Suggerimenti

Concimazione del prato: quando e come farlo

La cura del prato è una di quelle cose che ha la capacità di mettere sottosopra tutti i tipi di giardinieri e perdere i nervi saldi. Ed è che un’erba verde brillante è fonte di divertimento per gli occhi e anche per i piedi come poche cose, ma riuscire a mantenere un manto erboso rigoglioso e in buone condizioni può essere più complicato di quanto si possa pensare.

Una di quelle cure più importanti è l’abbonato. Fornire al prato i nutrienti necessari, senza strafare e al momento giusto, è una delle più forti garanzie per godersi un bel prato. Se vuoi imparare tutto sulla concimazione del prato, quando e come farlo, tra altri dettagli, continua a leggere questa guida EcologíaVerde.

Quando concimare il prato

Sapere quando concimare il prato è altrettanto importante, se non di più, che decidere quale fertilizzante utilizzare. La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che la cosa migliore per il prato sia concimarlo 3 volte l’anno: in primavera, autunno ed estate, ma facendo attenzione in quest’ultimo caso a non farlo nelle settimane più calde della stagione, poiché l’ideale è evitare sempre temperature estreme e picchi di freddo o caldo quando si paga.

Perché viene pagato in queste tre volte? Oltre al fatto che il prato, come tutte le piante, ha bisogno di un buon apporto di nutrienti per svilupparsi sano e bello, verde e senza foglie secche o gialle, dare al tuo prato questi nutrienti prima e dopo le stagioni difficili gli permetterà di resistere meglio le intemperie sia del caldo estivo che del freddo invernale, rimanendo più forti e più sani.

È importante rispettare queste stagioni di concimazione e non saltarle indipendentemente dallo stato del prato, poiché avrà bisogno del concime sia che sia in condizioni ottimali o che sia diventato povero e ingiallito. Il prato è una coltura esigente, dopo tutto, e richiede perseveranza e cura.

Quale fertilizzante usare per il prato

Il principale nutriente di cui l’erba ha bisogno è l’azoto, sebbene non sia l’unico. Quando vai a comprare il fertilizzante o il fertilizzante per prati, guarda i tre numeri che appariranno da qualche parte sul contenitore, questi rappresentano la percentuale di azoto, fosforo e potassio che il prodotto contiene, in quest’ordine. Niente paura se la somma delle percentuali non dà un risultato di 100, perché la cosa più normale è che il concime contenga una buona quantità di materiale riempitivo che facilita la dispersione del prodotto.

Ogni tipo e specie di erba ha esigenze leggermente diverse: scopri quali sono le esigenze della tua specie di erba e procurati il ​​giusto fertilizzante. Prestare particolare attenzione a non esagerare con l’azoto perché, sebbene sia un nutriente essenziale, in eccesso può alterare il pH del terreno, bruciare le radici e ingiallire alcune zone. Ti consigliamo di leggere questo problema in questa guida sull’erba gialla: cause e come risolverlo.

Si consiglia inoltre di utilizzare fertilizzanti a lenta cessione, che rilasciano i loro nutrienti in modo graduale e per un periodo di tempo più lungo, assorbendoli così in modo più efficace per la pianta.

Come concimare il prato

Siamo arrivati ​​al punto importante in cui parliamo di come viene concimato il prato. Ti diamo qualche consiglio:

  • Distribuire il fertilizzante per il prato in modo omogeneo è fondamentale per sfruttarne adeguatamente le proprietà: se lo si concentra in alcune zone, molto probabilmente l’erba in queste zone brucerà, mentre quelle che non ha raggiunto saranno probabilmente lasciate con meno vitalità.
  • Puoi provare a distribuire il compost a mano cercando di farlo il più regolarmente possibile, ma ottenerlo in questo modo può essere piuttosto difficile.
  • Se non sei sicuro di farlo a mano e hai una vasta area da coprire, è meglio usare una spatola o una macchina per stendere, come quella nell’immagine. Ci sono molti tipi e una vasta gamma di prezzi, con quelli rotanti che sono i più comuni.

Errori nella concimazione del prato

Qui indichiamo alcuni degli errori più comuni nella concimazione del prato e di cosa tenere conto per non farli:

  • Se non si è sicuri della quantità, è preferibile che manchi il fertilizzante piuttosto che andare troppo oltre: l’eccesso di nutrienti nelle piante è molto più problematico e pericoloso della loro puntuale mancanza.
  • Non pagare se il tuo prato è giallo o secco per mancanza d’acqua. Idratalo prima, che è ciò di cui ha più bisogno, e dagli i nutrienti quando ha iniziato a riprendersi.
  • Fertilizzare meno nelle zone ombreggiate, poiché l’erba è meno attiva lì.
  • Non riempire il tuo spandiconcime sullo stesso prato: eviterai fuoriuscite e incidenti. Inoltre, spazza o rimuovi sempre il fertilizzante in eccesso che fai cadere.

Cosa succede se il prato non viene pagato

Se smetti di concimare il tuo prato, i nutrienti di cui il tuo prato ha bisogno saranno esauriti dal terreno. Ciò farà perdere terreno al manto erboso a causa di erbe o erbacce avventizie, come denti di leone e trifogli. In effetti, queste erbacce considerate sono solitamente un indicatore di una mancanza di fertilizzante in quella parte del terreno in cui sono apparse, poiché hanno bisogno di meno nutrienti dell’erba per prosperare.

Ora che sai tutto questo sulla concimazione del prato, ti consigliamo di leggere anche quest’altra guida in cui ti insegniamo come piantarlo bene e alcune delle sue cure essenziali: Come e quando piantare il prato.

Se desideri leggere altri articoli simili a Concimazione del prato: quando e come farlo, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.