Suggerimenti

Albero di melograno: [coltivazione, cura, irrigazione, substrato, parassiti e malattie]

Il melograno ( Punica granatum ) è un albero dal clima caldo che produce frutti dal sapore delizioso noti come melograni.

Le sue dimensioni sono piccole ed è piuttosto denso nella sua struttura di rami e foglie, il che lo rende un’opzione molto interessante; oltre ad essere considerato un albero ornamentale.

L’origine dell’albero è avvenuta tra l’Asia e l’Africa, ma con il passare del tempo la sua presenza in Spagna è aumentata molto.

Chiunque vorrebbe godersi il melograno nel proprio giardino, quindi cosa ne pensi se guardiamo alle informazioni che abbiamo raccolto sulla sua coltivazione?

   

Punti importanti quando si semina Granado
  • Quando? In primavera .
  • Dove? Sul esterno , in una zona dovepassa stagioni e luce solare diretta.
  • Come prepariamo il terreno? Non ha bisogno di preparazione perché non è impegnativo.
  • Come dovremmo annaffiare? Per gocciolamento .
  • Ogni quanto bisogna annaffiare? In estate , due volte a settimana. Il resto dell’anno, una volta alla settimana.
  • Quali parassiti e malattie ha? Per quanto riguarda i parassiti, si possono contare gli afidi. Le malattie si riassumono nella botrite.

Caratteristiche del melograno

Il melograno è un albero a foglie caduche, una dimensione che non supera i sei metri di altezza e ha una struttura suggestiva.

I rami producono spine , quindi bisogna usare molta cautela quando si raccolgono i frutti o si effettuano le cure pertinenti che richiede.

L’ albero produce fiori rossi molto gradevoli alla vista che vengono tenuti sull’albero tra i mesi di maggio e agosto. Questo periodo dà il via alla produzione dei frutti, detti melograni per la loro struttura interna, che è con piccole palline ricoperte.

Il melograno è di forma rotonda, non più grande di 12 centimetri di diametro e con un guscio abbastanza spesso.

All’interno, le palline che contengono i semi hanno un sapore delizioso ed è proprio in esse che le persone si dilettano nel loro consumo.

 

Dove dovremmo piantare un melograno? Temperatura e luminosità

Il melograno è un albero capace di resistere alla siccità, ma ha bisogno anche del riposo che l’inverno offre.

Per questo motivo è una specie esclusiva dell’aria aperta , in una zona limpida perché ha bisogno della luce solare e delle alte temperature estive.

In caso di semina in mezz’ombra, è possibile che venga compromessa la sua capacità di produrre una buona quantità di fiori e frutti.

Questa condizione non implica necessariamente che si trovi nel terreno del giardino, poiché grazie alle sue piccole dimensioni può essere conservata anche in vaso.

Quando dovrebbe essere coltivato un melograno? Gli appuntamenti

Il momento giusto è in primavera, assicurandoti di mantenere una buona irrigazione nelle sue prime fasi.

Va inoltre tenuto presente che le radici sono molto delicate, quindi vanno poste nel terreno con molta delicatezza, senza maltrattarle.

 

Come prepariamo il terreno?

Il melograno è un albero che si adatta molto bene a tutti i tipi di terreno, anche se ha una certa percentuale di sale.

L’essenziale è che abbia un buon drenaggio, poiché d’estate ha bisogno di molta acqua e se ci sono pozzanghere ne risentirà.

Come seminare un melograno passo dopo passo?

La semina del melograno risponde a due possibilità: le talee o i semi .

Metodo 1: utilizzo dei semi

  1. I semi vengono posti in semenzai e, da lì, si otterrà la pianta germinata.
  2. È importante assicurarsi che il semenzaio riceva molta luce solare e abbia sempre un’umidità molto buona nel substrato .
  3. Questo processo non dovrebbe superare i 25 giorni per osservare le prime radici.

Metodo 2: utilizzo di talee

  1. Le talee, intanto, vengono prelevate da un ramo che verrà lavorato con agenti radicanti .
  2. Questo ramo andrà interrato in un vaso con substrato universale, che dovrà essere pulito alla base per ottenere una profondità di almeno 5 centimetri.
  3. Questo vaso, purché non generi radici, deve essere in mezz’ombra.

 

Di che cure ha bisogno il melograno?

Irrigazione

L’irrigazione è essenziale quando si tratta di una specie di melograno che produce frutti , poiché ci sono alcune varianti che producono solo fiori.

Soprattutto nel primo anno di vita, è necessario effettuare una corretta programmazione durante i periodi di siccità.

In generale, il melograno può resistere fino a 40º C di temperatura ambiente, purché sia ​​ben idratato. Durante il resto dell’anno le innaffiature possono variare da una volta alla settimana fino a una ogni due settimane.

 

Compost

Per quanto riguarda il fertilizzante , il melograno sarà a discrezione di chi lo semina, poiché non ne ha bisogno ma può essere aggiunto per offrire una maggiore produzione di frutti.

Ad ogni modo, è molto importante che sia un compost organico di buona qualità.

Se decidi di non concimare, ma vuoi migliorare la struttura del terreno, funzionerà anche uno strato di pacciame .

Potatura

La potatura del melograno è importante perché deve essere effettuata in maniera obbligatoria ogni anno, verso la fine dell’inverno .

Durante questo periodo di potatura sarà fondamentale asportare le parti interessate, siano esse foglie appassite o rami secchi.

È anche un buon piano per eliminare ventose e rami che si influenzano a vicenda. In questo caso, dovrai decidere quello che sembra nelle migliori condizioni.

Nel caso di questo albero è importante tenere in considerazione anche l’orario di raccolta delle granate. Questo perché quando maturano eccessivamente sull’albero, la sua struttura potrebbe aprirsi e far sì che uccelli e insetti inizino a mangiare.

L’ideale è aspettare l’inizio di novembre, ma non oltre.

 

Quali parassiti e malattie ha il melograno?

Ci sono molte varietà di parassiti e malattie che ti attaccano, ma ci sono anche buone alternative per risolvere la situazione.

I parassiti

In termini di parassiti si contano gli afidi , la coclea e la scaglia della fuliggine.

Le malattie

Nel caso delle malattie, la più comune è la botrite causata da un fungo.

Nel caso in cui il melograno soffra di uno di questi problemi, l’uso di sapone di potassio o olio di neem , insetticidi ecologici e fungicidi sarà il migliore.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.