Suggerimenti

Coltivazione di mais

Se vuoi sapere come coltivare il mais, di quali cure ha bisogno questa pianta e tutto ciò che riguarda il suo sviluppo, in questo articolo ti diremo tutto.

Cos’è il mais?

Il mais, con il nome botanico Zea mays , è una pianta rustica annuale originaria dell’America, in particolare del Messico, che appartiene alla famiglia botanica delle Graminacee, proprio come il riso, l’avena, la segale o l’orzo.

Il mais è una pianta rustica di facile sviluppo e coltivazione con fagioli e zucche dona un’ottima combinazione di nutrienti.

Se vogliamo gustare il mais in piena estate o piatti nutrienti a base di semola di mais o polenta dall’autunno, allora dovremo approfittare dei mesi da aprile a maggio per piantare l’orto.

Infatti ancora oggi continua ad essere la base dell’alimentazione di gran parte delle popolazioni dell’America e anche dell’Africa.

La sua coltivazione in giardino è relativamente facile, anche se se vogliamo ottenere grandi cespugli e spighe abbondanti e succulente, dovremo fornirgli bene acqua e sostanze nutritive.

Tra le infinite varietà di mais che possiamo coltivare e consumare, ci sono tre grandi gruppi con caratteristiche ben differenziate: mais grande, a grana dura, adatto alla semola e alla farina e consumato mediante cottura; le varietà a grana fine e buccia estremamente resistenti, utilizzate per realizzare i famosi popcorn; e quelli dai chicchi teneri e succosi – il mais dolce -, particolarmente adatti al consumo fresco. E in tutte possiamo trovare sottovarietà con diverse forme di grani e colori.

Tradizionalmente, in America si seminava – e si semina – con la tecnica della cosiddetta “associazione precolombiana”, che consiste nel coltivare insieme mais, fagioli e zucche, o zucchine, poiché oltre ad essere una favorevole associazione mutualistica, ogni pianta contiene una combinazione di nutrienti che insieme forniscono e coprono tutte le esigenze di una dieta equilibrata. Mais, carboidrati; fagioli secchi, proteine; e le zucche, le vitamine. Inoltre, tutti e tre i prodotti sono stabili a temperatura ambiente.

Indipendentemente dalla varietà, le modalità di coltivazione sono quasi identiche. Da un lato abbiamo bisogno di un terreno soffice, ben areato in profondità e ricco di humus. Tollera bene, e addirittura apprezza, la presenza di materia organica in decomposizione. Per questo, se il terreno dove seminiamo è povero di riserve di humus, spargeremo dai tre ai cinque chili di compost per metro quadrato dopo la sua nascita.

Le varietà di mais dolce e quelle di popcorn vengono piantate in file separate da circa 50 o 60 centimetri, mentre per quelle destinate al grano ne occorreranno tra i 60 e i 70, poiché i cespugli hanno una dimensione molto maggiore.

La più comune è quella di depositare circa due semi per buca ad una profondità di 1 o 2 centimetri, e ogni 10 o 15 centimetri, in modo che quando germoglieranno e saranno alti circa 5 o 6 centimetri, andremo a diradare, eliminando le piantine che mostrano segni di debolezza e ingiallimento, e lasceremo il più sano e vigoroso in ogni buca.

Sono piante rustiche che con le tecniche di coltivazione biologica non hanno quasi nessun problema di sviluppo, ad eccezione della vite, che possiamo controllare con regolari irrorazioni di Bacillus turingiensis al tramonto, dal momento in cui le piante raggiungono il mezzo metro di altezza.

Il momento ottimale per la raccolta dipende dal tipo di mais. Per le varietà a grani secchi, sia la semola che i popcorn, aspetteremo che i cespugli abbiano completato il loro ciclo e che le bucce esterne delle spighe si asciughino completamente. Con le varietà di mais dolce per il consumo dei chicchi teneri, dovremo cercare il punto ottimale e, a metà estate, quando gli stimmi che ricoprono le spighe inizieranno ad appassire, alzeremo le bucce che ricoprono i chicchi e , con il chiodo, li premeremo. Se affonda e salta fuori un succo lattiginoso, hai ancora qualche giorno. Se l’unghia non si infila, iniziano a diventare troppo duri. Quando l’unghia rimane segnata senza affondare, solitamente è il momento ideale per consumarla fresca.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *