Suggerimenti

Ragno bianco sulle piante: cos’è, danni che provoca e come eliminare questo parassita

Oggi vengo a parlarvi un po’ di un acaro che potremmo trovare in una delle nostre colture in questa stagione. Sto parlando del Polyphagotarsonemus latus,  meglio conosciuto come il ragno bianco o ragno bianco . In questo articolo ti presenterò questo bug che può danneggiare alcune delle nostre piante.

Come sono i ragni bianchi?

In realtà, proprio parlando, non è un ragno. Si tratta di una specie di acaro che appartiene all’ordine  Acarina  e alla famiglia  Tarsonemidae . Ecco perché è più corretto usare il termine “acaro bianco” o ragnetto bianco.

In America Latina è anche conosciuto come acaro del Cile, acaro largo, acaro tropicale o acaro giallo .

Nel ciclo vitale di questo acaro si distinguono quattro stadi: uovo, larva, pupa e adulto .

Le femmine depongono le uova in fori inestimabili sulla superficie della foglia o del frutto. Le uova sono saldamente attaccate a queste superfici. Il ragno bianco preferisce per il suo sviluppo essere posto sulla pagina inferiore delle foglie , dove trova le condizioni climatiche ottimali di umidità e ombra, e il cibo necessario.

Le larve hanno 6 zampe (3 paia) e gli adulti 8 zampe (4 paia). Negli adulti, ci sono differenze importanti tra maschi e femmine.

Come stanno le femmine?

Gli acari femminili sono lunghi circa 0,2 mm e di forma ovale. I loro corpi sono gonfi di profilo e trasparenti, da giallo chiaro a marrone chiaro o verde, e cerosi con una debole striscia centrale che si biforca vicino all’estremità posteriore del corpo.

Il quarto paio di zampe della femmina è ridotto a un pelo sottile e lungo che si estende dalla punta.

Come stanno i maschi?

I maschi sono piccoli (0,11 mm) e hanno zampe relativamente lunghe. Sono di colore simile e mancano della striscia mediana che si trova nelle
femmine.

Il quarto paio di zampe dei maschi termina con robusti artigli che servono per raccogliere la ninfa femmina e posizionarla perpendicolarmente a quella del maschio per il trasporto e il successivo accoppiamento.

Come sono le uova?

Le uova degli acari larghi sono ellittiche, lucide e incolori, lunghe circa 0,08 mm, e sono ricoperte da 30-40 uova bianche sparse sulla superficie superiore di ogni uovo.

L’uovo distintivo è una caratteristica identificativa chiave che dovrebbe essere utilizzata per confermare che il danno alle piante è causato da questo tipo di acaro. Quando le uova si schiudono, emergono delle larve lunghe circa 0,05-0,1 mm e che a causa delle minuscole creste presenti sulla pelle appaiono bianche, ma poi diventano trasparenti.

Come stanno le larve?

Le larve hanno tre paia di zampe. Dopo 2-3 giorni, le larve si sviluppano in una “pupa” quiescente che appare come un corpo gonfio chiaro e immobile che è appuntito ad entrambe le estremità.

Come stanno le pupe?

La “pupa” è lunga circa 0,08 mm. Una volta che muoiono da questo stadio diventano adulti, con quattro paia di zampe.

Moltiplicazione e longevità

In condizioni di alte temperature, umidità e ambiente ombroso, si moltiplica molto rapidamente . A 25ºC lo sviluppo di una generazione di questi acari (da uovo a uovo) dura dai quattro ai cinque giorni.

La longevità di una femmina è di circa dieci giorni in condizioni normali. Durante questo periodo depone circa 50 uova. Le femmine non fecondate producono solo figli maschi, mentre le femmine sono prodotte da uova fecondate.

In inverno, il tasso di riproduzione e l’attività degli acari diminuiscono. Per la sua sopravvivenza, questo acaro dipende dal materiale vegetale vivente, quindi non può andare in letargo in alcune parti della struttura della serra, come fanno gli acari di ragno.

Quali sono i sintomi e i danni dell’infestazione da ragno bianco?

È una specie che colpisce soprattutto le colture coltivate in serra, ma può attaccare anche le colture all’aperto o al chiuso. Questo ragno o acaro bianco attacca sia le colture ornamentali che quelle orticole.

Il ragno bianco o acaro bianco  colpisce in modo polifago diverse specie presenti nel nostro giardino. In tutto il mondo, Polyphagotarsonemus latus  cresce preferenzialmente in zone umide con temperature calde.

Questo acaro è un parassita importante nei tropici durante tutto l’anno. Nelle zone subtropicali è un parassita importante durante
l’estate e l’autunno se le condizioni climatiche sono calde e umide.

E nelle zone temperate è un parassita durante i mesi estivi, ma nelle giuste condizioni ambientali di caldo e umidità può provocare gravi danni.

Si riconoscono circa 50 piante che attacca (piante ospiti), tra le altre il peperone, il lampone, la pianta del tè, gli agrumi, il tabacco e la patata. In serra provocano danni principalmente a peperoni, melanzane, pomodori, cetrioli e colture ornamentali come azalee o begonie .

Inoltre provoca danni molto importanti alla Cannabis.

Danni causati da Polyphagotarsonemus latus consiste principalmente nella deformazione di foglie e steli.

Gli acari preferiscono i tessuti giovani in fase di sviluppo, come foglie e fiori giovani. L’acaro bianco succhia la linfa e produce deformazioni e cicatrici da sughero.

Nelle foglie, l’aspirazione avviene sulla parte del picciolo, che provoca l’ arrotolamento della foglia . La parte apicale della pianta è deformata e localmente compaiono macchie brune . Se non viene controllato, può portare alla morte delle piante.

Nel caso del pomodoro , si verifica una colorazione marrone chiaro sul gambo, sui germogli terminali e sulla pagina inferiore delle foglie giovani. Le foglie dei germogli si seccano, così che le parti superiori della pianta appaiono bruciate, con gli steli rugosi e scoloriti. Le foglie sono sporgenti e hanno nervature sporgenti.

Nelle patate forma delle macchie nerastre dall’aspetto oleoso sulla pagina inferiore delle foglie giovani, acquisendo un colore rossastro, e la foglia si piega irregolarmente ai bordi.

La stessa cosa accade nella pianta del peperone , dove impedisce anche la fioritura, o fa cadere i fiori.

Come controllare il ragno bianco?

Misure culturali preventive

Per controllare l’infestazione del ragno bianco , è importante utilizzare misure colturali come l’ eliminazione dei resti colpiti dall’acaro.

Mantenere le colture in buona salute aiuta a controllare tutte le specie di acari. Si raccomanda di mantenere l’area intorno alla coltura libera da erbacce o piante selvatiche che possono fungere da ospiti, che ridurranno le fonti di infestazione.

Nelle colture stagionali, come pomodori o peperoni, una volta terminato il raccolto, i residui colturali devono essere distrutti per evitare che diventino terreno fertile per il ragnetto rosso.

Si consiglia inoltre di potare le piante colpite, eliminando le foglie e gli steli che vengono attaccati.

Altro consiglio da seguire è quello di evitare di depositare polvere sulle foglie. Il fatto che vi sia della polvere depositata sulle foglie facilita l’attacco degli acari.

Nel pomodoro si è visto che è importante che le piante siano ben annaffiate e nutrite. Si consiglia di utilizzare fertilizzanti organici come il pacciame. Lo stress idrico (mancanza d’acqua) favorisce la comparsa degli acari.

Né dovrebbe andare oltre con l’abbonato, perché un eccesso di fertilizzante favorisce anche lo sviluppo di questo parassita.

Metodi di controllo in agricoltura biologica

In agricoltura biologica, per combattere questo parassita, si consiglia di utilizzare zolfo e olio di neem. Entrambi funzionano bene. I prodotti commerciali sono disponibili in entrambi i casi.

Se vuoi fare un acaricida fatto in casa, puoi usare peperoncino piccante (peperoncino o peperoncino), aglio e sapone liquido per lavare i piatti . Ci sono studi scientifici in cui è stato dimostrato e si è visto che questa miscela dà buoni risultati per controllare questo acaro bianco (5).

Il peperoncino contiene capsaicina, che è una sostanza irritante per insetti e acari, che li induce a fuggire dal luogo, smettere di nutrirsi e morire (5).

L’aglio contiene alcuni composti solforati, che agiscono sul sistema nervoso di insetti e acari, agendo da irritante e repellente (5).

Il sapone aiuta il prodotto ad aderire meglio agli steli e alle foglie delle piante. Inoltre, quando viene a contatto con i tessuti adiposi degli acari, ne provoca la morte per disidratazione (5).

Come fare un acaricida fatto in casa

ingredienti

  • 100 grammi di peperoncino
  • 28 grammi di detersivo per i piatti
  • una testa d’aglio intera (10 o 12 spicchi)
  • 1 litro d’acqua

Preparazione

Frullate il tutto e lasciate riposare per 24 ore. Una volta che si sarà stabilizzato, filtratelo e scioglietelo in un recipiente con 20 litri d’acqua.

Se vuoi fare meno quantità, riduci le proporzioni.

Controllo chimico

Se si fa agricoltura convenzionale si possono utilizzare principi attivi acaricidi come Abamectina, Tau-Fluvalinato o Cipermetrina.

Questi principi attivi si trovano solitamente negli acaricidi venduti nei negozi.

Controllo biologico

Il controllo biologico è consentito sia nell’agricoltura biologica che in quella convenzionale.

In questo caso, il ragno bianco ha predatori naturali, cioè ci sono altri animali che li mangiano. In questo caso, sono insetti e altri acari, che possono essere usati per combattere questo parassita.

Sono venduti in buste, che vengono messe sulle piante. Gli effetti sono maggiori in ambienti chiusi come le serre, anche se si possono fare liberamente anche all’aperto.

Le principali specie utilizzate sono:

  • Amblyseius swirskii
  • Eretmocerus mundus
  • Eretmocerus eremicus
  • Encarsia Formosa

Qui si ha il link per un articolo su bianco insetti e insetti bianchi sulla terra nel caso in cui si aiuta anche.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *