Suggerimenti

Calcio nelle piante: [Utilizzo, vantaggi e rilevamento delle carenze]

Il calcio è incluso nel gruppo dei tre micronutrienti secondari più importanti nelle colture.

Sebbene il suo ruolo sia determinante per il corretto sviluppo delle piante, è considerato secondario perché la quantità richiesta è inferiore a quella dei macronutrienti conosciuti.

Buoni livelli di calcio garantiranno che la struttura della pianta sia migliore e, quindi, tutti i processi ne trarranno beneficio.

Ma come fai a sapere che una pianta riceve abbastanza calcio? Continua a leggere perché qui risponderemo a questa domanda e a molte altre.

Che cos’è il calcio?

Il calcio (Ca) è un elemento nutritivo di cui le piante hanno bisogno in una certa quantità.

Fa parte della famiglia dei micronutrienti ed è uno dei più importanti, insieme allo zolfo e al magnesio.

Il calcio che le piante assorbono è prodotto sotto forma di pectato di calcio, che è disponibile nel terreno in una certa quantità.

Quali fattori influenzano la risposta della coltura alla concimazione calcica?

  1. Le condizioni ambientali giocano un ruolo determinante nel corretto assorbimento del calcio.
  2. Poiché questo viene lavorato attraverso la traspirazione, gli effetti che lo riducono, come l’ elevata umidità e le basse temperature, possono danneggiare i livelli.
  3. Ed è così anche in terreni ricchi, dove uno studio potrebbe rivelare, con assoluta certezza, che i livelli di calcio sono appropriati.
  4. È inoltre necessario considerare l’interazione che il calcio ha con altri nutrienti, come magnesio, sodio e potassio .
  5. Quando uno di questi tre è presente in quantità molto elevate, è possibile che l’assorbimento del calcio sia difficile.
  6. L’acidità del terreno influisce anche sulla disponibilità di calcio per le colture da assumere , quindi è necessario dosarlo molto bene.

Qual è il contenuto di calcio nel terreno?

Il calcio è l’elemento più abbondante che esiste nel mondo, essendo a un livello del 3,64% del totale all’interno della crosta terrestre.

Secondo studi in materia, per i seminativi, il calcio medio che deve essere presente è dell’1,64%.

Non va dimenticato che il calcio non viene solo assorbito dalle piante dal terreno, ma interviene anche la composizione dell’acqua.

Quali benefici può avere un terreno ricco di calcio?

Le piante che crescono in terreni ricchi di calcio trovano facile godere di un migliore stato di salute, poiché il calcio interviene in processi quali:

  1. Attivazione di alcuni enzimi.
  2. Coordinamento delle attività legate al problema cellulare, soprattutto in ciò che ha a che fare con la protezione della membrana cellulare, impedendo la fuoriuscita delle sostanze che in essa fanno vivere. Questo è decisivo nella formazione e unione delle pareti cellulari.
  3. Svolge un ruolo nel lavoro degli ormoni vegetali, motivo per cui è coinvolto sia nella crescita che nella germinazione delle piante.
  4. Agisce sulla regolazione del metabolismo interno delle piante.
  5. Contribuisce alla selezione delle proteine ​​corrette che rendono più facile affrontare ambienti con temperature molto elevate.

Quali sono gli svantaggi di un eccesso di calcio?

L’eccesso di calcio nelle colture è una delle più rare tra tutte le tossicità da micronutrienti.

Tuttavia, vale la pena sapere che il problema più grande intorno a questa materia è generato dallo scopo della competizione con altri nutrienti.

In particolare, il calcio può compromettere l’assorbimento di potassio e magnesio, anch’essi molto importanti per la salute di tutte le piante.

Quali colture beneficiano maggiormente della presenza di calcio nel terreno?

Il calcio è particolarmente importante nella coltivazione dei legumi , poiché la sua carenza influenzerà la formazione di noduli.

In alcune verdure è anche determinante perché la sua carenza può causare marciumi nei pomodori o nei peperoni , bruciature nella lattuga e cuore nero nel sedano .

Nel caso degli alberi da frutto, i meloni sono tra le colture che hanno più bisogno di calcio per svilupparsi in modo sano.

Come rileviamo la carenza o la carenza di calcio nelle nostre colture?

Il calcio ha la proprietà di rimanere immobile all’interno delle piante, come accade con molti altri micronutrienti.

Per questo motivo viene assorbito dalle radici attraverso la traspirazione, azione che le piante svolgono naturalmente.

Ciò significa che il calcio si mescola con l’acqua, ma quando entra nei tessuti si separa, il calcio va dove serve e l’acqua evapora.

Pertanto, quando la pianta è sottoposta ad elevata umidità o si trova in ambienti molto freddi, che compromettono la traspirazione, potrebbe esserci un deficit.

Ciò è evidenziato nelle parti più importanti della pianta: i frutti e le foglie che stanno appena nascendo.

Tra i principali sintomi che richiedono attenzione a causa della carenza di calcio ci sono:
  • Radici: la crescita delle radici a un ritmo corretto dipende, in larga misura, dalla quantità di calcio che le colture hanno a disposizione. Se questo non è necessario, può diventare un processo lento che farà sembrare le radici più scure e potrebbe persino morire.
  • Foglie: lenta crescita può verificarsi anche su foglie nuove, provocando anche deformità e macchie. Anche, in alcuni casi, possono essere evidenziate punte di una condizione gelatinosa.
  • Polline: può essere influenzata anche la corretta germinazione del polline, così come lo sviluppo del tubo pollinico che è responsabile del suo trasporto.
  • Malattie: i sintomi di una carenza di calcio potrebbero non diventare il problema più grande in tutta questa questione, ma la possibilità che la pianta sia più vulnerabile a malattie come marciume e ustioni.

Con tutti questi dati non c’è dubbio che il calcio sia un micronutriente essenziale per lo sviluppo delle piante.

Pertanto, se ci saranno sintomi di tutti quelli qui presentati, sarà urgente andare avanti con una valutazione del terreno per agire in base ai risultati.

Ma, se applichi le misure corrette dall’inizio, sicuramente non avrai problemi.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.