Suggerimenti

Cura delle piante carnivore

Le piante carnivore spesso ci incuriosiscono, in quanto sono molto diverse dal resto delle piante che siamo abituati ad avere intorno a noi. Nonostante vivano normalmente in terreni poveri e allagati, sono piante capaci di grande adattabilità ai cambiamenti, purché non troppo brusche o eccessive.

Molte sono le piante di questo tipo che oggi si possono tenere in casa, sia all’interno che all’esterno a seconda della specie e del clima, come le acchiappamosche di Venere (dionaeas) o le drosere. Se sei interessato a sapere qual è la cura delle piante carnivore, le troverai tutte in questa guida di EcologíaVerde.

Tipi di piante carnivore

Per cominciare, dobbiamo tenere conto di quali tipi di piante carnivore esistono e quali sono le più adatte ad ogni clima e, in questo modo, poter scegliere al meglio quelle che si adattano alla nostra casa. C’è un modo molto generico per classificarli, ma è semplice e pratico poter decidere quale possiamo avere in casa, e cioè tenere conto del clima. La classificazione delle piante carnivore in base al clima è la seguente:

  • Piante carnivore tropicali: sono più complicate da curare in casa, poiché necessitano di elevata umidità e temperatura calda e devono essere costanti. Pertanto, per averli in casa, a meno che non abitiamo in un luogo totalmente tropicale, di solito vengono collocati in terrari adatti a loro. Alcune specie sono Nepenthes, Pinguicula e Caphalotus.
  • Piante carnivore non tropicali: vivono in zone dove fa freddo, anche se non in zone dove ci sono gelate. Durante le stagioni fredde, in inverno e in autunno a seconda delle zone, riescono a passare attraverso un letargo che permette loro di sopravvivere bene. Di solito sono visti vicino a zone acquose, come le paludi. Alcune specie sono Sarracenia, Dionaea, Drosera, Darlingtonia, Pinguiculas e Utricularia vulgaris.

Vasi e substrato per piante carnivore

Tra le prime cure della pianta carnivora Dionaea, Drosera e N epenthes, o di qualsiasi altra specie di questo tipo di pianta, c’è che devi scegliere il substrato e il vaso appropriati per ciascuna di esse.

Per quanto riguarda i vasi, i più adatti sono i vasi di plastica, poiché sono più resistenti, ma vanno bene anche vasi in porcellana e vetro, piuttosto che in terracotta. Assicurati che ci siano abbastanza fori sul fondo in modo che l’acqua possa defluire bene. Inoltre, tenete conto del tipo di pianta che dovete sapere se scegliere un vaso comune o sospeso, perché ad esempio il Nepenthes ha bisogno di un vaso sospeso per via della sua forma.

Il substrato per le piante carnivore deve essere povero di nutrienti, poiché in natura vivono in questo tipo di terreno. Se usiamo terriccio o substrato normale per le piante, il più comune, le radici dei carnivori brucerebbero, poiché ci sono troppi minerali per loro. Inoltre il terriccio deve fornire un buon drenaggio per i vasi, poiché nonostante abbiano bisogno di umidità e acqua a sufficienza, è importante che scorra e non rimanga stagnante per lungo tempo. I substrati più idonei sono i seguenti:

esofago

Questo è il miglior tipo di substrato per le piante carnivore. È un tipo di muschio in via di decomposizione e il suo pH è acido, il che lo rende povero di sostanze nutritive e capace di trattenere l’acqua nella misura necessaria a queste verdure. Inoltre, può essere utilizzato da solo o miscelato con sabbia.

Sabbia

Si usa in miscela con il supporto precedente e mai da solo. Non una sabbia qualsiasi per queste piante, solo quella spessa fino a 4 mm, come quella venduta per acquari nei negozi di acquari specializzati.

perlite

È un minerale a forma di palline bianche che ha una grande capacità di trattenere l’acqua per un certo tempo. Dovresti lavarlo prima di usarlo mescolato con lo sfagno.

Un’ultima opzione è quella di utilizzare un substrato di orchidea, che è come legni misti a sfagno.

Acclimatazione

Qualcosa di vitale nella cura delle piante carnivore è che permettiamo loro di acclimatarsi alla casa, poiché è molto comune che a causa dei cambiamenti di luce, temperatura e umidità subiscano uno shock e muoiano.

Per ottenere una buona acclimatazione, è meglio posizionare le piante in un terrario con umidità e temperatura elevate (non eccessive nemmeno), oppure utilizzare plastica o sacchetti adatti. Ogni poche ore è consigliabile aprire il terrario o portare fuori la pianta per qualche minuto in modo che possa arieggiare e abituarsi, anche se non dovrebbe essere esposta alla luce solare diretta. La cosa giusta è farlo per un mese e può essere rimosso per averlo normalmente all’interno della casa. Non è obbligatorio farlo, ma è altamente raccomandato.

Luce, temperatura e umidità per piante carnivore

Dove localizzare una pianta carnivora in casa? Per fare questo, devi tenere conto della luce, della temperatura e dell’umidità che favoriscono queste piante.

  • Luce: necessitano di molta luce naturale. Nello specifico, le specie Sarracenia, Dionaea, Pinguicula, Heliamphora, Cephalotus e Darlingtonia necessitano di circa 5 ore di luce solare diretta al giorno, anche se non nei momenti più intensi. In contrasto con Nepenthes e Droserail sole diretto non è conveniente per loro, poiché possono bruciare.
  • Temperatura: poiché le piante non tropicali necessitano di ibernazione, si consiglia di mantenerle per alcuni mesi, da 3 a 5 mesi a seconda della specie, ad una temperatura inferiore a 5ºC, se non vanno in letargo in primavera quando dovrebbero germogliare, non lo farebbero o sarebbero a malapena in grado di farlo. Quelli tropicali devono essere mantenuti in un intervallo di temperatura abituale in queste zone tropicali e subtropicali.
  • Umidità: la pianta copolgant Nepenthes è quella che necessita di più umidità nell’aria, altrimenti si secca. Tutti gli altri hanno bisogno di molta umidità, tranne il Drosophyllum che è quello che richiede meno umidità.

Come annaffiare le piante carnivore

Praticamente tutte le piante di questo tipo necessitano di essere annaffiate con la tecnica dell’irrigazione ad immersione o, come viene anche chiamata, «la tecnica del vassoio». Il motivo è che hanno bisogno di una grande quantità di acqua e mantengono l’umidità, anche se non rimangono molto impregnati d’acqua o per molto tempo.

Per fare questo, devi solo posizionare la pianta in una grande bacinella o contenitore con acqua a sufficienza, coprendo la base del vaso tra 2 cm e 5 cm. Lascia che assorba l’acqua per 10 minuti. Nei periodi di caldo è consigliabile regolare a giorni alterni, mentre nei periodi freddi può bastare una o due volte al mese. L’irrigazione dipende molto dalla specie, quindi è consigliabile chiedere al fornitore della pianta, specialista in questo tipo di ortaggio, questa specifica esigenza in ogni specie che acquisiamo.

alimentazione delle piante carnivore

Come abbiamo accennato, piante di questo tipo vivono in luoghi poveri di nutrienti e si nutrono in modo speciale. Per nutrirsi, le piante carnivore catturano insetti e, alcuni, anche piccoli anfibi, rettili e mammiferi.

Puoi dare alle tue piante carnivore zanzare, zanzare, mosche, farfalle, formiche, ragni, ecc. Dopo la cattura, la bocca rimane chiusa per un po’, ad esempio nel caso del Venus acchiappamosche (Dionaea) chiudono la bocca per un massimo di 1 o 2 settimane. nel caso del Venus acchiappamosche possono bastare 2 insetti al mese. Quando riaprono la bocca, è conveniente rimuovere i residui di insetti eventualmente rimasti.

Cerca insetti della dimensione adeguata, perché se sono molto grandi, le foglie delle bocche possono morire a causa di uno sforzo eccessivo.

Poiché dopo 2 o 3 pasti le bocche di queste piante di solito muoiono per far posto a nuove, è conveniente tagliarle non appena vedete che si asciugano, dalla loro base, e quindi eviterete i funghi.

Parassiti e malattie delle piante carnivore

Le piante carnivore possono anche essere infettate da parassiti, in particolare i seguenti:

  • Ragno rosso
  • afidi
  • Funghi
  • Cocciniglie

I parassiti vanno combattuti con prodotti specifici acquistabili nei negozi o con rimedi casalinghi consigliati da specialisti in questo tipo di piante. Scopri di più in questo altro articolo di EcologíaVerde sui parassiti e le malattie più comuni nelle piante d’appartamento. Inoltre, vi lasciamo di seguito un video sulla cura del Venus acchiappamosche in modo specifico affinché possiate conoscere meglio queste strane piante.

Se desideri leggere altri articoli simili a Cura delle piante carnivore, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.