Suggerimenti

8 tipi di palme da interno per la tua casa

Le palme da interno sono sempre state di moda nel mondo occidentale, poiché nel subconscio ci portano uno stato di pace che associamo alle vacanze in aree più tropicali.

Parliamo invece di specie vegetali generalmente molto resistenti e di facile cura. L’ultima tendenza è cercare opzioni per le palme da interno per distribuirle in tutta la nostra casa, specialmente nel soggiorno e negli spazi aperti.

Questo tipo di palme, più piccole di quelle da esterno, necessitano di condizioni calde, una buona illuminazione e un certo livello di umidità, condizioni che possiamo fornire all’interno.

In questo articolo parleremo di interessanti palme da interno da piantare in casa.

Elenco delle palme da interno da coltivare in vaso

1. Palma da sago ( Cycas revoluta)

La palma del Sago, conosciuta da molti con il suo nome scientifico, Cycas revoluta, è una palma nana molto conosciuta nel mondo occidentale perché facilmente commercializzabile nei grandi magazzini e nei vivai.

La forma del suo tronco e le sue piccole foglie di palma lo rendono molto attraente per metterlo in vaso e trovare un ambiente caldo su un tavolo o piano vicino alla finestra.

La sua crescita è molto lenta, quindi il numero di trapianti è ridotto al minimo possibile. Necessita di buone condizioni di luce (anche se non necessariamente sole diretto), poche annaffiature e substrati con ottimo drenaggio.

  • Temperatura:  caldo, al riparo da correnti d’aria.
  • Luce:  condizioni luminose, vicino alle finestre.
  • Irrigazione: scarsa, lasciando asciugare il substrato tra l’irrigazione e l’irrigazione.
  • Substrato: ricco di humus ma con buon drenaggio e ossigenazione.
  • Parassiti:  sensibile alla cocciniglia in primavera ed estate.

2. Yucca palm ( yucca elephantipes)

All’interno del genere Yucca troviamo molte varianti di piante da interno, generalmente resistenti e di origine nord e centroamericana.

In esso troviamo specie interessanti per la casa come Yucca aloifolia o Yucca elephantipes, che è quella che tocca questa sezione di palme da interno.

Quest’ultimo ha un tronco fibroso e foglie che non sono proprio affilate o addirittura danneggiano se ci sfreghiamo l’una contro l’altra, come nel caso di altri tipi di specie di questo genere.

Parliamo di palme da interno resistenti alla siccità che necessitano di una buona dose di luce in casa, quindi si consiglia di posizionarle in un angolo vicino alle finestre.

  • Temperatura:  caldo, al riparo da correnti d’aria.
  • Luce:  condizioni luminose, vicino alle finestre.
  • Irrigazione: scarsa, lasciando asciugare il substrato tra l’irrigazione e l’irrigazione.
  • Substrato: altamente drenante con fibra di cocco, perlite o vermiculite

3. Palma da salotto ( Chamaedorea elegans)

La palma da soggiorno o come è anche conosciuta con il suo nome scientifico, Chamaedorea elegans,  è una nota palma da interno che possiamo acquistare in grandi spazi e vivai.

Questa pianta è molto apprezzata per il gran numero di foglie di palma che produce, le sue piccole dimensioni, il colore verde e la resistenza.

In genere necessita di poche cure e poche annaffiature, anche se devono essere consentite condizioni minime di umidità ambientale che, a volte, devono essere corrette con irrorazioni fogliari sulle foglie in estate.

  • Temperatura:  condizioni calde o tropicali, al riparo dal freddo.
  • Luce:  chiara o semi-ombra, ma senza sole diretto.
  • Irrigazione: scarsa, lasciando asciugare il substrato tra l’irrigazione e l’irrigazione (2 irrigazioni a settimana in estate).
  • Substrato: terreni fertili con buon drenaggio.
  • Consiglio:  apprezza un ambiente umido, quindi dovremo irrorare le foglie in estate.

4. Palma dell’elefante ( Beaucarnea recurvata)

La palma elefante interna ( Beaucarnea recurvata) ha il suo spazio negli angoli luminosi di soggiorni e camere da letto. Tuttavia, non è considerata una palma in sé, ma una succulenta.

Porta un tronco ispessito e fibroso da cui emergono foglie allungate e leggermente intrecciate, che fungono da ornamentale molto attraente.

Per quanto riguarda le esigenze, richiede una buona illuminazione ma senza luce solare diretta e poca necessità di acqua, quindi la manutenzione è bassa.

  • Temperatura:  ambienti caldi e senza correnti d’aria. Non sopporto il freddo.
  • Luce:  buona disposizione alla luce, vicino alle finestre, ma senza sole diretto.
  • Irrigazione: scarsa e solo quando il supporto è completamente asciutto. Innaffia una volta al mese in inverno.
  • Substrato: fertile e con buon drenaggio, poiché non tollera i ristagni idrici.
  • Consiglio: in ambienti asciutti, spruzzare acqua sulle foglie. Supportare il riscaldamento.

    5. Palma cinese a ventaglio ( Livistona chinensis)

    La Livistona chinensis è una grande palma da esterno, ma nei suoi primi anni di vita si adatta perfettamente alla coltivazione indoor. All’interno del gruppo sono presenti delle sottospecie, quindi è consigliabile cercare le varietà più nane per prolungare la loro permanenza in casa, come ad esempio subv. subglobo.

    È molto sorprendente per le sue grandi foglie che pendono e nascondono persino il vaso. Ha una crescita lenta e necessita di buone condizioni di luce, tollerando anche il sole diretto. La sua manutenzione è bassa e non necessita di molti rischi.

    • Temperatura:  ambienti caldi anche se tollera un’ampia escursione termica.
    • Luce:  buona disposizione alla luce, vicino alle finestre, anche con sole diretto
    • Irrigazione: scarsa e solo quando il supporto è completamente asciutto.
    • Abbonato:  fertilizzanti per palme a lenta cessione dalla primavera e per tutta l’estate.
    • Substrato: spugnoso e con buon drenaggio, contenente fibra di cocco.

    6. Palma di bambù ( Dypsis lutescens)

    La palma di bambù è un’altra grande palma da interno che è attraente per la disposizione delle sue foglie e le dimensioni che può raggiungere. Scientificamente è conosciuto come Dypsis lutescens.

    Questa specie è adatta a stanze con poca luce o orientamento a nord, potendo localizzarla vicino alla finestra o in uno degli angoli. Contrariamente ad altre palme, in questo caso ha bisogno di più acqua e di un terreno molto fertile.

    • Temperatura:  ambienti caldi ma senza correnti d’aria
    • Luce:  posizionare in una zona luminosa o semi-ombreggiata, senza sole diretto.
    • Irrigazione: mantenere il supporto umido ma senza ammollo.
    • Abbonato:  fertilizzanti per palme durante i mesi primaverili ed estivi.
    • Substrato: spugnoso, fertile e con buon drenaggio.

    Leggi tutto:  come coltivare la palma di bambù

    7. Maestosa palma ( Ravenea rivularis)

    È conosciuta come una palma maestosa per diversi motivi, uno è per le dimensioni che raggiunge e la disposizione delle sue foglie, motivo per cui è una palma da interno molto apprezzata.

    Il suo nome scientifico è Ravenea rivularis  ed è una specie adattata all’ombra. È a crescita lenta e necessita di condizioni tropicali ad alta umidità e terreno umido continuo.

    Deve essere posizionato nell’area in stanze senza luce diretta o nell’area con la massima ombra nella stanza.

    • Temperatura: calda e superiore a 18 ºC, mantenendo costante l’umidità ambientale
    • Luce: zone più scure, senza illuminazione diretta o luce solare.
    • Irrigazione: mantenere il supporto umido ma senza ammollo.
    • Abbonato:  fertilizzanti per palme durante i mesi primaverili ed estivi.
    • Substrato: spugnoso, fertile e con buon drenaggio.

    8. Palma a cascata ( Chamaedorea cataractarum)

    Il Palm Cascade funziona alla grande per coprire gli spazi angolari del soggiorno o di qualsiasi altra stanza. Le sue dimensioni sono considerevoli, anche se a crescita lenta.  Chamaedorea cataractarum ha un tronco centrale in cui compaiono diversi bambini dalla base, coprendo più superficie ed essendo molto attraente per il suo colore verde brillante.

    Come cura necessita di ambienti più umidi, luce indiretta e temperature costanti e piacevoli.

    • Temperatura: calda e superiore a 18 ºC, mantenendo costante l’umidità ambientale
    • Luce: zone più scure, senza illuminazione diretta o luce solare.
    • Irrigazione: mantenere il supporto umido ma senza ammollo.
    • Abbonato:  fertilizzanti per palme durante i mesi primaverili ed estivi.
    • Substrato: spugnoso, fertile e con buon drenaggio.
    • Consiglio:  in primavera ed estate e in ambienti molto secchi, spruzzare acqua sulle foglie.

    Suggerimenti per la coltivazione delle palme

    Deja una respuesta

    Tu dirección de correo electrónico no será publicada.