Suggerimenti

Cura del narciso: [sporco, umidità, potatura e problemi]

Che caratteristiche hanno i narcisi?

I narcisi o narcisi comprendono un genere di circa 400 varietà tutte provenienti dal bacino del Mediterraneo, dalla Cina e dall’Asia centrale.

Sono famosi per la loro grande rusticità, si adattano a tutti i terreni. Sono ideali in bordure, solidi, in convivenza con altri bulbi di tulipani e giacinti.

Sono erbacee perenni bulbose che regalano bellissimi fiori dalla suggestiva forma a trombetta nei colori giallo, arancio e bianco, a fine inverno e primavera, anche se vi sono specie che fioriscono in autunno.

Può raggiungere un’altezza di circa 50cm ed i suoi fiori sono molto vistosi e profumati, con una durata massima di 20 giorni. Tra le varietà più conosciute ci sono i narcisi a tromba, i narcisi a coppa grande e piccola, Narcissus triandus , Narcissus cyclamineus, Narcissus t azetta , Narcissus poeticus , tra gli altri.

Che bisogno di terra hanno i narcisi?

Se è vero che la maggior parte delle varietà di narcisi può vivere felicemente in una vasta gamma di terreni, è anche vero che preferiscono terreni moderatamente fertili e molto ben drenati.

Nella preparazione è necessario assicurarsi che il terreno sia molto soffice perché ciò consentirà la sana espansione delle radici. Un’altra chiave: è necessario piantare in substrati che filtrano bene, poiché questa è una condizione importante affinché possano avere un pieno sviluppo nella fase di crescita.

Ciò che richiede in termini generali è un substrato sciolto, ricco di materia organica. E se la materia vegetale decomposta viene aggiunta in abbondanza sulla superficie del terreno, contribuisce notevolmente ad evitare la comparsa di malattie.

I bulbi di narciso si piantano con successo in autunno, quando attecchiscono e ideali per spuntare le prime foglie, segnale positivo per poi lasciare il posto a bellissimi fiori in primavera .

Questi bulbi vanno seminati separatamente, a una distanza di circa 20 cm l’uno dall’altro, su un substrato precedentemente inumidito dove sono state scavate buche profonde circa 18-20 cm.

Un fatto importante è che il bocciolo del bulbo deve essere rivolto verso il cielo, va verso l’alto. Subito dopo si annaffia abbondantemente il terreno, avendo cura che l’acqua non rimanga stagnante.

Ecco perché è molto importante che il substrato sia sciolto, leggero, con un’ottima capacità filtrante. In vaso può utilizzare un substrato universale e aggiungere parti uguali di torba, fibra di cocco e humus di lombrico .

Come far crescere i narcisi forti e vigorosi?

Una delle chiavi per far crescere i narcisi è la luce. Non può essere intenso, diretto, ma nemmeno possono vivere in un deficit di luce, nell’oscurità. Hanno bisogno di luce da moderata a piena, ma indiretta. Se, ad esempio, viene tenuto in vaso, può rimanere in un luogo vicino a una finestra, in mezz’ombra.

L’esposizione diretta al sole per un lungo periodo danneggia completamente la fioritura, rovina la pianta . L’irrigazione è continua, ma controllata, un paio di volte ogni 2 o 3 volte al giorno.

È ideale per inumidire il substrato senza creare pozzanghere o pozzanghere che danneggiano i bulbi marci che finiscono per far ammalare a morte la pianta .

Sebbene il narciso sia una pianta molto reattiva che cresce senza richiedere troppo, è anche importante dargli una concimazione moderata quando i nutrienti nel terreno sono esauriti. Un compost ricco di sostanza organica arriva dopo la raccolta, perché in questo modo i nutrienti impoveriti verranno correttamente sostituiti.

Di quale umidità hanno bisogno i narcisi?

I narcisi devono vivere a temperature ideali che vanno da 15ºC a 20ºC durante il giorno e tra 10ºC e 13ºC di notte.

Ma sono tolleranti a temperature minime che vanno da 1ºC a 3ºC. Ciò significa che amano i climi da temperati a freddi. Il calore è il tuo peggior nemico.

Al chiuso , infatti, bisogna allontanarli dalle zone vicine agli impianti di riscaldamento perché questo farà perdere loro le foglie velocemente.

Per mantenere un’umidità costante, il terreno è sempre inumidito e ben drenato, perché i bulbi sono intolleranti al ristagno.

È conveniente acquistare una pianta in vaso con boccioli di fiori, un esemplare con fiori non funzionerà. Quindi dovrebbe essere posizionato nel luogo più fresco della casa.

Garantire un’umidità costante è fondamentale, ma è bene farlo seguendo la tecnica del piatto con l’acqua alla base del vaso, così da ottenere una splendida prima fioritura.

Una volta avvenuta l’esibizione floreale, circa un mese dopo, la pianta verrà trapiantata in un luogo del giardino o in un altro vaso più grande.

Sotto un albero , il narciso rimarrà felice compiendo il suo regolare ciclo di sviluppo. A maggio le foglie scompaiono ma il bulbo sotterraneo sa quando attivarsi per garantire una produzione floreale molto vistosa tra febbraio e marzo, segno inequivocabile dell’arrivo della primavera.

È necessario potare i narcisi?

È solo necessario rimuovere foglie e fiori secchi, con molta attenzione. E raccogli i detriti delle piante per prevenire la comparsa di parassiti e malattie. Una semplice potatura di mantenimento è la norma da seguire, senza troppi rigori.

Quanto spesso dovremmo potare i narcisi?

Bisogna sempre evitare che foglie e fiori secchi indeboliscano la pianta. Ecco perché devi rimuoverli ogni volta che finisce la fioritura.

Come evitare parassiti e malattie dei narcisi?

Sono piante sensibili a determinati parassiti. Vediamo quali sono i principali:

Nematodi (Ditylenchus dipsaci)

Le sue vittime preferite sono i giovani bulbi e i teneri germogli. Prospera a temperature comprese tra 15-20ºC, ma diminuisce nei climi più freddi, con intervalli sotto i 10ºC e sopra i 22ºC. Questo lo rende un problema di salute per i narcisi.

Il nematode attacca la base del bulbo e le parti aeree della pianta. Necrosi e crescite compaiono sullo stelo, macchie clorotiche sulle foglie e arresti della crescita.

Per prevenirlo è fondamentale avere il terreno libero da erbacce , eliminare le piante colpite e disinfettare i bulbi prima di piantare, immergendoli in acqua calda a circa 43,5 ºC per 15-20 giorni per 3 ore al giorno, dopo la raccolta.

Il metodo più efficace è la pastorizzazione a vapore. Per questo, la guida di uno specialista è la migliore.

Zanzara bulbosa (Eumerus sp.)

È un dittero con una potente larva capace di penetrare i bulbi con crudeltà, perché si nutre dei suoi nutrienti e rovina anche le radici. Evitare l’attacco di questa larva dipenderà sempre dal mantenere il sito di coltivazione libero da erbacce e residui colturali.

La lotta biologica si effettua con il supporto dei seguenti funghi: Beauveria bassiana o Entomopthora.

Afide

Si verifica durante la coltivazione del narciso e anche quando i bulbi sono stati raccolti e si trovano nel periodo di conservazione. Ama nutrirsi di bulbi freschi, provocando deformazioni tremende e irreparabili. Ma la cosa peggiore è che trasmettono virus, quindi dovrebbero essere prese misure preventive, come:

  1. Utilizzo di reti antiafide .
  2. Eliminate le erbacce dal campo di coltivazione e in serra, perché sono il miglior alleato degli afidi.
  3. Elimina anche le piante sintomatiche con caratteristiche malate.

La soluzione migliore è stabilire un controllo biologico, utilizzando predatori efficaci come Coccinella septempunctata e Chrysopa o parassiti come Aphelimus mali. Un altro modo è quello di utilizzare insetticidi specifici prima che la pianta possa subire gravi danni. Un aiuto specializzato è importante per sterminare i fastidiosi afidi.

Narciso volare

È un parassita che di solito scoppia in piena estate . Le loro larve entrano nei bulbi per procurarsi il cibo, indebolendo completamente la pianta, poiché provocano deformazioni e le foglie ingialliscono e diventano brutte.

Il modo migliore per prevenire è una disinfezione completa del bulbo prima di piantarlo, immergendolo in acqua calda (40-50ºC) per 3-4 ore.

È inoltre prudente eliminare le erbacce, i residui colturali e la materia organica in genere. Tra le malattie più rilevanti nei narcisi abbiamo notevoli attacchi fungini. Vediamo:

Marciume del collo

È causata da un fungo che non ha pietà dei narcisi, Fusarium sp. Danneggia radici e fusto, provocando un marciume bruno-rossastro molto evidente, generando clorosi nelle foglie, ritardi nella crescita e danneggiamento dei boccioli fiorali, che non appariranno.

Per evitare ciò, si consiglia di ruotare le colture ogni 5 anni, utilizzare prodotti chimici autorizzati per la fumigazione, la soppressione delle erbe infestanti, l’essiccazione rapida dei cormi e la calcinazione dei terreni.

Botrytis cynerea

È un altro fungo che preferisce entrare nelle ferite della pianta, in condizioni di alta temperatura e umidità. Su steli, foglie e fiori compare un micelio grigio con grande capacità di espansione.

Penicillium sp

Ha il suo aspetto nella conservazione dei bulbi, a temperature inferiori a 17ºC e alta umidità. I bulbi si contaminano con macchie necrotiche sulle loro squame fino a quando appare una tonalità brunastra che si trasforma in una lesione bianca spugnosa, perché provoca danni significativi.

Di conseguenza, i bulbi malati produrranno solo germogli corti, nani e storditi. Nello stoccaggio è necessario evitare che l’umidità sia superiore al 70%.

Bibliografia e riferimenti

  • Alcuni aspetti sulle principali specie di fitonmatodi associate alle  colture di  piante ornamentali
  •  Narcisos  de Navarra, ML López – researchgate.net

  • Narcisi  selvatici nel nord della provincia di Jaén

  • [LIBRO]  Tre  narcisi di  Granada descritti da Mariano del Amo y Mora

  • [PDF]  I fiori di Madrid

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.