Suggerimenti

Garofano cinese: [coltivazione, cura, parassiti e malattie]

Punti importanti quando si semina il garofano cinese
  • Quando? In primavera e in estate.
  • Dove? In giardino e in vaso.
  • Come prepariamo il terreno? Non richiede molta preparazione, solo terreno di qualità con un buon drenaggio.
  • Come seminiamo? Con seme e distanziati di 25 centimetri.
  • Come paghiamo? Qualsiasi tipo di compost organico e, in vaso, compost liquido .
  • Quando fioriscono? Durante la primavera e l’estate.
  • Temperatura ideale? Sempre sopra i 20 gradi Celsius.
  • Come innaffiamo? Innaffiature abbondanti perché è una pianta soleggiata.
  • Malattie e parassiti? Muffe di vario tipo, acari, lumache, afidi e chiocciole che succhiano la linfa della pianta.

Cos’è il garofano cinese?

Il Garofano cinese, nonostante il nome, non è originario della Cina ma del Messico, dove è chiamato Fiore dei Morti, ovvero Fiore dai venti petali. Il suo nome scientifico è Tagetes erecta .

Se non manca qualcosa, sono nomi. Così, ad esempio, viene identificato come garofano africano, garofano indiano, rosa indiana, garofano, garofano e garofano cinese, che è il più noto.

È uno dei fiori più ricercati dagli amanti del giardinaggio, per la sua variegata bellezza, giallo, arancio, rosso, fucsia, salmone, oppure bicolore e cangiante, e un profumo dolce che permea gli ambienti con eleganza, anche se in alcuni A volte può diventare spiacevole.

È una pianta delle Caryophyllaceae , raggiunge i 25 centimetri e conta più di duecento specie ideali per preparare mazzi di fiori e decorare giardini e ambienti interni della casa, in particolare il balcone.

Ha fusti robusti o sottili, ma molto ramificati, che possono crescere come arbusto o come erbacea perenne , e possiamo averla in vaso o in giardino durante la primavera e l’estate.

Le foglie sono sempreverdi , semplici, lunghe, intere o seghettate ai margini, di colore verde, anche se in alcune varietà sono anche blu- verdastre. Il suo frutto è un achenio o frutta secca il cui seme non è attaccato all’interno, ed è allungato e sottile.

Dove lo dobbiamo seminare?

Il garofano cinese può essere piantato in vaso o in piena terra, ma ha il requisito che il terreno debba essere di qualità.

È l’ideale per il nostro giardino, per la bellezza immacolata dei suoi fiori che attirano l’attenzione per la varietà dei loro colori splendenti.

In vaso può decorare gli spazi interni della casa o del balcone, purché riceva abbastanza luce per svilupparsi, perché senza luce i suoi fiori non saranno né forti né belli.

Quando dovrebbe essere coltivato il garofano cinese?

È una pianta che fiorisce nelle stagioni primaverile ed estiva, ma se l’ autunno è favorevole, cioè senza basse temperature, può continuare a fiorire senza problemi.

Pertanto, il momento ideale per piantarlo è la primavera. In vaso, dobbiamo trapiantare lo stesso giorno in cui l’abbiamo acquisito.

La temperatura favorevole per il garofano cinese dovrebbe essere sempre sopra i 20ºC, che è quando si sente a suo agio, perché al di sotto di quella temperatura avrà problemi di fioritura.

Come prepariamo il terreno?

Il tipo di terreno in cui piantare è indifferente, purché abbia un buon drenaggio. Se è un vaso, dobbiamo usare un substrato universale mescolato con il 25% di perlite.

Come seminare un garofano cinese passo dopo passo?

I passaggi da seguire per piantare un garofano cinese prevedono le seguenti attività:

nel seme

Riempi un semenzaio vassoio con terreno di coltura universale, mettendo due semi in ogni presa. Coprire ognuna con poco terriccio, mantenendole umide, in mezz’ombra, ad una temperatura di 13ºC.

La germinazione avverrà in circa una settimana e, quando raggiunge circa tre pollici, trapiantare le prime piantine nel loro posto finale in un terreno ben drenante, perché l’acqua stagnante può far marcire la pianta.

Bisogna tener conto che ci deve essere una separazione di 25 centimetri (cm) tra ogni pianta ad una profondità di appena 1 cm di terreno, assicurandosi che venga mantenuta una temperatura di 13ºC.

In vaso

Se decidiamo di piantarlo in vaso, dovrebbe essere di circa 8 cm di diametro con una buona miscela di compost , costituita da due misure di terra nera , una di torba, un’altra di pacciame e una di sabbia, con l’aggiunta di calcare per garantire il Risultato.

Di che cure ha bisogno il garofano cinese?

Il garofano cinese diventerà bello se lo vestiremo con cure semplici ma necessarie, come le seguenti:

illuminazione

Si tratta di piante che vanno molto d’accordo con il sole, quindi, a terra o in vaso, non dovrebbero mancare di luce, poiché il garofano cinese non è legato all’ombra o a luoghi chiusi e bui che possono provocare la morte.

Temperatura

La temperatura favorevole per il garofano cinese dovrebbe essere sempre sopra i 20ºC, che è quando si sente a suo agio, perché al di sotto di quella temperatura avrà problemi di fioritura.

io di solito

Il terreno, abbiamo detto, deve essere di buon drenaggio, con compost organico e leggero, preferibilmente substrati naturali, fosforo per la radicazione e azoto per una buona chioma.

Irrigazione

Questa deve essere continua e in buona quantità, soprattutto nei momenti caldi, preferibilmente nelle ore serali, per evitare che l’azione del sole produca un effetto ingrandente che danneggi la pianta.

Dobbiamo annaffiare tre o quattro volte a settimana durante l’estate e una o due volte il resto dell’anno, ma la frequenza dell’irrigazione dipenderà dal tempo : se fa caldo, devi annaffiare di più.

Dipenderà anche dalla posizione, cioè se è in terra o in vaso e se sotto ha o meno un piatto.

Passaggio

Durante la primavera e l’ estate è bene usare il compost organico, e in un vaso il compost dovrebbe essere liquido. Il compost che usiamo è indifferente: verme, pacciame, humus, letame o compost.

Quali parassiti e malattie attaccano il garofano cinese?

Il garofano cinese viene attaccato da parassiti di molti tipi, come i ragnetti rossi, che sono acari che si nutrono della linfa delle sue foglie, dove tessono le loro tele.

È conveniente agire rapidamente e combattere con un buon miticida. Le lumache e le chiocciole si nutrono degli steli, delle foglie e dei germogli provocando buchi nel terreno.

Ci sono lumache nere che attaccano le radici. .

Gli afidi, insetti che si manifestano in svariati modi, succhiano la linfa della pianta, indebolendola, che dà il via alla proliferazione di malattie con virus o galle.

Questa pianta è anche vittima di funghi sulle foglie dove provocano macchie, e sul fusto; muffa grigia su foglie e fiori, che deve essere combattuta con fungicidi , e malattie virali, che non hanno cura.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.