Suggerimenti

Dragoncello in crescita : La guida completa alla semina, alla coltivazione e alla raccolta del dragoncello

Il dragoncello è un’erba perenne e resistente che può non essere un punto fermo nella vostra cucina, ma dovrebbe esserlo. Non solo la coltivazione del dragoncello è una delle sfide più facili, ma l’erba ha molti usi, dalla cucina all’armadietto dei medicinali.

Famoso come componente delle salse olandese e bearnese, il sapore delicato e leggermente anice delle foglie di dragoncello porterà le vostre ricette al livello successivo. Si sposa particolarmente bene con piatti a base di pesce, formaggio e uova. Il dragoncello aggiunge anche un bel sapore ai fagioli o alle verdure come gli spinaci. Il profumo dolce ricorda il fieno appena tagliato.

Il dragoncello è conosciuto come il “piccolo drago” per il suo nome latino dracunculus. Si pensa che il nome derivi dalla forma delle radici del dragoncello, che si raggomitolano come serpenti addormentati. Il dragoncello era una delle erbe medicinali usate da Ippocrate ed era comune nei giardini medievali.

Questo articolo vi introdurrà alla coltivazione del dragoncello e a tutte le ragioni per cui non dovreste aspettare a piantarlo nel vostro giardino di erbe aromatiche.


Varietà di dragoncello

Ci sono due diversi tipi di dragoncello. L’erba popolare della cucina è conosciuta come dragoncello tedesco o francese. L’altro, il dragoncello russo, non è così gustoso, ma è una bella aggiunta al giardino.


Dragoncello tedesco e francese (Artemesia Dracunculus Sativa )

Questa è la varietà culinaria utilizzata in cucina. Di solito si chiama francese, ma si vede anche il dragoncello tedesco. Questa varietà può essere coltivata solo da talee.

Se il vostro obiettivo è quello di preparare deliziosi piatti a base di dragoncello, allora questa varietà fa per voi. Il dragoncello francese ha un alto contenuto di oli essenziali che gli conferiscono un profumo e un sapore meraviglioso.


Russo ( Artemisia dracunculoides Pursch )

Le foglie del dragoncello russo sono più spesse e hanno meno sapore di quelle del dragoncello francese. Ho sentito dire che sa di erba, molti chef considerano la varietà russa inferiore in cucina.

Il lato positivo è che produce semi ed è più facile da moltiplicare. La varietà russa può essere utilizzata per scopi medici. Le foglie sono di un verde più chiaro, appuntite e più sottili di quelle della sua popolare sorellastra, il dragoncello francese, ma è comunque una bella aggiunta visiva a un giardino di erbe aromatiche.


Dragoncello messicano ( Tagetes lucida )

Il dragoncello messicano fa parte della famiglia delle preoccupazioni. È una pianta perenne del profondo sud, e alcuni la usano come sostituto della varietà francese.


Impianto Tarragone

Il dragoncello è meglio coltivato da talee. Potete anche acquistare una pianta dal vivaio locale.


Requisiti del suolo

Il dragoncello cresce meglio in terreni argillosi ricchi di fertilizzanti con un pH compreso tra 6,3 e 7,5. Non ama i terreni pesanti, quindi aggiungete sabbia e letame ben putrefatto se avete terreni argillosi pesanti. Se avete un terreno sabbioso, aggiungete del fertilizzante per migliorarne la consistenza. Il dragoncello ha bisogno di un terreno ben drenato.


Requisiti della luce solare

Pianta in pieno sole o in penombra.


Zone

Il dragoncello è resistente e può essere piantato nelle zone da 4 a 9.


Taglio dello stelo

Per la propagazione mediante talea a stelo, collocare tre talee di quattro centimetri in un vaso di sei centimetri riempito con una miscela di terriccio. Assicurarsi che ci siano fori di drenaggio sul fondo.

L’umidità è importante, quindi avvolgere un sacchetto di plastica intorno al
vaso da fiori. Mettetelo su un vassoio e mettetelo in un luogo caldo.


Taglia radici

Il dragoncello è ideale per la talea di radice come metodo di propagazione. Ecco il metodo passo dopo passo per la propagazione delle radici

  1. Scavare le radici. Di solito questo viene fatto quando le piante sono dormienti.
  2. Tagliare le radici che sono circa la larghezza e la lunghezza di una matita da scuola. Volete che le vostre talee siano lunghe da 2 a 3 pollici.
  3. Mettete le vostre talee su un letto di semina pieno di terra. Si vuole metterli orizzontalmente in piccole trincee profonde mezzo centimetro.
  4. Spruzzateli con una bottiglia d’acqua e copriteli con un tappo di plastica o un foglio di vetro. Volete che mantengano l’umidità all’interno.
  5. Controllate ogni giorno per vedere se hanno sviluppato delle epidemie.
  6. Una volta che sono germinati, è possibile rimuovere il coperchio di plastica o di vetro, ma mantenerli umidi.
  7. Trapianto quando sono germinati più volte e hanno i peli delle radici che crescono.

  8. Coltivazione da seme

    Si può coltivare il dragoncello russo da seme. Il dragoncello francese e tedesco deve essere coltivato da talee o acquistato.

    Iniziare la semina in casa in tarda primavera, prima dell’ultima data prevista per il gelo. Il tasso di germinazione è basso, quindi prevedete di mettere quattro semi per vaso. Mettere i semi nel terriccio e spingerli delicatamente nel terreno per garantire un buon contatto. Si dovrebbe coprire leggermente i semi e spruzzarli per inumidire il terreno. Le piante dovrebbero iniziare ad emergere dopo 10-12 giorni.


    Trapianto

    Trapianto di dragoncello dopo il pericolo di gelo. Mantenere il terreno umido fino a quando l’erba non si è ben consolidata.


    Spaziatura

    Scegliete un luogo che riceva la piena luce del sole e che abbia una buona circolazione dell’aria. Pianta a 18-24 cm di distanza l’uno dall’altro con 24 cm tra le file. Si tratta di un’erba alta e spinosa che può crescere fino a un metro di altezza.


    Crescita del contenitore

    Un terreno ben drenato è importante per quest’erba, per questo il dragoncello cresce particolarmente bene in aiuole o contenitori rialzati.


    Cura di dragoncello


    Irrigazione

    Non innaffiare troppo il dragoncello, si causano problemi di muffa. Una volta stabilite le vostre giovani piante, non hanno bisogno di molta acqua. In effetti, il dragoncello è un’erba eccellente per la xeriscape nel sud-ovest. Annaffiate solo se il terreno intorno alla vostra pianta ha completamente
    …si è prosciugato.


    Fertilizzante

    Mettete uno spesso strato di pacciame intorno alle vostre piante di dragoncello in crescita in autunno. Questo li aiuterà a far fronte agli sbalzi di temperatura invernali. La pacciamatura è particolarmente importante nei climi nordici.


    Dimensione

    Il dragoncello ha dei bellissimi e delicati fiori verde pallido. La potatura garantirà una buona crescita delle foglie, quindi potare i fiori sterili quando appaiono.


    Divisione

    Ogni tre o quattro anni, vorrete dividere il vostro
    piante. Si separano all’inizio della primavera. Tagliare le radici più vecchie e legnose. Mantenere le piccole radici che hanno germogli
    …attaccati. Potete reimpiantarli.

    Mettere le piante in vasi di quattro centimetri con una miscela di terriccio. Innaffiatelo e mettete il vaso all’ombra per due settimane. Dopo due settimane, controllare se i peli delle radici sono cresciuti. Una volta che i peli delle radici sono ben sviluppati, possono essere piantati in giardino.


    Fertilizzante

    La concimazione regolare non è necessaria per la maggior parte delle erbe, incluso il dragoncello. In primavera, rimuovere il pacciame e aggiungere uno strato di un centimetro di buon fertilizzante. Poi, 2 o 3 volte durante la stagione di crescita, dare alla pianta un estratto di alghe.

    Troppo azoto può ridurre la concentrazione di oli essenziali e diminuire il sapore, quindi fate attenzione a non fertilizzare troppo.


    Problemi e soluzioni per la coltivazione del dragoncello

    Il dragoncello presenta pochi problemi ed è generalmente resistente agli insetti e alle malattie. Detto questo, ci sono alcune cose da tenere a mente.


    Ossido di dragoncello e ruggine bianca

    La ruggine appare come macchie gialle o bianche sulle foglie. Può ostacolare la crescita delle piante. Rimuovere le foglie infette ed evitarle in futuro innaffiando la base delle piante al mattino in modo che il fogliame possa asciugarsi durante il giorno.


    Oidio

    L’oidio è un fungo bianco che ricopre le foglie di dragoncello in crescita. Rimuove e distrugge le foglie infette e spruzza le piante con un fungicida.


    Marciume delle radici

    Il dragoncello può contrarre il marciume delle radici a causa dell’eccessiva irrigazione o dei funghi presenti nel terreno. Le piante colpite avranno radici nere e morbide. Rimuovere la pianta dal terreno, lavare le radici e tagliare le radici gravemente colpite. Aggiungere nuovo terreno alla buca dove la pianta cresceva e ripiantare.


    Partner Impianti per dragoncello

    Provate a coltivare il dragoncello con erba cipollina e salvia perché hanno esigenze di crescita simili. Il dragoncello può essere combinato con la melanzana per aiutare a respingere i parassiti. Alla maggior parte degli insetti non piace l’odore. Si può anche coltivare il dragoncello con timo, pomodori e peperoni.

    Non piantare dragoncello con indivia o carciofo.


    Raccolta e conservazione

    Si possono raccogliere le foglie in qualsiasi momento, ma è l’ideale per raccogliere le cime delle piante appena prima della fioritura. Questo accade da 40 a 60 giorni dopo il trapianto.

    Tagliate qualche molla, poi avvolgete un elastico intorno alla fine e conservatelo in un luogo fresco e buio per diversi giorni. Conservare fino a due settimane nella parte più fredda del frigorifero.

    Il dragoncello è meglio usato fresco, ma può anche essere essiccato e congelato. Per l’asciugatura, l’asciugatura ad aria funziona meglio. L’essiccazione in un disidratatore o in forno può ridurre il numero di oli essenziali e quindi il sapore.

    Dal punto di vista medico, il dragoncello può trattare l’indigestione, i problemi mestruali e il mal di denti. È anche una buona fonte di potassio. Le donne incinte o che allattano non devono assumere dragoncello per via orale per scopi medici.


    Cucina al dragoncello

    Il dragoncello è presente in molte cucine francesi, soprattutto nelle salse, nel pollo, nel pesce e nei piatti a base di uova.

    Il dragoncello ha un sapore leggero. Funziona particolarmente bene nell’aceto. È così che si fa:

    1. Raccogliete diversi rametti di dragoncello fresco.
    2. Con un rullo, arrotolare delicatamente le foglie per liberare gli oli essenziali.
    3. Mettere le foglie in un vaso in muratura o in un altro vaso decorativo con coperchio a tenuta d’aria.
    4. Versare l’aceto bianco nel vaso fino a coprire le foglie.
    5. Conservare in un luogo fresco e buio per tre settimane.
    6. Togliere le foglie con un colino e lasciare l’aceto nel vaso.
    7. Conservare fino a sei mesi su uno scaffale della dispensa.
    8. Mi piace anche questa ricetta di Gordan Ramsey per funghi, porri e pasta di dragoncello.

      Questa ricetta permette di fare un incredibile Tarragon Cream Cheese :

      c’è 1 tazza

      Una confezione da 8 once di formaggio cremoso, a temperatura ambiente.
      14 tazze di dragoncello finemente tritato.
      Pepe appena macinato.
      1 spicchio d’aglio o scalogno

      Mettere tutti gli ingredienti
      nella ciotola di un robot da cucina e lavorarla fino a quando non sarà ben amalgamata. Mettetelo in un
      …e goditela.

      Se non avete mai provato a coltivare il dragoncello, questo è il momento giusto. È una semplice erba che permette di ampliare le opzioni culinarie.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *