Suggerimenti

Radici delle piante 101: Trovare le nostre radici nel giardino

C’è stato un momento nella mia vita in cui non ho capito bene cosa significasse “arrivare alla radice” di qualcosa. Espressioni come “arrivare alla radice di un problema” o “tornare alle basi” sembravano essere frasi sciocche che i dirigenti aziendali usavano per creare lavoro inutile per altre persone.

Ora coltivo il mio cibo. Per mangiare, mi affido alla mia conoscenza delle radici. Quindi queste espressioni hanno un significato vero .

Le radici sono letteralmente e figurativamente la base del successo o del fallimento del giardinaggio. Quindi ha senso guardare alle radici e alla struttura delle radici delle piante per avere consigli su come affrontare le piante, come risolvere i problemi del giardino e così via.

Se volete sapere come cresce il vostro giardino, continuate a leggere.


La ragione delle radici

La maggior parte delle persone sa che le piante traggono il loro nutrimento dalle loro radici. Bevono anche acqua. Inoltre, le radici ancorano le piante nel terreno in modo che vento, pioggia e altre forze ambientali non possano spostarle facilmente.

Tuttavia, molte persone non si rendono conto che le radici sono anche gli strumenti dei social network delle piante. Le radici creano connessioni con micorrize (piccoli funghi) e batteri per aiutare a promuovere la salute generale delle piante. Servono anche come ricevitori di comunicazione per i messaggi sotterranei provenienti da altri impianti.


Rapporti micorrizici

Le piante condividono con le micorrize alcuni degli zuccheri che producono per fotosintesi. In cambio di questa dolcezza, questi piccoli funghi forniscono alle piante una parte del nutrimento di cui hanno bisogno per sopravvivere.

Il fosforo, ad esempio, è spesso scarsamente distribuito sul terreno. A volte è difficile che le piante ne trovino abbastanza da sole.

I funghi del terreno assorbono il fosforo e lo restituiscono alle piante. È come un taxi da asporto per le piante!


Relazioni batteriche

La maggior parte dei giardinieri sa che un batterio chiamato rizobia ha un rapporto con i legumi. Le piante danno ai batteri il segnale che hanno bisogno di azoto.

I batteri estraggono l’azoto dall’aria. Poi creano dei piccoli sacchetti di stoccaggio chiamati noduli nella radice della pianta.

Il nodulo è collegato alla radice in modo che le piante possano estrarre l’azoto da essa. In cambio, le piante danno ai batteri i carboidrati creati dalla fotosintesi.

Questo rapporto batterico tra rizobiosi e legumi è ben noto. Ma nuove ricerche hanno dimostrato che ci sono anche altri batteri che forniscono azoto che lavorano con piante non leguminose.

Cominciano ad emergere dati sul funzionamento di queste altre relazioni batteriche. Ma i vantaggi sono così evidenti che entro il 2019 alcuni coltivatori di mais industriali inizieranno a utilizzare come fertilizzante i batteri produttori di azoto.


Reti sociali

Negli anni ’80, la gente ti avrebbe guardato come se fossi pazzo se avessi detto che le piante usano le loro radici per parlare tra loro. Oggi, tuttavia, è scientificamente provato che le piante comunicano utilizzando i segnali inviati e ricevuti dalle loro radici.

Non conosciamo ancora tutti i dettagli della loro comunicazione. Ma è chiaro che le piante si avvisano a vicenda in caso di attacchi di parassiti. Comunicano anche tra loro sulla loro posizione.

Si informano persino l’un l’altro sull’impatto che i loro comportamenti possono avere l’uno sull’altro. Ad esempio, il mais coltivato in un luogo vicino racconta all’altro i suoi tassi di crescita. Questo permette al mais coltivato nelle vicinanze di crescere più velocemente se necessario, per evitare di essere ombreggiato da piante di mais più grandi.


Cosa ci dicono le nostre radici

Oggi le piante possono non parlarci nello stesso modo in cui si parlano tra di loro. Tuttavia, le radici possono ancora insegnarci molto su come possiamo lavorare insieme a loro per sviluppare relazioni reciprocamente vantaggiose.

Proprio come le piante forniscono cibo per micorrize e batteri, se diamo alle nostre piante ciò di cui hanno bisogno per crescere bene, anche noi raccogliamo i benefici del nostro cibo!


Tipi di radici delle piante

In generale, ci sono due tipi principali di radici. Sono chiamate radici primarie e radici fibrose.

Comprendere la struttura delle radici della vostra pianta può aiutarvi a prendere decisioni importanti per la vostra salute. Ad esempio, la preparazione del terreno e il fabbisogno di nutrienti sono determinati in gran parte dalla struttura delle radici di una pianta.


1. fittoni

Le piante con radici primarie crescono con una radice principale che poggia sulle radici laterali che si diramano dalla radice principale. Alcune delle erbacce più difficili da estirpare, come i denti di leone, la zampa d’oca e i quarti di agnello, sviluppano profonde radici secondarie che le ancorano saldamente al terreno.

Inoltre, alcune delle verdure più gustose come carote, pastinaca, bietole, ravanelli e rape hanno anche radici primarie. Tuttavia, hanno quello che viene chiamato un fittone modificato.

La radice primaria di questi gustosi ortaggi è stata modificata per diventare una forma di conservazione di nutrienti e acqua per la pianta. Le radici primarie rotonde, come le rape, sono chiamate radici napiformi. Le radici primarie allungate con punte appuntite, come le carote, sono chiamate radici affusolate. Le radici che sono strette alle estremità e larghe al centro, come i ravanelli, sono chiamate radici a fuso.


Coltivazione di piante con radici primarie

Tutte le giovani piante hanno bisogno di cure per affermarsi. Le piante con radici primarie, tuttavia, tendono ad adattarsi meglio alla ricerca di minerali nel terreno e all’accesso all’acqua nei periodi di siccità.


Un’ottima scelta per i nuovi giardinieri

Di conseguenza, sono generalmente meno ben mantenuti una volta stabiliti. Questo li rende delle buone opzioni per i nuovi giardinieri da provare.

Ad esempio, il prezzemolo è noto per essere una delle erbe più facili da coltivare perché è una pianta di radice primaria. Una volta iniziato, è difficile uccidere.


Minor fabbisogno di azoto

La maggior parte delle piante con radici primarie non ha bisogno di grandi quantità di azoto per crescere. Se c’è una grande quantità di azoto nel suolo, essi tendono a sviluppare una prolifica crescita superiore e una limitata crescita delle radici.

Questo è di solito il problema se le vostre carote o pastinache sono sempre più grandi invece di crescere a lungo in terreno sciolto.


Preferisce il terreno profondo

Un terreno ben lavorato o profondo è ideale per la coltivazione di piante con radici primarie. Anche se, dato il tempo sufficiente e le buone condizioni di crescita, le radici primarie possono spesso perforare in profondità nel terreno compattato.

Per questo motivo le colture come il rafano vengono utilizzate come frangisole. Vengono piantate, lasciate crescere in profondità e poi lasciate morire nel terreno. Quando la radice del ravanello si decompone, aria, acqua, batteri e funghi si spostano nello spazio aperto per migliorare il terreno.


Non va bene per i contenitori

Le piante con radici primarie non sono grandi produttori di contenitori. Se volete coltivare ortaggi a radice in contenitori o su letti rialzati, assicuratevi che siano molto profondi.


Alimentatore di fosforo pesante

Le piante con radici primarie hanno generalmente bisogno di una buona quantità di fosforo per uno sviluppo ideale delle radici. Quando verdure come barbabietole, carote, rape e ravanelli crescono lentamente, spesso la causa è la mancanza di fosforo.

A causa di queste relazioni radicali e di radici primarie durevoli, anche se il fosforo non è immediatamente disponibile, queste piante possono vivere. Ho visto rape prive di nutrienti sopportare per oltre un anno in condizioni difficili.


Taglia radici

Alcune piante perenni con radici primarie possono essere facilmente propagate da talee di radici. Comfrey e rafano sono buoni esempi. Anche un piccolo pezzo di radice rimasto nel terreno può crescere in una grande pianta da queste radici primarie.


Evitare il trapianto

In generale, le piante con radici primarie avranno un tasso di crescita più lento se la radice primaria viene disturbata dopo l’impianto. Per questo motivo, di solito è meglio piantare da seme direttamente in giardino.

Se si desidera pre-inizializzare le piante all’interno, assicurarsi di utilizzare cellule profonde o blocchi di terra. Trapianto prima che la radice primaria inizi a torcersi. Non allentare le radici durante il trapianto.


2. radici fibrose

Il secondo tipo di radice è chiamato radice fibrosa. Le radici fibrose spesso assomigliano più alla testa di un mocio. Gli esempi più comuni di sistemi di radici fibrose sono cose come l’erba e la lattuga.

Quando li scavate, potete vedere chiaramente una massa di radici che si estende dal centro della base della pianta piuttosto che dal centro di una radice.


Cipolle

Alcuni degli ortaggi che consideriamo “radici” non sono radici di piante. Le cipolle, per esempio, hanno un apparato radicale fibroso.

La parte bulbosa della pianta di cipolla non fa parte della radice. Fa parte della parte del fusto della pianta. Come le radici modificate, il bulbo è un dispositivo di stoccaggio a base di stelo alimentato dalle radici.


Patate e patate dolci

Inoltre, come per le radici primarie del tipo di stoccaggio modificato, ci sono “radici” sotterranee che crescono con un sistema radicale fibroso.

Le patate e le patate dolci, ad esempio, hanno entrambe un apparato radicale fibroso. Tuttavia, possono anche creare i “dispositivi di memorizzazione” sotterranei che ci piace mangiare.

Nel caso delle patate, il dispositivo di conservazione fa parte del fusto della pianta. Le patate dolci, invece, sono le radici delle piante che crescono nel grasso con le sostanze nutritive immagazzinate. In tutti i casi, tuttavia, le radici tuberose e gli steli sono alimentati da un sistema radicale fibroso.


Erba

La maggior parte delle erbe ha un apparato radicale fibroso. Erbe come il basilico possono sviluppare rapidamente sistemi di radici fibrose estremamente complesse ed estese che permettono una crescita superiore incredibilmente prolifica. Ecco perché sono così facili da coltivare.

L’origano è un altro eccellente esempio di struttura radicale fibrosa. Le radici dell’origano crescono molto vicine alla superficie del terreno e si estendono come un tappeto.


Crescita di piante con radici fibrose

Le piante fibrose ottengono la maggior parte delle loro sostanze nutritive dai centimetri superiori del terreno. Questo li rende più bisognosi delle piante di radici primarie.


Diritto al fertilizzante

Le piante fibrose traggono i maggiori benefici dall’uso di fertilizzanti e dall’aggiunta di letame fresco. Poiché le radici crescono principalmente negli strati superiori del terreno, depositano le sostanze nutritive in questa zona per ottenere i migliori risultati.

Modificare il terreno prima di piantare, e anche, cambiare lato con il fertilizzante, se necessario, durante la stagione di crescita.


Pozzo d’acqua

Alcune piante con radici fibrose possono essere in qualche modo tolleranti alla siccità quando sono ben stabilite e hanno un grande apparato radicale. In generale, le piante con radici fibrose e piccole foglie tendono a cadere in questa categoria. Erbe come la lavanda, il rosmarino e l’origano ne sono un buon esempio.

Tuttavia, le piante con radici fibrose che non sono progettate dalla natura per avere piccole foglie si atrofizzeranno generalmente e saranno stressate durante la siccità. Per questo motivo le piante a foglia, come la lattuga, non crescono in grandi foglie o teste senza un’annaffiatura costante, anche se tutte le sostanze nutritive sono presenti nel terreno.

Queste piante traggono inoltre maggiori benefici dall’uso della pacciamatura per preservare l’umidità.


Facile da trapiantare

Le piante con radici fibrose non sembrano opporsi al trapianto. Finché la massa radicale non è troppo disturbata, queste piante cominceranno a crescere nel giro di pochi giorni una volta che le avrete collocate nella loro posizione permanente.


Spaziatura sufficiente sul terreno

Le piante con radici fibrose non hanno la stessa capacità di perforare per i nutrienti delle piante con radici primarie. Quindi, in generale, è meglio dare loro spazio per espandere le loro radici e trovare nutrienti.

Come regola generale, in un terreno fertile, concedo alle piante fibrose il doppio dello spazio sottoterra rispetto a quello che avrebbero in superficie. Ma c’è un’eccezione a questa regola.

Le piante con radici primarie possono essere interposte tra piante con radici fibrose e le due possono crescere bene insieme anche in uno spazio ridotto. Tuttavia, se si impilano le piante fibrose con altre piante fibrose, esse competeranno per le risorse allo stesso livello.


Imbroglioni: fittoni fibrosi

Per rendere le cose un po’ più confuse, ci sono piante che hanno una radice a fittone per cominciare. Poi, man mano che maturano, sviluppano un apparato radicale fibroso.

Molti alberi da frutto rientrano in questa categoria. Iniziano con una radice a fittone a crescita rapida che li lega al terreno. Poi crescono con un sistema di radici fibrose con molte ancore laterali per raccogliere le sostanze nutritive e sostenere la loro crescita superiore.

Il cavolo è un altro esempio perfetto. Nella sua forma iniziale, assomiglia molto a una pianta di radice primaria. Tuttavia, poche settimane dopo il suo sviluppo, trasferisce la maggior parte dei suoi nutrienti ad un sistema radicale fibroso.


Crescita dei truffatori di radici

Con questi consigli, è meglio trattarli come radici primarie per la semina. Poi trattarle come piante con radici fibrose per ottenere i migliori risultati di crescita.


Trapianto con cura

Se la radice primaria viene alterata durante il trapianto, queste piante continueranno a crescere. Tuttavia, la loro crescita si atrofizzerà da ciò che avrebbe dovuto essere.

Utilizzare contenitori abbastanza profondi in modo che la radice primaria non si arricci prima del trapianto. Trapianto con terreno intatto.


Garantire una fertilità uniforme

Anche se il fittone fornisce una certa capacità di ricerca di sostanze nutritive, mi nutro più come una sonda che come una radice a fittone. Se il fittone trova le sostanze nutritive in profondità, allora anche le radici fibrose della pianta crescono in profondità per accedervi. In caso contrario, le radici fibrose tendono a crescere principalmente in terreni poco profondi.

Trovo che con questi incroci di piante radicate, l’incorporazione di modifiche del suolo ad un livello più profondo migliora la crescita complessiva.


Capire le radici della vostra pianta

attraverso le vecchie famiglie

Queste informazioni sono solo la parte superiore della radice a fittone in termini di ciò che le radici possono dirvi sulle vostre piante e su come farle crescere bene. Ma spero che quello che avete letto oggi vi abbia fatto venire voglia di tornare alle origini!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *