Suggerimenti

Irrigazione alla menta piperita: [necessità, frequenza e procedura]

La menta piperita è una delle piante che tutti dovremmo necessariamente avere in casa per i suoi benefici e la facilità d’uso.

Dall’aroma dei cibi all’offerta di un aroma squisito a bevande come il mojito, la menta piperita è una pianta altamente versatile.

La parte migliore è che è abbastanza facile da riprodurre e cresce rapidamente, quindi non sarai mai a corto di esso.

Devi considerare che l’irrigazione della menta piperita è fondamentale per raggiungere questo obiettivo, quindi è ora che ti diciamo come farlo come un esperto.

Punti importanti quando si innaffia una menta piperita:
  • Frequenza di irrigazione: le irrigazioni in estate devono essere frequenti, essendo localizzate in 3 settimanali. Durante l’ inverno questo livello diminuirà a circa un’irrigazione settimanale.
  • Metodo di irrigazione: con annaffiatoio o a goccia se possibile.
  • Orario ottimale della giornata per l’irrigazione: nelle prime ore del mattino quando il sole è meno caldo.
  • Identificare l’acqua in eccesso: insediamento di funghi e marciume radicale.
  • Identificare la mancanza d’acqua: foglie gialle che cadono dalla pianta, steli che perdono vigore e cadono di lato.

Che esigenze di irrigazione ha la menta piperita?

La menta piperita è una pianta che non cresce bene in substrati asciutti, ma richiede un’umidità relativamente buona. Ciò implica che il livello di irrigazione deve essere stabilito con una certa frequenza e una quantità d’acqua sufficiente per essere salutare.

Per raggiungere questo obiettivo devi considerare la quantità di pianta che hai e le dimensioni del vaso , poiché il più comune è seminare in contenitori. Idealmente il supporto è sempre bagnato, ma facendo attenzione che non si formino pozzanghere perché è possibile che questa condizione sia dannosa.

Come possiamo rilevare la mancanza di irrigazione nella menta piperita?

Se la menta piperita non si trova in un ambiente con il livello di umidità che le piace, la pianta inizierà a soffrire, manifestando debolezza negli steli e nelle foglie.

La prima cosa è che le foglie diventeranno gialle, seccheranno e cadranno dalla pianta a poco a poco. Anche gli steli perderanno vigore e potrai vederli inclinarsi.

Ricorda che l’umidità è molto importante per la menta piperita ed essendo molto resistente , puoi applicare una generosa annaffiatura la prima volta e continuare con la frequenza consigliata. In pochissimo tempo la tua menta piperita sarà di nuovo carina come piace a te.

Quanto spesso dovremmo innaffiare la menta piperita?

La frequenza di irrigazione della menta piperita dovrà essere stabilita in base alle condizioni in cui l’hai installata. Durante l’estate è normale che il substrato si asciughi più rapidamente, quindi vale la pena applicare fino a 3 irrigazioni settimanali.

Per l’ inverno questa frequenza sarà ridotta perché la pianta sarà meno esigente, potendo collocarla in un’annaffiatura settimanale. 

Considerare sempre lo stato del terreno prima di applicare qualsiasi irrigazione, poiché è essenziale che sia presente un piccolo livello di siccità. In questo modo eviterai di annaffiare troppo e la pianta comincerà a presentare problemi a livello radicale.

Qual è il modo migliore per innaffiare la menta piperita?

Nella maggior parte dei casi, la menta piperita viene conservata in vaso e conservata al chiuso o in una parte della casa vicina al chiuso. Questo rende più facile usare l’annaffiatoio come il metodo più efficace per l’irrigazione, perché aiuta a distribuire l’acqua in modo più uniforme, fornendo la giusta quantità.

Bisogna considerare che le innaffiature della menta piperita sono orientate ad essere frequenti ma con poca acqua , poiché le sue radici non sono molto profonde. In questo modo si valuta sempre prima lo stato del terreno e, se sembra asciutto, si procede all’irrigazione, ma se è ancora molto umido è meglio aspettare.

Se la menta piperita è piantata in giardino, puoi anche usare un annaffiatoio o applicare l’irrigazione a goccia se disponibile.

Come rileviamo l’acqua in eccesso nella menta piperita?

Uno dei problemi più frequenti che sorgono quando si prende cura della menta piperita è che sono troppo annaffiate a causa del fatto che richiedono umidità. L’idea è di annaffiare abbastanza in modo che la pianta goda di un ambiente morbido e fresco, ma assicurandosi che non si verifichino ristagni d’acqua.

Quando questi vengono generati, è abbastanza facile che si depositino funghi che causano varie malattie o che si verifichi la putrefazione delle radici. Per evitare ciò, è importante gestire bene l’irrigazione e permettere al substrato di drenare il liquido in eccesso una volta terminato.

La menta piperita è un’ottima pianta da avere vicino a una finestra della cucina di casa e prendere foglie fresche quando ne hai bisogno. La tua buona salute andrà molto di pari passo con l’applicazione di una corretta irrigazione alla menta piperita, quindi prendi nota di tutto ciò che ti diamo qui in modo da avere copie del campionato.

Fonti e riferimenti bibliografici

  • https://repositorio.unal.edu.co/bitstream/handle/unal/54913/Tesis%20Maestr%C3%ADa-%20Jessica%20Vargas%20Cruz%20Unal.pdf?sequence=1
  • http://www.sidalc.net/cgi-bin/wxis.exe/?IsisScript=bac.xis&method=post&formato=2&cantidad=1&expresion=mfn=048856
  • http://www.sidalc.net/cgi-bin/wxis.exe/?IsisScript=bac.xis&method=post&formato=2&cantidad=1&expresion=mfn=027533
  • http://dspace.cibnor.mx:8080/bitstream/handle/123456789/1733/garcia_e%20TESIS.pdf?sequence=1
Forse ti interessano anche:
  • Potare una menta piperita: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]
  • Trapianto di menta piperita: [Condizioni, tempi, strumenti e passaggi da seguire]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.