Suggerimenti

Solfato di ferro per piante: a cosa serve e come usarlo

Non tutte le piante hanno lo stesso tipo di requisiti e quando si parla di pH del terreno, si tratta di uno dei problemi più difficili o fastidiosi da risolvere, soprattutto per i giardinieri meno esperti.

Il solfato di ferro è uno dei prodotti più utilizzati in questo tipo di situazioni, anche se per sfruttarlo al meglio è necessario conoscerlo bene. Se vuoi sapere cos’è il solfato di ferro per le piante e come usarlo, o anche come fare il solfato di ferro fatto in casa per le piante, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde.

Cos’è il solfato di ferro

Quando si parla di solfato di ferro per il giardinaggio ci si riferisce sempre al solfato di ferro (II), un composto chimico che si ottiene facendo reagire acido solforico con ferro metallico.

È molto facile da trovare nei negozi di giardinaggio e altre superfici specializzate, solitamente in due grandi formati: come polvere verde-bluastra, o sotto forma di granuli bianchi o marroni. La polvere viene assorbita più rapidamente, mentre i granuli agiscono in modo molto più graduale.

Cos’è il solfato di ferro per le piante

L’uso principale dato a questa sostanza in giardinaggio è quello di abbassare il pH del terreno. Le piante hanno bisogno di assorbire una moltitudine di nutrienti dal terreno, ma quando il terreno è troppo alcalino, le radici non riescono più a ottenere il ferro di cui hanno bisogno e compaiono i sintomi della clorosi ferrica. Quando le foglie della pianta sembrano perdere colore e solo i nervi sono verdi, è un segno inequivocabile di clorosi, e normalmente non significa che il substrato o il terreno non abbiano ferro, ma piuttosto che le radici della pianta non può assorbirlo perché un pH troppo alto.

Ciò accade soprattutto con piante come ortensie, camelie, gardenie o azalee, tra molte altre. Sono le specie vegetali acidofile, che necessitano di terreni acidi per potersi sviluppare bene, cioè a pH basso. A questo punto una menzione a parte meritano le ortensie, spesso costrette a virare i fiori di rosa, inducendo clorosi, in una pratica che mette seriamente a dura prova e minaccia la salute della pianta. Se hai intenzione di ottenere un’ortensia con fiori rosa, assicurati che siano per varietà e che le loro foglie abbiano un aspetto verde sano e non giallo o bianco. Qui puoi saperne di più sulle piante acidofile: cosa sono, esempi e cure.

È anche comune trovare piante che soffrono di clorosi ferrica in zone dove l’acqua corrente è molto calcarea. Annaffiare le piante con acqua corrente è una pratica molto comune, e non c’è niente di male quando non si tratta di specie acidofile. Tuttavia, quando l’acqua è molto carica di calcare, l’irrigazione continua finisce per alterare profondamente il pH del terreno, innalzandolo e rendendolo alcalino. Se inizi a usare il solfato di ferro per le tue piante perché ne hanno bisogno, assicurati di iniziare ad annaffiare con acqua neutra o lascialo riposare per 24 ore prima di usarlo e non usare gli ultimi centimetri del contenitore.

Per approfondire l’argomento, ti consigliamo di leggere Come misurare il pH del terreno. Ti consigliamo inoltre di approfondire questo problema leggendo questo altro post sulla Clorosi nelle piante: cos’è e come eliminarla.

Come fare il solfato di ferro fatto in casa

È possibile preparare in casa il solfato di ferro, anche se consigliamo di farlo solo in casi estremi in cui non è possibile fornirlo da soli su superfici specializzate. I motivi sono che il solfato di ferro preparato non è costoso, e con quello che faremo in casa non c’è modo di calcolare le dosi esatte, oltre ad essere un processo noioso e lento. Anche così, ti insegniamo come farlo:

  1. Prepara un contenitore d’acqua, che può essere solo una bottiglia di plastica.
  2. Aggiungere alcuni materiali di ferro come chiodi o noci, immersi in acqua con una piccola quantità di zolfo.
  3. È importante rimuoverlo due o tre volte al giorno in modo che lo zolfo reagisca con il ferro.
  4. Dopo circa 15 giorni avrà assunto il caratteristico colore di ossido di ferro, e l’impasto sarà pronto per essere utilizzato in piccole quantità nell’acqua di irrigazione ed eventualmente applicato.

Come usare il solfato di ferro per le piante

La cosa più normale è applicarlo diluito nell’acqua di irrigazione o aggiungerlo al terriccio delle piante del giardino. In vaso è più comune cambiare solo il substrato con uno specifico per piante acidofile, che ha già un pH adeguato.

Nell’acqua di irrigazione la proporzione tende a essere di 3 grammi per litro, mentre a terra si usa usare circa 40 grammi per metro quadrato. In entrambi i casi, l’applicazione non funzionerà se non interrompiamo l’irrigazione con acqua corrente o se non la riposiamo prima. Tuttavia, è importante leggere le specifiche e le indicazioni specifiche di ogni prodotto e assicurarsi di seguirle. Se la clorosi ferrosa non viene fermata rapidamente, la salute della pianta si deteriorerà sempre di più con risultati fatali, quindi agisci sempre rapidamente.

Ora che conosci gli usi del solfato di ferro per le piante, ti invitiamo a scoprire Zolfo per le piante: benefici e come applicarlo.

Se desideri leggere altri articoli simili a Solfato di ferro per piante: a cosa serve e come usarlo, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.