoli e verdi).

Questa eterogeneità è negativa quando si calcola la produzione media e la resa dell’oliveto.

L’aerazione è aumentata

Un maggiore accesso all’aerazione riduce l’accumulo di umidità, il che rende difficile l’installazione e la presenza di malattie che necessitano di queste condizioni per svilupparsi.

L’aria secca paralizza la riproduzione di alcuni funghi, prevenendo la decomposizione di foglie, steli e frutti, migliorando la penetrazione dei trattamenti aerei.

Equilibrio dell’oliveto

Il controllo energetico nell’oliveto è fondamentale per ottenere una produzione omogenea.

In questo caso, un minor numero di rami e fusti garantisce un maggiore accumulo di acqua + nutrienti e una maggiore distribuzione di energia. Ciò ha vantaggi produttivi poiché minore è il volume dei frutti, maggiore ingrasso e migliore resa di grasso.

I rami non produttivi possono diventare grandi consumatori di risorse.

La potatura degli ulivi facilita e migliora la raccolta

Un albero con una cattiva potatura o senza potatura fa sì che la sua crescita diventi eccessivamente verticale, con fusti molto bassi, che causano molti problemi nella raccolta.

Questo moltiplica il lavoro di raccolta, indipendentemente dal fatto che sia manuale o meccanizzato.

Questo aumento dei costi, oltre a danneggiare maggiormente l’albero nella raccolta, riduce anche il ritorno sull’investimento della coltura e facilita un futuro ingresso di malattie nelle ferite non cicatrizzate.

Bisogna però valutare anche il costo della potatura degli ulivi, poiché richiede molta manodopera che deve indubbiamente tradursi in un aumento della produzione e nell’ammortamento dell’investimento.

Variazione del contenuto medio di olio in funzione della posizione del frutto sull’albero (Ortega Nieto)

Basi per potatura dell’olivo

  • Formare l’olivo su un solo piede, non permettendo germogli sul tronco al di sotto di 1 metro. Se ce ne sono, rimuovili a poco a poco.
  • Non effettuare alcuna potatura della parte superiore nei primi 3 anni.
  • Dal 3° anno in poi, effettuare potature molto delicate, cercando di avere una struttura con 2 rami principali (angolo ascendente di 60º).
  • Una volta scelti i rami principali, eliminare quei nuovi rami che, a causa della loro crescita, possono pregiudicare lo sviluppo dei rami principali.
  • All’interno dell’albero rimuovere solo i polloni, i rami intrecciati o eccessivamente vigorosi.
  • Se ci sono 2 rami sani che occupano lo stesso spazio, rimuovere quello con la peggiore inclinazione, compresi i rami inferiori.
  • Rinnova i rami principali solo quando hanno perso vigore e 1 a 1, iniziando con il compito che si trova nello stato peggiore.
  • Cerca sempre il volume e la quantità maggiori di fogli con la superficie di legno più piccola.
  • Eseguire tagli netti, con un’inclinazione che riduca l’accumulo di acqua.

Tempo per effettuare la potatura dell’olivo

In Spagna, il momento ideale per potare gli ulivi è dopo la raccolta. Negli uliveti verdi è frequente assistere a lavori di potatura tra novembre e dicembre.

Tuttavia, per le varietà successive, il processo verrà eseguito più tardi e potremmo avere il problema che fa troppo freddo o c’è il rischio di gelo, che è dannoso per la guarigione dei tagli.

Nelle zone con questo problema è opportuno evitare la potatura degli ulivi, soprattutto nei periodi di gelo. In questo caso, dovremo attendere che la temperatura migliori per svolgere il compito.

I trattamenti al rame sono consigliati per ridurre l’ingresso di malattie e batteri. Parimenti, nelle zone sensibili alla tubercolosi ( Pseudomonas savastanoi), la potatura dell’olivo va effettuata in periodi di bassa umidità, per evitare gocciolamenti e la diffusione della malattia.

Negli uliveti è stato riscontrato un aumento della produzione quando la potatura viene effettuata due volte l’anno, sebbene si debbano tenere conto dei costi di esecuzione dell’operazione e di valutazione dei risultati.

Negli oliveti da tavola non è stato ancora dimostrato se la potatura annuale delle olive offra risultati migliori o peggiori rispetto alla potatura semestrale. Questo perché è apprezzata una buona pezzatura del frutto e, in anni di grande raccolto, la dimensione può risentirne, quindi l’influenza della potatura non è così importante.

Allo stesso modo si è anche visto che quando la potatura dell’olivo è distanziata di oltre 4 anni si ha una perdita di produzione e vigore.

Potatura di allevamento dell’olivo

Nell’oliveto moderno, l’altezza del piede viene solitamente lasciata tra 1 e 1,1 metri

L’obiettivo della potatura degli ulivi in ​​formazione, quando sono giovani, è quello di configurare lo scheletro o struttura principale dell’albero. In molti casi questa potatura si adatta al sistema di raccolta desiderato, in quanto vi sono notevoli differenze tra l’esecuzione a livello meccanico (altezze inferiori e con meno braccia) rispetto alla potatura manuale (scuotimento).

Nella potatura di allevamento è necessario potare il meno possibile, poiché è stato empiricamente dimostrato che una potatura severa allunga l’entrata in produzione.

L’obiettivo iniziale desiderato è un rapido ingresso in produzione, a partire dal 3° o 4° anno.

Nel caso in cui si desideri una raccolta meccanizzata, è meglio che l’oliveto abbia solo 1 tronco. È stata dimostrata una redditività della raccolta meccanizzata da 10 kg/albero.

Tuttavia, nel caso di olivi a più piedi, è necessaria una produzione di 30 kg/albero per ammortizzare detta raccolta non manuale.

I rami centrali vengono rimossi per consentire a una maggiore luce di entrare nell’intero scheletro dell’oliveto

Produzione potatura nell’oliveto

È la potatura più importante dell’olivo, poiché consiste nel mantenere e migliorare i rami produttivi che generano i frutti. Un errore nel suo taglio riduce la produttività nei prossimi anni, quindi è di vitale importanza scegliere i rami da rimuovere.

Allo stesso modo, la potatura dell’olivo verrà eseguita in modo tale che i tagli siano il meno possibile e altamente necessari. Si cerca un aumento della radiazione solare in tutta la parte aerea dell’albero.

Rimuovere i grandi polloni che non sono produttivi. Assorbono una grande quantità di linfa e riducono le dimensioni dei frutti di altri rami produttivi.

Quei piccoli polloni, che si trovano all’interno dell’oliveto, ombreggiano parte dello scheletro dell’albero, quindi verranno lasciati fino a quando non saranno grandi (e rimossi). Inoltre, se l’ingresso di luce è eccessivo, l’albero si «difende» emettendo più ventose per cercare di ombreggiare un po’ di più la parte centrale.

Da qui l’importanza di permettere lo sviluppo dei rami centrali quando sono piccoli, ed eliminarli quando ingrassano troppo per non sottrarre energia al resto dell’albero.

Si dovranno eliminare i rami bassi, che crescono ben al di sotto del piede e che difficilmente ottengono irraggiamento solare (e quindi avranno frutti verdi e piccoli).

Sebbene siano produttivi, limitano notevolmente altri rami più produttivi, che sono quelli che generano la maggiore resa e pezzatura di grasso.

Nella raccolta meccanizzata, questi rami trasmettono vibrazioni molto poco e la raccolta è difficile (frequenza di vibrazione più alta e tempo più lungo, danneggiando l’albero nel suo insieme).

La potatura lobata dell’olivo invece che circolare permette un maggiore ingresso di luce in tutte le parti della pianta.

La maggior parte dei rami sottili dovrebbe essere mantenuta, poiché formano l’equilibrio tra la massa verde (foglie) e lo scheletro o il legno. Se potiamo l’olivo in eccesso rispetto a questi rami, la produzione negli anni successivi sarà limitata.

Leggi tutto: come ridurre la rotazione dell’oliveto.

Ristrutturazione potatura olivi

Quando l’olivo raggiunge un’età avanzata, è necessario effettuare una potatura più intensa per rinnovare il legno.

Ciò si traduce in una perdita di produzione negli anni successivi, ma in un miglioramento rispetto al 3° o 4° anno.

La potatura dell’olivo per il rinnovamento entra in gioco quando vediamo quanto segue nel nostro raccolto:

  1. Aumento della veterinaria. Produzione media/buona un anno con scarsa/nessuna produzione l’anno successivo.
  2. Diminuzione della produzione media.
  3. Perdita della qualità generale dei frutti.
  4. Rami screpolati o eccessivamente invecchiati.

Un consiglio quando si effettua la potatura dell’olivo in ristrutturazione è di farlo in 3 anni separati. Rimuoviamo rami importanti e lasciamo che altri vengano rimossi nelle campagne future. In questo modo si alternano produzione e rinnovo, senza notare un calo di produttività dell’oliveto eccessivamente notevole.

Non supereremo mai il 50% di eliminazione della massa vegetale con potatura di rinnovo.

Hai qualche consiglio in più sulla potatura dell’olivo?

Confronti degli strumenti di potatura

Articoli correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.