Suggerimenti

Boletus Edulis: [Caratteristiche, Coltivazione, Raccolta]

Boletus edulis è un fungo basidiomicete e la specie tipo del genere Boletus. Dell’ordine dei boletales.

Ampiamente distribuito nell’emisfero settentrionale attraverso Europa, Asia e Nord America, non si trova naturalmente nell’emisfero meridionale, sebbene sia stato introdotto in Africa meridionale, Australia, Nuova Zelanda e Brasile.

Diversi funghi europei strettamente correlati precedentemente ritenuti varietà o forme di B. edulis sono stati indicati dall’analisi filogenetica molecolare come specie distinte, e altri precedentemente classificati come specie separate sono conspecifici di questa specie.

La specie nordamericana occidentale comunemente conosciuta come il porcino del re della California (Boletus edulis var. Grandedulis) è una grande variante di colore più scuro che è stata identificata formalmente per la prima volta nel 2007.

   

Caratteristiche del porcino

Il fungo cresce nei boschi di latifoglie e conifere e nelle piantagioni arboree , formando associazioni simbiotiche ectomicorrize con alberi vivi avvolgendo le radici sotterranee dell’albero con baccelli di tessuto fungino.

Il porcino produce corpi fruttiferi con spore a terra in estate e in autunno. Il corpo del frutto ha un grande cappello marrone che a volte può raggiungere i 35 cm (14 pollici) di diametro e 3 kg (6 libbre e 10 once) di peso.

Come altri boleti, ha tubi che si estendono verso il basso dal fondo del cappello, piuttosto che branchie; le spore fuoriescono a maturità attraverso le aperture dei tubi, o pori.

La superficie dei pori del corpo fruttifero di B. edulis è biancastra quando è giovane, ma invecchia fino a diventare giallo-verdastro.

Il robusto stiletto, o gambo, è di colore bianco o giallastro, alto fino a 25 cm e spesso 10 cm, e parzialmente ricoperto da un motivo a rete rialzata, o reticolazione.

Apprezzato come ingrediente di vari piatti culinari, il Boletus edulis è un fungo commestibile molto apprezzato in molte cucine, spesso preparato e consumato in zuppe, pasta o risotti. Il fungo è povero di grassi e carboidrati digeribili e ricco di proteine, vitamine, minerali e fibre alimentari.

Sebbene sia venduto commercialmente, è molto difficile da coltivare.

   

Dove coltivare il boletus edulis

Disponibile in autunno nel centro, sud e nord Europa, viene solitamente essiccato, confezionato e distribuito in tutto il mondo.

Mantiene il suo sapore dopo l’essiccazione, quindi viene ricostituito e utilizzato in cucina. B. edulis è uno dei pochi funghi che viene venduto in salamoia.

I boletus edulis crescono in numerose parti del mondo globale, in simbiosi con latifoglie e conifere, quindi crescono costantemente da qualche parte.

Iniziano in piena estate in alcune catene montuose (alla ricerca di suoli sabbiosi), scompaiono nella calura estiva di punta (agosto), e poi iniziano a comparire con maggiore abbondanza in autunno (presenza per terreni fertili scuri), soprattutto sulla costa. nord-ovest dove raccogliamo nel Canada occidentale.

Sebbene crescano in molte forme di foreste, il 100% delle nostre colture è stato nelle foreste di conifere ( pini e abeti).

   

Il rapporto tra alberi e boletus edulis

Molti funghi, compreso il boletus edulis, hanno un rapporto micorrizico con alcune foreste, cioè vivono in simbiosi.

I funghi colonizzano e nutrono il sistema radicale associato agli alberi. Sono stati efficienti nell’assorbire e immagazzinare l’acqua; così come diversi nutrienti che scaricano nelle radici secondo necessità.

Convertono sostanze altrimenti inutili per il terreno e regolano l’ azoto in base alle esigenze dell’albero. Per fare tutto questo lavoro in corso e anche per riprodursi, hanno bisogno di carburante.

Ottengono questo carburante dai loro compagni di albero fotosintetici. Tuttavia, non solo è un fungo raro su un albero, ma le due specie si sviluppano anche in comunità completamente interconnesse.

Gli alberi più vecchi e più grandi trasmettono le micorrize ai loro alberelli espandendo il sistema fungino e quindi strade e percorsi sotterranei diventano più complessi e molto più sensibili.

Un albero che non è sano, che sta per seccare o che ha un insetto invasivo può essere individuato e le parti iniziano a lavorare insieme per ritrovare benessere ed equilibrio.

È un affascinante sistema di simbiosi e collaborazione.

   

Alcune considerazioni se state raccogliendo boletus edulis

Indipendentemente dalla pianificazione del momento e del luogo giusti, i boletus edulis, i Porcini, tendono a trovarsi nella stessa zona dell’amanitas, il famoso fungo allucinogeno delle fiabe. Lo chiamiamo fungo gemello o indicatore.

Sebbene si creda che le amanite siano commestibili in alcuni paesi, non ti consigliamo di sceglierle tu stesso. In ogni caso, puoi ringraziare che potresti trovare boletus edulis in giro.

Una volta trovato un boletus edulis, di solito lo troverai più vicino. I giganti, sebbene di peso impressionante, conterranno quasi sicuramente vermi, li lasceranno indietro e continueranno a cercare nell’area.

Noterai rapidamente con un tocco del tuo coltello o con la punta della mano se questi sono morbidi e morbidi o sodi e intatti quando ti trovi in ​​una zona di boletus edulis.

Come per qualsiasi raccolta di funghi, usa guanti, cestini o borse con flusso d’aria. Un fungo sporco sporca un intero secchio e richiede molto più lavoro in seguito.

Per i boletus edulis puliti, affettali vicino alla radice o agitali delicatamente e mescola finché non si staccano dal terreno. Pulisci gli aghi, i resti del cappello e rasa il gambo con un coltello molto affilato.

   

Il boletus edulis può essere confuso con altri funghi?

Può essere confuso con  B. reticulatus , ma non ha il margine biancastro, il colore è uniforme e la cuticola è opaca, secca e finemente reticolata. È anche un ottimo commestibile.

Anche con  Boletus aereus  e  Boletus pinicola , ottimi commestibili.

Specie Boletus edulis

Diverse specie marroni simili sono talvolta considerate sottospecie o forme del porcino. In Europa, oltre a B. edulis (o cèpe de Bordeaux), i più diffusi sono:

Tête de nègre ( “testa nera”; Boletus aereus )

Molto più raro del B. edulis, è più apprezzato dai buongustai e quindi più costoso. Tipicamente più piccolo di B. edulis, è anche distintamente di colore più scuro.

È particolarmente adatto per l’essiccazione.

   

Cèpe des pins ( “cep de pino”; Boletus pinophilus o Boletus pinicola )

Cresce tra i pini. Più raro di B. edulis, è meno apprezzato dai buongustai rispetto alle altre due classi di suini, ma è comunque un fungo classificato al di sopra della maggior parte degli altri.

Cèpe d’été ( “porcino estivo”; Boletus reticulatus )

Anche meno comune.

Le analisi filogenetiche molecolari hanno mostrato che queste tre sono specie distintive e separate; Altri taxa precedentemente ritenuti specie o sottospecie uniche, come B. betulicola, B. chippewaensis, B. persoonii, B. quercicola e B. venturii, sono ora noti per essere parte di un B. edulis con un ampio range morfologico , ecologica e geografica, e che la variabilità genetica in questo complesso è bassa.

Una tecnologia molecolare simile è stata sviluppata per identificare rapidamente e accuratamente B. edulis e altri funghi commercialmente importanti.

Tre lignaggi divergenti trovati nella provincia cinese dello Yunnan che sono comunemente commercializzati e venduti come B. edulis (e che in realtà sono più strettamente correlati a B. aereus) sono stati descritti nel 2013 come B. bainiugan, B. meiweiniuganjun e B. shiyong.

Nel Nord America occidentale sono presenti diverse specie strettamente imparentate con B. edulis.

   

Il re bianco porcino ( Boletus barrowsii )

Trovato in alcune parti del Colorado, del New Mexico, dell’Arizona e della California (e forse in altri luoghi), prende il nome dal suo scopritore Chuck Barrows.

È di colore più chiaro rispetto a B. edulis, e presenta un cappello color crema con sfumature rosate; spesso micorrizico con il pino ponderoso, tende a crescere nelle zone meno piovose. Alcuni lo trovano buono come se non fosse migliore di B. edulis.

Il boletus edulis var. California grandedulis può raggiungere proporzioni enormi e si distingue da B. edulis per la superficie dei pori matura di colore da marrone a leggermente rossastro.

Il colore del cappello sembra risentire della quantità di luce ricevuta durante il suo sviluppo, e può variare dal bianco negli esemplari giovani che crescono sotto una folta chioma, al bruno scuro, bruno rossastro o bruno giallastro negli esemplari che ricevono più luce.

   

La regina dei porcini ( Boletus regineus )

Precedentemente considerato una varietà di B. aereus, è anche un commestibile di prima scelta. È generalmente più piccolo di B. edulis e, a differenza di quella specie, si trova tipicamente nelle foreste miste.

Il boletus re primaverile (Boletus rex-veris), precedentemente considerato una varietà di B. edulis o B. pinophilus, si trova in tutto il Nord America occidentale. A differenza di B. edulis, B. rex-veris tende a fruttificare in grappoli e, come suggerisce il nome comune, compare in primavera.

Parassiti e malattie del boletus edulis

I corpi fruttiferi di Boletus edulis possono essere infettati dal fungo parassita simile alla muffa Hypomyces chrysospermus , noto come bolete ghiottone, che si manifesta come un rivestimento cotonoso bianco, giallo o bruno-rossastro sulla superficie del fungo.

Alcuni casi segnalati di mal di stomaco dopo il consumo di suini essiccati sono stati attribuiti alla presenza di questa muffa sui corpi fruttiferi.

   

Il fungo è anche utilizzato come fonte di cibo da varie specie di mosche fungine, nonché da altri insetti e dalle loro larve.

È stato segnalato che una specie di virus non identificata aveva campioni infetti trovati nei Paesi Bassi e in Italia; i corpi fruttiferi colpiti dal virus avevano fusti relativamente grossi e piccoli o senza cappello, che diedero origine al nome di “malattia del cappellotto”.

Boletus edulis è la fonte di cibo per animali come lumache di banana ( Ariolimax columbianus ), erba di topo a pelo lungo, scoiattolo rosso e, come notato in un rapporto isolato, il passero.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *