Suggerimenti

Felci da semina: [coltivazione, irrigazione, cura e problemi]

Le felci sono fantastiche nella decorazione della casa, perché aggiungono un tocco naturale insostituibile, ma devi sapere come prendertene cura.

Sebbene siano riusciti a sopravvivere ai cambiamenti della terra per migliaia di anni al punto da diffondersi praticamente in tutto il globo, ci sono alcune chiavi che aiutano molto a prolungare la loro vita, sia all’interno che all’esterno.

Sono piante perenni senza semi, si riproducono per spore e di solito esibiscono grandi foglie simili a piume di grande vegetazione.

Punti importanti quando si pianta un albero di arancio:
  • Quando seminare? In primavera e in autunno .
  • Dove seminare? In vaso e in giardino. 
  • Come preparare il terreno? Compost organico o substrato leggero, ricco e ben drenante.
  • Come innaffiamo? Inumidire il substrato regolarmente, senza allagare.
  • Quali parassiti e malattie ha? Subisce attacchi di parassiti come lumache e afidi.

Quali caratteristiche hanno i fatti?

Ci sono specie più sensibili di altre. Quelle che prediligono ambienti molto umidi sono , tra le altre , la famosa felce a nido d’uccello, il phlebodium e la nephrolepis .

Ad esempio, nel caso del phlebodium ci sono diverse varietà grandi e molto frondose che possono essere scelte per riempire la nostra casa di verde speranza.

Altre specie come la felce blenchnum non richiedono alti livelli di umidità, quindi sono altamente raccomandate nelle zone più calde. Quello che chiedono è una luce adeguata, semiombreggiata.

Né al buio né in pieno sole, insieme ad annaffiature costanti ma non soffocanti. Questa specie, il blenchnum, cresce molto, quindi sarà sicuramente necessario trapiantarla in un vaso più grande quando la zolla è piena di radici.

Quando piantare le felci?

Il periodo migliore per piantare le felci è l’autunno, ma è possibile ottenere buoni risultati anche in primavera , grazie alle temperature medie benefiche per queste specie. Esistono anche varietà che possono essere piantate in estate e nei climi temperati è possibile seminarle tutto l’anno.

In queste stagioni la pianta può svilupparsi normalmente purché ci assicuriamo che le sue radici siano sane, libere da parassiti e malattie.

Dove piantare le felci?

Negli interni , la prima cosa da chiarire è che una felce è molto felice e sana se piantata in un cesto appeso dove crescono di grande diametro (largo) e respirano meglio per la crescita è normale.

I preparativi non sono molto complicati. È necessario, ovviamente, individuare i sassi di fiume che devono essere posti sul fondo di una conca a bocca larga.

Dopo averle disposte, vanno annaffiate senza essere completamente coperte, altrimenti la felce morirà per aver assorbito l’acqua in eccesso, poiché metteremo sopra il vaso con la pianta in modo che le sue belle foglie assorbano progressivamente l’umidità ambientale richiesta, senza eccessi.

Poiché le felci hanno bisogno di vivere in ambienti umidi, è consigliabile riprodurre in questo modo il loro habitat naturale. La tecnica delle pietre di fiume inumidite fa evaporare lentamente l’acqua.

Quell’umidità è perfetta per aiutarla a crescere. In esterno , di solito non è così complicato piantare una felce in giardino, anche se li vediamo sempre in cesti appesi in un angolo speciale della casa. Le specie piantate come copertura del terreno possono portare un invidiabile ambiente tropicale in un giardino di casa.

Naturalmente, crescono nelle foreste umide o sulle rive delle fonti d’acqua. In questo modo riescono a sopravvivere per molti anni. Sebbene ci siano specie che tollerano la siccità, tutte richiedono terreni umidi quando vengono piantate.

Per prepararsi alla semina in giardino è necessario spargere preventivamente alcuni centimetri di concime organico sulla superficie del terreno. Uno strumento da giardinaggio può essere utilizzato per facilitare un mix più omogeneo a una profondità di 8-12 pollici.

La maggior parte delle varietà di felci richiedono un luogo semiombreggiato, dove la radiazione solare non le copre completamente. E per seminarli condividono le stesse modalità, anche quando ci sono variazioni nel livello di tolleranza ai raggi solari e al clima .

I terreni ricchi di fertilizzanti sono il miglior regalo per i giovani esemplari appena piantati. C’è una specie a bassa manutenzione che è l’ideale per i giardini, perché la sua tolleranza ai raggi solari è elevata. Si tratta dell’Anthurium filix-femina, con fogliame ampio e fusti nei toni del verde, porpora e rosso, molto tollerante alla siccità.

Cresce tra 2-5 piedi di altezza e i suoi rizomi sono velenosi. Tenerli lontani dagli animali domestici è molto importante.

Come preparare il terreno?

Un substrato speciale ti starà benissimo. Consiste nella preparazione di terriccio di erica, sabbia e una base di media consistenza in modo da far crescere le radici forti e sane.

Deve esserci un foro profondo che copra completamente le radici della pianta , che deve crescere in larghezza. Puoi usare un compost di origine organica come il lombrico e la microriza , un tipo di compost che contiene erba e fornisce molto azoto alla pianta. Entrambi sono ottimi per le felci.

Come piantiamo le felci passo dopo passo?

Piantare le felci passo dopo passo non è così complicato come si crede, soprattutto in giardino, dove possono sopravvivere anche per molti anni, purché si seguano i seguenti passaggi:

  1. Scava una buca profonda due volte più larga della zolla della felce appena acquistata.
  2. Successivamente, l’esemplare viene estratto dal vaso con molta attenzione, per evitare che le sue radici vengano danneggiate, e viene piantato nella buca o nel sito di impianto.
  3. È riempito con terreno fertilizzato. E se ci sono più copie, l’operazione viene ripetuta, ma viene calcolato in anticipo uno spazio di circa 60 cm tra ciascuna.
  4. Quindi, posiziona uno strato di pacciame a circa 10 cm dal suolo. Sono molto utili i resti delle potature, l’erba, le foglie degli alberi e degli arbusti, insomma tutto ciò che contribuisce a mantenere una sana umidità nel terreno in modo che la temperatura sia fresca e si eviti la proliferazione delle erbe infestanti.
  5. Tenerli sempre con il terreno umido è fondamentale, evitando eccessi. Ma durante il periodo di crescita se non piove a sufficienza dobbiamo sempre fare attenzione che lo strato superficiale della terra sia umido, non fradicio.

Di che cure hanno bisogno le felci?

Successivamente, offriamo suggerimenti essenziali per la migliore cura quando si coltivano le felci in casa.

illuminazione

Quasi tutte le specie di felci prosperano in mezz’ombra o in piena ombra. Anche se nelle zone più calde è necessario garantire loro acqua sufficiente nell’irrigazione per compensare le vampate del tempo lontano da una finestra, guardando a nord.

All’interno della casa, è meglio riporre il vaso lontano da una finestra, rivolto a nord. Il clima ideale è intorno ai 20ºC, anche se vivono felici a temperature inferiori non inferiori ai 15ºC. Questo perché provengono da climi tropicali.

Irrigazione

Uno dei fattori più importanti quando si piantano le felci è la qualità e la quantità dell’irrigazione.

E la chiave più importante è legata al livello di umidità, poiché la pianta deve essere sempre idratata, deve vivere al centro di un substrato umido (non inzuppato).

Un’annaffiatura che fa le pozzanghere, troppo copiosa è il peggio che ti possa capitare. È preferibile annaffiarne uno dopo che il substrato si è completamente asciugato. Non prima.

Passaggio

In realtà, la maggior parte delle felci non richiede compost. Sono forti e sani se la luce, l’umidità e le condizioni climatiche sono ideali, ma nel caso si osservasse un ritardo nello sviluppo non guasta ricevere un fertilizzante a lenta cessione nel corso della primavera.

Potatura

Non è necessaria alcuna potatura speciale. Le felci si sviluppano libere, con più foglie dai toni verdi semplicemente spettacolari, ma possono seccare e in tal caso se devono essere potate con cura, evitando di danneggiare i fusti vicini.

Quali parassiti e malattie colpiscono le felci?

Una formula preventiva ad alto impatto contro le lumache , uno dei peggiori indesiderabili che affliggono le felci, consiste nel creare una barriera protettiva con l’aiuto di gusci d’uovo frantumati. Anche la farina fossile funziona molto bene .

Questo evita che le felci vengano visitate da parassiti in genere, compresi gli afidi, che possono essere combattuti anche naturalmente, con l’applicazione di un insetticida formulato con aglio e paprika (macerato un giorno prima) in un litro d’acqua a cui aggiungere la metà una tazza di lavastoviglie.

Spruzzare questo preparato sulle foglie delle piante, con l’aiuto di un flacone spray al mattino è altamente consigliato per tenere a bada molti fastidiosi insetti.

Fonti e riferimenti bibliografici

  • https://botanicaargentina.org.ar/wp-content/uploads/2018/09/145-150008.pdf
  • http://revistas.unam.mx/index.php/cns/article/viewFile/11339/10664
  • https://revistas.unal.edu.co/index.php/acta_agronomica/article/download/48252/49477

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.