Suggerimenti

Parassiti e malattie del basilico: [rilevamento, cause e soluzioni]

Una delle piante più utilizzate in cucina per il sapore ricco che aggiunge alle preparazioni è il basilico. Inoltre, è un’opzione eccellente quando lo semini nel tuo giardino, poiché non richiede molta cura.

Quello che dovresti tenere a mente in modo che appaia sempre verde e radioso è che ci sono parassiti e malattie che potrebbero attaccarlo.

E noi faremo un passo avanti grazie alle informazioni che vi diamo oggi in questo post.

afidi

Quando si tratta di verificare i parassiti comuni nelle colture di basilico , gli afidi diventano un riferimento obbligato.

La loro dimensione non supera i 3 mm e sebbene il più comune sia vederli in colori come il verde o il giallo, possono apparire anche in altri toni come il rosso o il nero.

La posizione all’interno della struttura della pianta è solitamente sul lato inferiore delle foglie e, in alcuni casi, sullo stelo. Dopo aver secernuto la linfa della pianta (che è la sua fonte di cibo) producono una sostanza nota come melassa, che è la porta d’ingresso alle malattie.

Quando gli afidi sono pochi, il loro danno non è molto evidente, ma quando attaccano in gran numero, le foglie ingialliscono e danneggiano la loro struttura

A causa della forma e delle dimensioni del basilico, è facile da trattare con l’aiuto di composti naturali come l’ olio di neem .

Anche in alcuni casi, la semplice pulizia con un forte getto d’acqua risolverà il problema.

Minatore di basilico

Il minatore fogliare è un altro parassita frequente che si evidenzia dalla presenza di piccole macchie nere sulla struttura delle foglie.

Anche se a prima vista potrebbe sembrare che si tratti solo di un fungo, la realtà è che si tratta di un insetto che apre un buco nelle foglie per deporre il suo uovo .

Questo uovo, quando si schiude, produce una larva che si nutre della struttura della foglia e lo scopo di questa azione è che si verifichi il danno. In seguito, ciò che rimane sul foglio con quella forma stellata e nera è un fungo.

Se si lascia avanzare troppo il fungo, le foglie colpite alla fine si seccano e cadono dalla pianta

Il trattamento di questa condizione è il più semplice che esista e consiste nel rimuovere le foglie colpite e nel gettarle via da dove vengono coltivate le colture.

Lumache e lumache

Quando si tratta di rilevare se lumache o chiocciole stanno attaccando, basta guardare le foglie della pianta, poiché molto probabilmente appariranno con dei buchi che vanno da un lato all’altro .

Questi sono generalmente di dimensioni considerevoli e limitano il corretto sviluppo del processo di fotosintesi , così che la pianta comincerà a impallidire.

Il più comune è che attaccano quando l’ambiente è interessato da erbacce o rifiuti organici , soprattutto se è all’ombra e con elevata umidità.

Questi sono i parassiti che possono causare i maggiori danni alle colture di basilico, ma allo stesso tempo sono i più facili da eliminare. Questo perché hanno una struttura visibile per le loro dimensioni e struttura e possono essere rimossi semplicemente prendendoli con le mani.

Per la prevenzione, è meglio mantenere le aree sgombre e pulite e fare affidamento su risorse come i gusci d’uovo per impedire il passaggio.

Muffa

La muffa è una malattia comune delle colture da frutto, ma può colpire anche le piante di tipo basilico.

I suoi sintomi fanno ingiallire le foglie seguendo un percorso che va dalla nervatura centrale ai bordi.

È anche possibile che si generino macchie necrotiche e una sorta di peli grigi nella parte inferiore delle foglie. Le misure preventive comprendono l’ applicazione preventiva di fungicidi naturali .

È inoltre necessario fare attenzione al livello di umidità, soprattutto quando le temperature sono molto elevate.

ragno rosso

Il ragnetto rosso è considerato un parassita molto frequente in quasi ogni tipo di coltura perché si nutre dell’aspirazione che fa della linfa presente nelle foglie.

È un piccolo acaro che infesta le piante in via di sviluppo nei giorni di tempo asciutto.

Questo è ancora più comune quando la piantagione si trova in luoghi dove il flusso d’aria non è molto buono.

Per questo motivo tende a diventare un vero problema nei basilico coltivati ​​indoor. Per evitare ciò, è meglio mantenere le colture aerate, senza erbacce intorno e assicurandosi che le innaffiature siano giuste e frequenti.

La buona notizia è che dopo un attacco sarà possibile affrontarli grazie a preparati naturali come l’ infuso di ortica o l’olio di neem .

viaggi

I tripidi sono l’ultima piaga a cui ci riferiamo è che hanno un sistema di lavoro diverso dagli altri che abbiamo visto consumare la linfa.

In questo caso, ciò che fanno i tripidi è nutrirsi di cellule vegetali , assorbendo così la clorofilla , che elimina il colore verde nelle foglie.

La cosa normale è che queste foglie iniziano a impallidire, notando un rapido viraggio al marrone con certi bagliori argentei. Quest’ultimo dettaglio è ciò che consentirà di differenziare questa piaga da altre che svolgono un effetto simile.

Un altro fatto che differenzia i tripidi dagli altri parassiti è che non amano vivere nell’umidità , quindi spruzzare le piante con acqua aiuterà a evitarli. 

È anche possibile potare le foglie danneggiate , poiché probabilmente gli acari sono su di esse.

In caso di un attacco molto grande, il più efficace sarà applicare un prodotto naturale come l’ olio di neem o il sapone di potassioIl basilico è una di quelle piante che tutti dovremmo avere in casa perché i suoi benefici sono così ampi.

Ma questo comporta anche la responsabilità di stare attenti che non vengano danneggiati da parassiti o malattie e, nel caso si verificasse, bisogna saperli combattere.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.