Suggerimenti

El Tajinaste: [Pianta, cura, irrigazione, substrato, caratteristiche]

Il tajinaste (Echium wildpretii) è una specie di pianta dalla bellezza esuberante che è testimoniata dalle infiorescenze che produce .

Questi sono di colore variabile a seconda della specie e si possono trovare in blu o viola , per esempio.

L’ideale è farlo piantare direttamente in giardino in quanto richiede pochissime cure e in cambio regalerà un ambiente molto bello.

Inoltre non è molto alto, raggiungendo i tre metri circa comprese le infiorescenze, quindi diventa piuttosto utile per disegnare composizioni .

Hai pensato di dare al tuo giardino un tocco unico e speciale?

Forse il tajinaste è proprio quello che stai cercando.

Punti importanti quando si semina Tajinaste
  • Quando? In primavera .
  • Dove? In pieno sole o in mezz’ombra.
  • Come prepariamo il terreno? Con materia organica come il compost .
  • Come dovremmo annaffiare? Per gocciolamento .
  • Ogni quanto bisogna annaffiare? Quattro volte a settimana in estate e due volte il resto dell’anno.
  • Quali parassiti e malattie ha? Fai attenzione ai marciumi e alle lumache.

Caratteristiche del tajinaste

Echium wildpretii è una specie di pianta da fiore della famiglia delle Boraginaceae.

È una pianta erbacea biennale che cresce fino a 3 metri di altezza. La specie è endemica delle Isole Canarie e si trova principalmente a Las Cañadas del Teide.

La sottospecie Echium wildpretii subsp. tricosifone si trova ad alta quota a Las Palmas. I nomi comuni sono torre gioiello, bugloss rosso, bugloss Tenerife o bugloss Teide. Il nome spagnolo di questa pianta è tajinaste rosso.

Quando hai seminato tajina?

Il periodo ideale per seminare il tajinaste è durante la primavera , preferibilmente aspettando che passi il rischio di gelate.

Tuttavia, poiché il processo di germinazione dei semi avverrà in semenzaio, potrebbe essere iniziato un po’ prima, avendo cura che goda di un po’ di calore.

Naturalmente, i semi impiegano solo un paio di settimane per germinare, quindi è un processo abbastanza veloce che deve essere preso in considerazione per pianificare bene.

Dove piantare un tajinaste?

Il tajinaste è molto adattabile intorno al luogo di impianto, sebbene richieda direttamente una certa quantità di luce al giorno.

Per questo motivo è bene tenerlo in un luogo soleggiato o, almeno, in mezz’ombra.

Come preparare il terreno?

  • Il terreno per il tajinaste deve soddisfare due requisiti fondamentali: ricco di sostanze nutritive e con un buon drenaggio.
  • La nutrizione può essere data preparando in anticipo il terreno con l’aiuto di alcuni fertilizzanti naturali che incorporino materia organica, come il compost .
  • In caso di drenaggio si può fare un impasto con un componente che aiuti in questo processo se il terreno a disposizione è molto argilloso.
  • Se è una pianta che andrà tenuta in vaso, perché la accetti senza problemi, fare una miscela di perlite e sabbia le darà la consistenza necessaria.

Come innaffiamo?

La quantità di acqua utilizzata in ogni irrigazione dovrebbe essere moderata per evitare allagamenti che potrebbero danneggiarti.

L’ideale è sfruttare un attrezzo da giardinaggio, come l’annaffiatoio, per offrire solo il necessario.

Quanto spesso innaffiamo i tajinastes?

La quantità di acqua sarà direttamente collegata ai tempi di irrigazione, che in estate non dovranno superare le quattro volte a settimana.

Tuttavia, durante il resto dell’anno questo potrebbe essere effettivamente ridotto a circa due volte a settimana.

Come seminare passo dopo passo?

La semina del tajinaste verrà effettuata mediante semi selezionati , cioè sani e di buona qualità.

Il processo per andare avanti in questo caso è il seguente:

  1. Preparare il semenzaio con del substrato universale e perlite. È importante che le quantità di entrambi gli elementi siano identiche per massimizzare l’ambiente favorevole. Se usi un semenzaio fatto in casa, assicurati che abbia dei fori sul fondo per far defluire l’umidità.
  2. Incorporare i semi. Poiché è logico che l’idea sia di ottenere il massimo dal processo, puoi usare due o tre semi per seme o, se hai abbastanza contenitori, uno in ciascuno.
  3. Aggiungi un po’ di substrato su ogni seme senza renderli troppo profondi.
  4. Innaffia con l’aiuto di un annaffiatoio in modo che la quantità d’acqua non sia eccessiva. Questo processo deve essere ripetuto frequentemente perché l’umidità è molto importante per la germinazione.
  5. Conserva i semenzai in un luogo fresco e in mezz’ombra.
  6. Trapianta le piantine più forti nel vaso o nel giardino selezionato quando germogliano.

Il tajinaste si sviluppa rapidamente intorno al processo di germinazione, quindi in due o tre settimane ti godrai i primi germogli.

Se il trapianto viene ritardato e arriva il periodo freddo, è meglio tenerlo in vaso e passare all’orto quando il tempo è più favorevole.

Di che cure ha bisogno il tajinaste?

  • Una delle cure principali di cui ha bisogno il tajinaste è la fertilizzazione , se quello che cerchi è godere di bellissime infiorescenze.
  • Questa verrà applicata tra la primavera e l’estate, sfruttando i fertilizzanti per piante da fiore che si vendono nelle filiali.
  • Questi sono forniti attraverso l’acqua di irrigazione, quindi saranno molto facili da applicare.
  • Quando è in vaso, sarà obbligatorio trapiantarlo in vasi più grandi in quanto le radici sporgono dalla parte inferiore.
  • Questo, oltre ad aiutarlo a crescere con molta più foglia, è una strategia per evitare che le radici vengano danneggiate da un’eccessiva recinzione.

Quali parassiti e malattie ti colpiscono?

Il tajinaste è una pianta molto resistente alla maggior parte dei parassiti e delle malattie.

È possibile che venga attaccato da funghi se le condizioni del terreno non sono corrette e sono presenti pozzanghere.

Nelle prime fasi della semina, invece, soprattutto quando si fa in giardino, è necessario prestare particolare attenzione alle lumache .

Questo perché sono parassiti in grado di consumare giovani piantine perché hanno una consistenza più tenera.

Il tajinaste è una pianta molto utile a livello decorativo e offre anche poche preoccupazioni sulla resistenza.

Riesce infatti a sopravvivere a gelate brevi , anche se bisogna fare attenzione che la temperatura non scenda sotto i -3°C perché potrebbe essere dannosa.

Del resto, non resta che mantenere le cure di base dell’irrigazione e della concimazione per goderne la bellezza e il colore al momento giusto.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.