Suggerimenti

Potare un Iresine: [Importanza, Tempo, Strumenti, Considerazioni e Passaggi]

Con i suoi steli colorati e le grandi foglie decorative, sorge spesso la domanda: è necessario potare l’iresine?

La realtà è che la stragrande maggioranza delle piante prevede la potatura come cura fondamentale per un motivo molto semplice: crescono e vanno rinfrescate.

L’iresine non sfugge a questa realtà e, trattandosi di una pianta che normalmente si ha per decorare un angolo all’interno della casa, è logico che si voglia che sia perfetta.

Quindi mettiamoci al lavoro scoprendo tutti i dettagli per potare l’ iresine .

Perché potare l’iresina?

La potatura dell’iresine ha come obiettivo principale una funzione legata alla manutenzione. Essendo così ben strutturato, ciò che cerchiamo di più è che sia in grado di rimanere organizzato per tutta la sua vita.

In alcuni casi, la potatura è consigliata per attaccare i problemi che si presenteranno in determinati momenti, come le foglie appassite.

Tuttavia, in quest’ultimo caso, è necessario verificare se si tratta di una condizione generale o se deriva da una malattia. Se un’iresina malata viene potata, potrebbe non avere abbastanza energia per riprendersi.

Quando è meglio effettuare la potatura delle iresine?

La stagione migliore per la potatura per mostrare gli effetti positivi attesi è durante la primavera .

In questo periodo e in estate si possono applicare dei leggeri pizzichi apicali che favoriscono la crescita verso le estremità di alcuni fusti.

Così, godrai di bellissime foglie in tutto l’ambiente che finiranno con una pianta molto più occupata. Quando invece è già molto grande e occupa più spazio del previsto, la potatura dovrà essere effettuata in senso inverso, riducendo il numero di steli.

Quali strumenti dobbiamo usare per potare le iresine?

La struttura dell’iresine facilita l’esecuzione dei lavori con l’ausilio di forbici da potatura ad una mano.

Nel caso sia necessario perché uno stelo è molto più spesso, con una forbice a due mani sarai più che pronto a svolgere questo compito.

Tieni presente che se le forbici non sono ben affilate, potresti generare un taglio impreciso e in cui devi applicare molta forza, facendolo soffrire. Per questo motivo è consigliabile dargli una buona affilatura preventiva e pulire ogni lama delle forbici con alcool per disinfettare.

Quali considerazioni dobbiamo tenere in considerazione quando potiamo le iresine?

Per un’ottima potatura iresine la pianificazione è il passaggio fondamentale . Attraverso di esso sarai in grado di valutare ciò che hai attualmente e ciò che speri di ottenere.

Un altro vantaggio che ti porterà la pianificazione preventiva è lavorare in modo sicuro e rapido. Anche se l’iresine non richiede molto tempo da sola, potresti ritrovarti a rivolgerti ad altre piante in seguito e tutto torna.

Come potare le iresine senza danneggiare la pianta?

Ora, entriamo nella modalità di lavoro di giardinaggio con il seguente passo dopo passo:

  1. Rileva quali parti sono in cattive condizioni all’interno dell’intera struttura . Qui è fondamentale guardare non solo le foglie appassite, che saranno sicuramente la prima cosa che vedrai, ma anche gli steli secchi e fragili. Tutto questo devi eliminare senza pensarci due volte.
  2. Identificare quali sezioni della pianta sono nate ma sembrano non svilupparsi bene . Se vuoi avere una pianta in perfette condizioni, hai bisogno che ogni sua parte, in particolare gli steli, nasca e si sviluppi forte.
  3. Potare le aree che si sono sviluppate eccessivamente . Qui andiamo al contrario. Se la tua iresine ha un ramo che è cresciuto più di quanto ti aspettassi e sta causando qualche inconveniente (esce da una finestra o colpisce un condizionatore, per esempio) taglialo sopra un bocciolo. Questa azione consentirà alla ferita di chiudersi e di continuare a svilupparsi in seguito.
  4. Pizzica alcuni rami ogni due mesi per promuovere una crescita più forte . Questa azione a sua volta favorisce la pianta ad avere foglie nuove e fresche che decorano con maggior fascino lo spazio in cui la si posiziona.

È normale che a causa delle dimensioni raggiunte dall’iresine, il trapianto faccia parte del processo di potatura.

Pertanto, se nel tuo caso è necessario, procurati un vaso leggermente più grande e tienilo a disposizione per effettuare il cambio della pianta.

Dopo aver terminato il processo di potatura, che tu stia trapiantando o meno, assicurati di applicare un po’ di fertilizzante. Questo passaggio aiuterà a rilasciare i nutrienti che puoi distribuire rapidamente in tutta la struttura e renderla ancora più forte.

Ricorda che sebbene la potatura sia una cura necessaria, non smette di causare un qualche tipo di impatto sulla stabilità della pianta quindi devi agire con cautela.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.