Suggerimenti

Dypsis lutescens: scopri la palma di bambù da interno

In questo articolo vi parleremo delle principali caratteristiche della sua coltivazione in vaso da interno, poiché richiede temperature confortevoli durante tutto il suo periodo di crescita. 

Caratteristiche della Dypsis lutescens

Dypsis lutescens è considerata una palma di piccole dimensioni rispetto alle specie grandi che superano facilmente i 10 metri di altezza. Essendo a crescita lenta, una taglia normale è alta 1 metro, coltivata in vaso.

Un aspetto ornamentale interessante è che non ha un tronco principale, ma dal substrato emergono rami diversi, il cui aspetto è simile a quello del bambù, da cui uno dei suoi nomi comuni.

La grande resistenza della Dypsis lutescens ha permesso di coltivarla in tutti i tipi di ambiente, anche se l’originario e da cui proviene è la foresta tropicale con temperature calde tutto l’anno ed elevata umidità relativa. 

tassonomia

  • Ordine: Arecales
  • Famiglia : Arecaceae
  • Genere : dipsi
  • Specie : Dypsis lutescens

Nomi comuni: palma areca, palma di bambù, palma da frutto dorato.

Cure primarie di Dypsis lutescens

Andiamo ad analizzare le caratteristiche principali della sua coltivazione, specie da interno e sistemata in vaso con substrato misto. 

posizione e temperatura

Dypsis lutescens è considerata una palma molto resistente e rustica, che cresce senza problemi in casa con temperature stabili quasi tutto l’anno. 

All’interno della casa cercheremo la stanza con più luce, poiché è un requisito importante per la sua coltivazione. 

Il suo gran numero di foglie e la sua densità di fogliame svolge continuamente la fotosintesi, e per questo necessita della maggior quantità possibile di luce, indipendentemente dal fatto che sia colpita dalla luce solare diretta.

Se coltivata all’aperto , la palma di bambù è abbastanza resistente alle intemperie, resistendo a temperature di congelamento fino a -4ºC per brevi periodi di tempo. Tuttavia, le sue origini tropicali confermano che necessita di temperature superiori ai 15ºC per uno sviluppo ottimale, nonché di un’umidità ambientale ideale superiore al 60%. 

Substrato da scegliere

Il substrato caratteristico delle palme deve avere una parte importante di nutrienti, forniti principalmente dall’humus di torba o lombrico. A sua volta, deve garantire anche un buon drenaggio, quindi possiamo utilizzare una miscela che includa fibra di cocco o vermiculite. 

Ogni primavera, per favorire la nascita di nuovi germogli, provvederemo a reintegrare i nutrienti applicando un fertilizzante completo, sia liquido, insieme all’acqua di irrigazione, sia fertilizzanti granulari. 

Come annaffiare Dypsis lutescens

L’irrigazione è uno dei compiti più importanti per la coltivazione della palma da interno Dypsis lutescens. La chiave per questa pianta è mantenere un livello di umidità costante, poiché il grande volume delle foglie può perdere molta acqua e il suo fabbisogno di umidità è moderato. 

In estate bisogna annaffiare con poca acqua ma molto frequentemente, circa 3 volte a settimana, con un volume d’acqua pari al 10-20% del volume del vaso.

Fertilizzante della palma areca

Si consiglia di recuperare i livelli di nutrienti persi nel substrato applicando del concime durante i mesi primaverili ed estivi alla nostra palma areca, quando la palma ha più sviluppo e crescita.

Per fare ciò, hai la possibilità, a seconda della tua comodità, di utilizzare concimi liquidi o granulari ea lenta cessione. 

Per i fertilizzanti liquidi, puoi contribuire con 1 irrigazione ogni 3 o 4, il che equivale ad applicare il fertilizzante 1 volta a settimana, circa. Per i concimi liquidi già pronti si consiglia una dose di 1 ml/L di acqua per non aggiungere troppi sali e garantire il continuo apporto di nutrienti alla nostra Dypsis lutescens o palma di bambù.

Come trapiantare la nostra Dypsis lutescens

Se abbiamo la nostra palma di bambù coltivata in vaso, il trapianto viene effettuato genericamente ogni 2 anni, secondo le abitudini di crescita. In questo modo permettiamo alle sue radici di svilupparsi più facilmente e la palma continua a crescere. 

Approfitta del rinnovo del substrato per potare e pulire le vecchie radici, così da migliorare l’emersione di nuove e far ricrescere la pianta più facilmente. 

La palma di bambù può moltiplicarsi?

Nonostante Dypsis lutescens sia relativamente facile da ottenere in vivaio, a un prezzo accessibile, può essere moltiplicato per semi, dalla raccolta dei suoi frutti, lasciandoli essiccare preventivamente.

La germinazione dei suoi semi può essere fatta in vasi con fibra di cocco o substrato di perlite con un po’ di humus, mantenendo il terreno sempre umido. La germinazione è alquanto lenta e può richiedere circa 1 o 2 mesi, quindi devi essere paziente. 

I parassiti e le malattie più comuni

Sebbene le palme siano considerate specie molto resistenti, possono essere visitate da diversi parassiti o malattie. 

Parassiti delle palme di Areca

All’interno della casa, al riparo dall’ambiente esterno, non è così frequente che vi sia un’infestazione di cocciniglie o acari, che sono i parassiti più comuni di questa palma. In ogni caso , se compaiono, il modo più semplice per eliminarli è spruzzare l’intera pianta con sapone di potassio. 

Malattie della palma di Areca

Un’irrigazione eccessiva o la scelta sbagliata di un substrato con problemi di drenaggio ha conseguenze disastrose nel marciume radicale. Le spore fungine possono entrare nell’ambiente o nell’acqua di irrigazione che sfruttano la debolezza della pianta per attaccare il collo, in molti casi senza una soluzione per la palma. 

Stiamo parlando di funghi del collo e delle radici legati al marciume. Si attivano generalmente in condizioni di anossia o mancanza di ossigeno, segno di avere un substrato molto impregnato d’acqua. 

prodotti correlati

Altre piante da coltivare in casa

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.