Suggerimenti

Sovescio: cos’è e come si fa?

Hai mai sentito parlare di sovescio? Questa tecnica ecologica per l’arricchimento del suolo è tutt’altro che nuova: anticamente era comunemente usata per combattere l’esaurimento dei nutrienti del suolo. Fortunatamente, non è così difficile da usare come potrebbe sembrare a prima vista ed è davvero vantaggioso.

Se vuoi saperne di più su questa tecnica, che, fortunatamente, sta diventando sempre più comune, unisciti a noi in questa interessante guida pratica al giardinaggio di EcologíaVerde in cui parliamo di cos’è il sovescio e come viene prodotto.

Cos’è il sovescio e a cosa serve?

Il sovescio non è un fertilizzante che dobbiamo produrre e poi incorporare nel frutteto o nel giardino. È una tecnica con la quale possiamo arricchire il terreno con l’ ausilio di alcune specie vegetali che aiutano a migliorare le proprietà del terreno.

Quando il terreno viene lasciato scoperto alla fine di un certo raccolto o semplicemente non lo lavoriamo per un po’, il sole e gli agenti atmosferici puniscono il terreno ei microrganismi, rendendolo più povero e secco. Se invece sfruttiamo le stagioni in cui non coltiviamo nulla per piantare alcune specie che poi falciamo o lasciamo essiccare naturalmente in modo che vengano inglobate nel terreno, riusciamo a migliorarne il contenuto di nutrienti, le proprietà e la loro capacità di sostenere colture future esigenti in termini di nutrienti.

È una pratica utilizzata soprattutto nei frutteti, quando è necessario preparare appezzamenti di terreno che sembrano alquanto abbandonati o maltrattati, oppure quando si vuole preparare il terreno per una coltura molto esigente in nutrienti. Tuttavia, i suoi benefici si estendono anche ai giardini e agli spazi ornamentali, poiché i fiori apprezzano ugualmente o anche di più il fatto di avere terreni ricchi.

Tipi di sovescio

Esistono molti diversi tipi di sovescio o colture che possono essere utilizzate come sovescio. La sua convenienza dipenderà dai dettagli specifici del nostro clima e suolo, nonché dalla stagione in cui vogliamo preparare il sovescio o la coltura che ci interessa dopo.

Il più comune è l’uso dei legumi, per la loro capacità di fissare l’azoto atmosferico grazie alla loro relazione con i rizobi, batteri benefici. Tuttavia, la selezione di piante da sovescio è molto ampia. Questi sono alcuni dei più utilizzati:

Fabaceae o legumi

Come abbiamo detto, questi sono i più comunemente usati per la loro capacità di fissare l’azoto nel terreno. È comune utilizzare vecce, lupini, trifogli, fave o piselli, tra molti altri.

Erbe per sovescio

Le erbe di solito danno ottimi risultati, soprattutto se abbinate ad alcuni legumi. Una combinazione molto utilizzata è quella di avena e veccia. È anche comune piantare segale o loietto italiano.

crocifere

Molto buone anche le verdure crocifere come rape, cavoli, colza e senape e quest’ultima, infatti, è una delle più utilizzate. Questo perché ha radici con grande capacità di ramificazione e crescita rapida. Le radici di senape si diffondono molto e rompono il terreno, lasciandolo più sciolto e fine, il che aiuta nella sua ossigenazione e nello sviluppo della coltura che lo segue. Inoltre in inverno si asciuga da solo, quindi se lo piantiamo a fine estate o in autunno non sarà nemmeno necessario falciarlo. Un altro vantaggio della senape è che tiene a bada alcuni parassiti del giardino.

Ci sono anche altre piante crocifere che possono essere utilizzate per preparare e arricchire il terreno. La consolida russa è ben nota per la sua grande capacità di crescere e creare massa vegetale. Trova largo impiego nella produzione di liquame e compost, ed anche nella produzione di imbottiture o pacciamature.

Il grano saraceno è un’ottima opzione quando vogliamo trattare terreni molto poveri e la phacelia ha la capacità di attirare api e bombi, con tutti i benefici che ciò comporta.

Come fare il sovescio – consigli

Quando ti prepari a utilizzare questa tecnica, segui questi suggerimenti per la semina del sovescio:

  • La prima cosa ovviamente sarà scegliere dove lo faremo. Si tratta di sfruttare gli spazi vuoti del frutteto o del giardino, che poi pensiamo di sfruttare per coltivare qualcosa di interessante.
  • È anche importante, ovviamente, tenere conto della stagione della semina. Tuttavia, qui abbiamo molta più libertà rispetto a quando si piantano colture normali, poiché il sovescio deve solo crescere: è importante che la pianta si asciughi prima che fiorisca. Questo perché i legumi e altre specie accumulano sostanze nutritive che poi si esauriscono durante la fioritura. Pertanto, non appena questo inizierà a comparire, falcieremo il nostro raccolto di sovescio. È anche possibile piantare specie che non sopportano il freddo in autunno, in modo che si secchino naturalmente quando le temperature si abbassano.
  • Basta cospargere i semi del raccolto di sovescio scelto sull’area da arricchire. Stenderli più densamente del solito, poiché è importante che la copertura delle piante sia densa, quindi coprire i semi con terra o un po’ di compost.
  • Quando il raccolto è cresciuto e la sua fioritura è vicina, falcialo e fai a pezzi i resti. Non estrarre le radici, che devono rimanere nel terreno per degradarsi naturalmente. Successivamente, puoi semplicemente lasciare i resti schiacciati a terra o mescolarli leggermente in modo che si deteriorino più velocemente. Entrambi i metodi sono ugualmente validi.

Se desideri leggere altri articoli simili a Sovescio: cos’è e come si fa, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.