Suggerimenti

Alimenti fermentati: cosa sono e come possono migliorare la tua salute

I cibi fermentati sono uno dei migliori integratori che puoi aggiungere alla tua dieta. Non solo perché sono molto versatili in cucina (e sono molto gustosi) ma perché sono uno dei modi migliori per prendersi cura della propria salute.

Questa volta ti diciamo cosa sono, quali benefici apportano alla nostra salute e come puoi includerli nella tua vita quotidiana.

Cosa sono i cibi fermentati?

In modo molto riassuntivo, i cibi fermentati sono quelli che ci forniscono i probiotici ( batteri benefici per il nostro microbiota intestinale) e che si ottengono attraverso la fermentazione.

Infatti, la storia dei cibi fermentati risale a tempi antichissimi ed è per questo che troviamo questo tipo di cibo in tutte le culture. Dagli yogurt al pane a tutti i tipi di verdure fermentate .

Inoltre, nella stragrande maggioranza dei casi, la fermentazione non solo allunga la conservabilità degli alimenti ma conserva meglio anche le vitamine e i minerali in essi presenti.

Un chiaro esempio è quello della vitamina C e dei crauti, la cui ossidazione rallenta grazie al processo di fermentazione. Una caratteristica che ha permesso al capitano Cook di combattere lo scorbuto nel XVIII secolo. Riuscire in questo modo non solo a porre rimedio a una malattia mortale ma anche a risolvere un male che a quel tempo era molto comune tra i marinai.

Quali sono i benefici dei cibi fermentati?

Nel paragrafo precedente abbiamo già parlato di un beneficio dei cibi fermentati ; in particolare, la migliore conservazione della vitamina C. Tuttavia, i benefici che otteniamo dall’inclusione di cibi fermentati nella nostra dieta sono molto diversi:

  • Sono cibi più nutrienti e più digeribili
  • Ci forniscono enzimi digestivi che ci aiutano ad assimilare meglio il cibo
  • La fermentazione aumenta alcune vitamine essenziali per il buon funzionamento dell’organismo, come quelle del gruppo B e la vitamina K2
  • Promuovono la salute intestinale e, di conseguenza, la nostra salute in generale. Inoltre, modulano il nostro sistema immunitario
  • Arricchiscono il nostro microbiota e ne aumentano la diversità
  • Regola i livelli di zucchero nel sangue
  • Sono antinfiammatorie e favoriscono una corretta disintossicazione dell’organismo

Inoltre, e nonostante tutti i cibi fermentati abbiano benefici, non dobbiamo dimenticare che è consigliabile includerne diversi tipi. Del resto, uno degli aspetti più interessanti di questo tipo di alimenti è proprio la diversità batterica che li caratterizza. E questo varierà leggermente a seconda di ciò che stiamo fermentando.

Anche nel caso di verdure fermentate. Non otterremo gli stessi benefici dalla fermentazione del cavolo per fare i crauti della fermentazione di cipolle, olive o sottaceti per fare i sottaceti.

Come includere i cibi fermentati nella nostra dieta?

A questo punto ti starai chiedendo come includere cibi fermentati nella tua dieta. E la risposta è più semplice di quanto ci si potrebbe aspettare. Soprattutto dopo aver visto alcuni esempi di cibi fermentati che puoi includere quotidianamente:

  • Verdure lattofermentate, come crauti o kimchi
  • Pane a lievitazione naturale
  • Olive e sottaceti
  • Yogurt
  • Formaggio (a latte crudo)
  • Kefir di latte (noto anche come bulgaro o tibicos)
  • kefir d’acqua
  • Kombucha
  • Miso
  • Tempeh
  • Tamari
  • Natto (una delle migliori fonti di vitamina K2)
  • Aceto di mele

Come puoi vedere, molti di loro sono cibi tipici della dieta mediterranea . Ad esempio, formaggio, yogurt, olive, sottaceti, verdure lattofermentate o aceto di mele.

> Leggi Come fare il kefir di acqua di cocco

Inoltre, a seconda del cibo fermentato che scegli, servirà come bevanda analcolica, come guarnizione di verdure per i tuoi piatti o come una buona salsa. O semplicemente come antipasto sano, come nel caso delle olive o del formaggio.

Tuttavia, quando parliamo di cibi fermentati dobbiamo ricordare una cosa. Se applichiamo calore o, come al solito, pastorizziamo questi alimenti, uccideremo i batteri benefici. E, quindi, non otterremo i probiotici e i benefici che cerchiamo.

La fermentazione in casa: un modo facile ed economico per consumare cibi fermentati

Per questo motivo, e poiché a volte è difficile trovare nei mercati cibi veri e propri fermentati , molte persone optano per le versioni casalinghe. Un’opzione molto semplice da realizzare per la quale avremo bisogno solo di pochi ingredienti come sale , un colino, un vaso di fermentazione o un fungo o una coltura starter. Oltre al tempo e alla pazienza.

Infatti, quando ci prepariamo in casa i nostri cibi fermentati, vedremo che la cosa più difficile da ottenere è proprio l’ultimo punto. Tuttavia, ti assicuro che varrà la pena aspettare e la tua salute ti ringrazierà.

Infine, se non avete mai fatto fermentare in casa, vi incoraggio a provare questa ricetta per fare il kefir e questa ricetta per i crauti . E dicci i tuoi risultati nei commenti!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.