Suggerimenti

Grassetto: [Caratteristiche, rilevamento, effetti e trattamento]

Cos’è il grassetto?

La negrilla, conosciuta anche con i nomi di fuliggine, muffa nera e fuligginosa, è un fungo molto potente in grado di attaccare migliaia di specie vegetali in tutto il mondo.

Questo fungo di solito si verifica dopo che le piante subiscono gravi attacchi di insetti come afidi, afidi,  mosche bianche e cocciniglie, quindi verrà testata la resistenza delle specie attaccate.

È un fungo opportunista, che cercherà di nutrirsi della melata escreta sulle foglie e su altre parti della pianta , dagli insetti attaccanti. In questo modo il fungo cresce e vive tranquillamente a spese degli altri.

Di conseguenza, dobbiamo sempre tenere presente che se la muffa fuligginosa si sta diffondendo nella nostra pianta è perché sta accadendo qualcos’altro: un attacco di qualche parassita invasivo che fa il suo dovere. 

Preferibilmente, questo spettacolo visivo spesso non gradevole si registra in estate , quando le temperature si alzano e compaiono gli afidi , la cocciniglia e le mosche bianche . Anche se può verificarsi anche negli autunni più caldi. 

Come possiamo identificarlo?

È subito visibile perché attacca ferocemente steli, foglie, frutti, germogli e dintorni della pianta, compreso il terreno.

Tutto diventa nero, si forma un manto scuro che scompare a contatto con le dita, come se fosse la fuliggine prodotta dopo aver bruciato il carbone.

In realtà, il più delle volte la sua comparsa sulla pianta non sarà letale, ma la doterà di un’immagine di tremenda rovina che dovrà essere risolta a breve, se vogliamo evitare mali maggiori.

Quando gli effetti sulla pianta sono gravi, questo fungo può interrompere il processo di fotosintesi e influenzare la crescita vegetativa, poiché la crosta nera che si forma interferisce con il normale scambio gassoso tra l’atmosfera e la foglia, quindi la crescita risulta stordita e si arresta.

Ciò indica che il fungo è diventato più forte, colonizzando la superficie plantare mentre si indurisce sulle foglie. In situazioni di siccità, le piante più malate soffrono molto e sia i germogli che gli steli appassiscono. La pianta muore solo se il suo apparato radicale è compromesso.

Quali piante colpisce il grassetto?

Questo fungo è in grado di comparire in qualsiasi pianta attaccata da insetti, perché il suo obiettivo principale è quello di nutrirsi dello sciroppo e dello zucchero che espellono i parassiti che solitamente attaccano alberi , arbusti e piante.

Possono quindi formare una crosta nera che deturpa la superficie delle foglie di alberi forti come querce, ulivi, tra gli altri.

Negli alberi da frutto e nelle piante tipiche dei frutteti, quando compare fuliggine o muffe la faccenda si complica, perché le colture sono rovinate e le perdite economiche possono essere notevoli. Quindi devi esercitare uno stretto controllo sull’aspetto di tutti i tipi di parassiti.

Come combattere gli audaci?

Per evitare e sterminare la malattia provocata da questo fungo, è necessario adottare semplici accorgimenti, con molto buon senso. Vediamo.

  1. La prima cosa è acquisire piante resistenti agli attacchi di afidi e altri insetti, se vogliamo evitare di passare attraverso queste spiacevoli trance. Esistono molte specie resistenti che si sviluppano completamente senza essere attaccate da questi parassiti.
  2. La cosa più importante è evitare, a tutti i costi, l’attacco di insetti così persistenti come cocciniglia, afidi e mosche bianche.
  3. Rimuovere tutte le parti danneggiate, soprattutto quelle che mostrano una crosta spessa, quando compaiono le macchie nere dopo l’attacco degli insetti. Questo deve essere fatto immediatamente per prevenire la diffusione del male.
  4. Una delle formule più efficaci per eliminare il fungo è la pulizia della melassa, con l’applicazione di una soluzione saponosa preparata con sapone di potassio , diluito al 2% di acqua, su tutte le zone interessate , per tre volte.
  5. Anche se la pianta è ancora vigorosa, si consiglia di strofinare e pulire le foglie con un panno fino a quando la macchia di fuliggine non scompare completamente.
  6. È conveniente applicare regolarmente , come misura preventiva altamente efficace, fertilizzante organico al terreno. Ottimi i concimi granulati e liquidi che si gettano direttamente sul terreno.
  7. Allo stesso modo, è molto pertinente applicare di volta in volta, una copertura con imbottitura specifica a base di resti di verdure frantumate (pacciamatura).
  8. L’irrigazione deve corrispondere anche alle caratteristiche della specie che stiamo coltivando, per evitare eccessi e carenze.
  9. Importante è anche la potatura igienico-sanitaria, perché generalmente le zone colpite dalla fuliggine sono anche quelle con la più alta presenza di insetti sulla pianta e quelle zone infette della pianta devono poi essere rimosse.
  10. Dovresti anche applicare qualche fungicida con rame, nelle stagioni fredde o fresche, evitando sempre dosi eccessive, un’azione che aiuterà a prevenire l’attacco fungino. Se lo usiamo anche prima che la pianta germogli, vinceremo la battaglia prima che inizi.

Quali sono i migliori prodotti per togliere l’audacia?

Oltre al sapone di potassio, il grassetto può essere efficacemente combattuto con l’uso di fungicidi a base di zolfo o altri principi attivi.

Una prima misura efficace è l’applicazione di un bagno con acqua tiepida e sapone neutro, soluzione che deve invadere tutte le zone malate della pianta, con l’ausilio di nebulizzazioni intense, per lavare le superfici sporche dell’ortaggio.

Viene utilizzato anche il sapone nero. In commercio esiste un detergente chiamato Naturen, con sapone nero al 3% in una presentazione da 750ml contro la melassa, a base di olio d’oliva, molto efficace, utilizzato in agricoltura biologica. 

Esistono formule commerciali come la soluzione Castalia, sapone di potassio altamente concentrato, che funziona come un potente fertilizzante che funge anche da insetticida, efficace al 100%, per eliminare i seguenti parassiti: acari , tripidi , mosche bianche, cocciniglie e afidi.

Questo prodotto aiuta anche la completa scomparsa della melassa lasciata da questi insetti, e può anche pulire macchine e attrezzi agricoli, impedendo così la proliferazione del fungo su nuove superfici.

Ma bisogna essere chiari su quanto segue: le muffe fuligginose sono una conseguenza dell’attacco di una peste sulla pianta, quindi è fondamentale respingerle con un adeguato trattamento insetticida ad ampio spettro, che combatta anche funghi e acari. 

A Insetticida floreale, afidor a triplo effetto, acaricida, fungicida e insetticida. È molto comune ottenerlo allo sportello su Internet. 

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.