Suggerimenti

Kiwi: il frutto che si prende cura di noi in inverno

Sapevi che il kiwi è uno dei frutti di stagione invernale ? Insieme a melograni , arance e uva , questi frutti deliziosi e nutrienti ci aiutano a rimanere in salute durante i mesi più freddi dell’anno.

Vi invito anche a godervi un video che troverete alla fine del post, in cui riassumo le proprietà del kiwi.

Cos’è il kiwi?

Il frutto delle piante del genere Actinidia è conosciuto con il nome “kiwi” , una pianta rampicante le cui bacche sono caratterizzate da una buccia marrone scuro con polpa verde brillante, succosa e traslucida con piccoli semi.

Il genere Actinidia è composto da 76 specie e circa 120 taxa, ma le specie più coltivate per la commercializzazione dei suoi frutti sono Actinidia Delicious ( kiwi a polpa verde ) e Actinidia chinensis ( kiwi a polpa gialla ).

Sapete perché questo frutto si chiama kiwi?

Il nome “kiwi” è stato incorporato molto tempo dopo che era già usato come alimento in Cina. Essendo una specie originaria della valle del fiume Yangtze, è stata introdotta in Nuova Zelanda nel 1906 dove è stata adattata, addomesticata e coltivata per diventare un’importante fonte di ricchezza.

L’aspetto della buccia dei frutti di Actinidia , simile al piumaggio dell’uccello originario della Nuova Zelanda chiamato Kiwi , ha dato origine al nome con cui iniziò ad essere esportato nel 1953 ed è conosciuto oggi.

L’espansione della sua coltivazione non ha impiegato più di due decenni per raggiungere il Nord America e l’Europa, mentre in Sud America è più recente.

Le piante hanno un comportamento arbustivo, con lo sviluppo di numerosi germogli vigorosi e flessibili dalla base. Il fusto può raggiungere tra 20 e 30 cm di diametro, con un apparato radicale piuttosto scarso.

I frutti di Actinidia deliciosa hanno la buccia marrone, opaca e con uno strato di densa lanugine, mentre la polpa è verde smeraldo. Le cultivar più frequenti sono della varietà Hayward, i cui frutti maturi hanno un sapore agrodolce di dimensioni importanti, il cui principale vantaggio commerciale è la loro lunga conservazione in condizioni appropriate.

Altre varietà di questa specie, con frutti di calibro più piccolo ma con le stesse qualità, sono: Monty, Abbott, Bruno, Kramer e Blake, tra gli altri.

Dal canto loro i frutti della specie Actinidia chinensis hanno una protuberanza all’estremità inferiore, buccia liscia e privi di villi con polpa gialla, più dolce del verde.

Valore nutrizionale dei kiwi

Il kiwi è un frutto altamente nutriente.

Come fonte di antiossidanti naturali, la vitamina C si trova tra 25 e 155 mg per 100 grammi, insieme a calcio (40 mg), potassio (300 mg), ferro (0,4 mg) e magnesio (25 mg), fibre e composti antimutageni .

Secondo la dose giornaliera consigliata per un adulto tra i 20 e i 40 anni (100 g), il kiwi ha un basso contenuto energetico ma un alto contenuto di vitamina C , coprendo poco più del 150% di quanto consigliato, nel caso del kiwi verde e 260% nel kiwi giallo.

Insomma, il kiwi verde ha 2 volte più vitamina C dell’arancio , mentre quello giallo ne ha tre volte di più.

Notevoli anche le frazioni proteiche e gli enzimi, dove spicca l’actinidina, con riconosciuta capacità di idrolizzare le proteine, e sono fonte di fibre, sia solubili che insolubili.

Oltre all’ampio apporto di vitamine e minerali, la polpa del kiwi contiene anche beta-carotene, luteina, antociani e acido ellagico .

I folati e le vitamine liposolubili E e K (fillochinone), hanno quantità significative che superano quelle di altri frutti normalmente inseriti nella dieta.

Per quanto riguarda i minerali, il contenuto di potassio nel kiwi è paragonabile a quello della banana , più del doppio rispetto a qualsiasi altro frutto.

Nel kiwi giallo i carotenoidi sono responsabili del colore, mentre nel kiwi verde il colore dei pigmenti è mascherato dall’alto contenuto di clorofilla.

Benefici del consumo di kiwi

Per il loro grande apporto di nutrienti, il basso contenuto energetico e l’alto contenuto di acqua, sono prodotti di alta qualità nutrizionale.

Il kiwi è un alimento altamente consigliato per tutte le età e durante tutte le fasi della vita, soprattutto nelle persone che vogliono perdere peso e seguire una dieta per il controllo del peso.

Ha un ruolo benefico come antiossidante e per migliorare la funzione immunitaria, la funzione dell’apparato digerente e respiratorio, e l’umore, lo vediamo nel dettaglio:

Antiossidante:

È stato dimostrato che il consumo regolare di kiwi aumenta significativamente la concentrazione plasmatica di vitamine antiossidanti, come C, E e luteina.

.

Funzione immunitaria:

Il contenuto di nutrienti e fitochimici del kiwi aumenta la fagocitosi e i livelli di immunoglobuline, l’attività delle cellule NK, l’attivazione delle cellule T e la produzione di citochine, che insieme all’attività antiossidante, proteggono le nostre cellule dal sistema immunitario.

Umore:

Le carenze nutrizionali sono legate al benessere psicologico, motivo per cui il consumo di kiwi è stato oggetto di uno studio con un potenziale effetto sull’umore. Il consumo di 2 kiwi al giorno per 6 settimane (in individui con carenza di vitamina C), ha comportato una diminuzione della fatica, un aumento di energia e miglioramenti dell’umore generale .

Digestione:

Sono riconosciuti effetti benefici sulla digestione e sul transito intestinale, mostrando effetti positivi nel trattamento della stitichezza e nei pazienti con colon irritabile. Grazie alla ritenzione di acqua, fibre e all’effetto prebiotico , favorisce la crescita di lattobacilli e bifidobatteri.

Per quanto riguarda i benefici sull’apparato digerente , l’actinidina è un enzima preolitico molto attivo che esercita un effetto benefico sulla digestione, agendo sia nello stomaco che nell’intestino tenue, aumentando la digestione gastrica di alcune proteine, in particolare delle proteine ​​più grandi.

Il kiwi, in tutte le sue varietà, ha un alto valore nutritivo. Il suo consumo regolare e nell’ambito di una dieta equilibrata ha effetti benefici sulla funzione immunitaria, sulla difesa antiossidante, sulla funzione gastrointestinale e sull’apparato respiratorio.

Il consumo quotidiano di kiwi, in particolare durante l’inverno – la stagione favorevole del frutto – può essere una strategia efficace per il benessere e la prevenzione delle malattie.

.
.

.

Bibliografia consultata

  • “Controllo della maturazione del kiwi ( Actinidia delizioso )”, Alba Segura Martínez. Università Politecnica di Valencia, 2015.
  • “Fisiologia del kiwi ( Actinidia deliciosa ) durante il suo sviluppo e rammollimento: espressione di geni associati e loro modulazione da parte dell’etilene e dell’1-metilciclopropene”, Natalia Ilina. Università statale di San Pietroburgo, Russia, 2003
  • “Benefici nutrizionali e per la salute associati al consumo di kiwi”, Ana M. López-Sobaler, Aránzazu Aparicio Vizuete, Rosa María Ortega Anta. Università Complutense di Madrid. Nutrizione ospedaliera 2016.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *