piante d'appartamento

Coltivazione e cura del tronco del Brasile

Se sei venuto qui è probabilmente perché stai cercando nuove piante da interno come il tronco brasiliano per migliorare l’ambiente domestico.

Questa pianta è molto comoda e facile da coltivare, un cespuglio a crescita lenta che non necessita di ulteriori sforzi di trapianto e con foglie grandi, per migliorare la capacità di purificazione dell’aria della casa.

Ti raccontiamo tutti i dettagli della sua coltivazione e cura in modo che tu possa goderti il ​​tronco del Brasile per molti anni come pianta da interno.

Caratteristiche del tronco del Brasile

Andremo a vedere alcuni dettagli della pianta, poiché conoscendo le origini di questi ortaggi possiamo farci un’idea delle caratteristiche della sua coltivazione. Sia il tempo che le esigenze di irrigazione e fertilizzazione, ecc.

Il nome scientifico del tronco brasiliano è  Dracaena fragrans,  e appartiene alla  famiglia delle Asparagaceae.

Sebbene il nome del Brasile possa farci pensare che la sua origine o coltivazione sia da quel paese, il tronco del Brasile proviene nativamente dal continente africano. Nello specifico, rappresentato dai paesi della Tanzania e dello Zambia.

Come dettaglio, commenta che la NASA ha studiato molto questa pianta e l’ha classificata come una grande pianta di purificazione dell’aria.

Tra le sue caratteristiche c’è anche quella di contribuire all’eliminazione dei composti chimici volatili presenti nell’aria, come xilene, toluene o formaldeide.

Per questo, non c’è niente di meglio che poter coltivare il tronco brasiliano come pianta da interno per la casa o anche per l’ufficio. In questo modo respireremo aria molto migliore in quegli ambienti in cui trascorriamo molte ore al giorno.

Cura del tronco brasiliano

Conosceremo le principali caratteristiche del baule brasiliano in modo da avere tutti i dettagli in mente e non tralasciare nulla.

caratteristiche climatiche

Solo in condizioni di elevata umidità e temperature calde e senza bruschi sbalzi durante tutto l’anno può essere coltivata.

In alcune zone del Centro e Sud America si può effettuare la coltivazione del tronco brasiliano.

In Spagna, questa coltura sarà limitata alle Isole Canarie, dove la sua coltivazione è abbastanza rappresentativa da molti anni. Infatti, il suo nome  Dracaena fragans,  si riferisce al greco «drago», poiché nella comunità locale di quella regione le venivano attribuite proprietà medicinali magiche.

Temperature medie di  Dracaena fragrans

Per il corretto mantenimento dell’impianto, le temperature devono essere superiori a 12 ºC. Al di sotto di questi, lo sviluppo si ferma.

L’intervallo ottimale di temperatura è compreso tra 22 ºC e 28 ºC.

Pertanto, in tutte quelle zone dove non si raggiunge questo areale, la coltivazione del tronco brasiliano si adatta all’interno della casa  e alla coltivazione in vaso.

disposizione della luce

Il tronco del Brasile ha bisogno di grandi dosi di luce quotidiana, ma senza molto contatto diretto con il sole.

La posizione ideale è semi-ombra. Cioè qualche ora di sole al mattino e ombra al pomeriggio, ma con grande intensità di luce. Ad esempio, vicino a una finestra.

Umidità

A Dracaena fragrans  piacciono  le condizioni umide. Se l’ambiente della tua casa è asciutto, una volta alla settimana puoi spruzzare un po’ d’acqua e aumentare l’umidità relativa delle sue foglie.

bisogni di acqua

In una pianta che richiede zone ad alta umidità e temperature moderate, le condizioni di irrigazione sono impegnative.

Un problema che si verifica frequentemente (molto più che dovuto alla siccità) è l’irrigazione eccessiva. Noteremo marciume delle radici, tronco morbido e foglie marroni e flaccide.

irrigazione in estate

In estate, all’interno della casa, annaffieremo due volte a settimana distanziati. A seconda delle dimensioni del vaso, annaffieremo 0,5-0,1 litro per irrigazione.

Quell’acqua può trasportare sostanze nutritive liquide idrosolubili, specialmente nei mesi primaverili ed estivi.

irrigazione in inverno

In inverno, quando lo sviluppo del tronco brasiliano rallenta, sarà sufficiente 1 annaffiatura alla settimana per mantenere idratato il substrato.

In ogni caso è necessario misurare, a seconda dell’escursione termica e del contatto con il sole, se il substrato si asciuga facilmente ed è necessaria un’irrigazione aggiuntiva per coprire il fabbisogno idrico.

Ricordarsi di spruzzare le foglie 1 o 2 volte in estate per idratarle, poiché necessita di condizioni di elevata umidità ambientale.

Uso di fertilizzanti

È importante, nei mesi primaverili ed estivi, fornire nutrienti insieme all’acqua che migliorino la germogliazione e lo sviluppo delle foglie.

Per le sue caratteristiche è suscettibile a carenze di micronutrienti, in particolare clorosi ferrica.

Cercando di evitare questo problema a tutti i costi, sceglieremo fertilizzanti liquidi che includono un cocktail di micronutrienti.

Fertilizzanti per piante verdi

Concime NPK 7-3-6 con micronutrienti

Alto contenuto di azoto e potassio, soprattutto per piante con foglie verdi e grandi.

Con micronutrienti che, in continuo apporto, prevengono la clorosi associata a carenza di ferro, zinco, manganese, ecc.

Il fertilizzante viene solitamente applicato alla dose massima di 1 ml/L di acqua e viene applicato due volte al mese in autunno e inverno, e una volta alla settimana in primavera ed estate.

In generale, è consigliabile  concimare la pianta durante la primavera e l’estate  per fornire i nutrienti di cui ha bisogno per continuare a crescere. Per fare ciò, utilizzare  fertilizzante liquido  diluito nell’acqua di irrigazione.

In caso di dubbio, ti consigliamo di rivolgerti a un vivaio specializzato prima di fare qualsiasi cosa. Lì saranno in grado di consigliarti e aiutarti con questo problema. Ricorda, un cattivo fertilizzante può essere fatale.

Trapianto e moltiplicazione del tronco del Brasile

Man mano che cresce in altezza e il volume della radice aumenta, sarà necessario trapiantare in contenitori con volume maggiore.

Quando acquistiamo una piccola pianta in vivaio, normalmente possiamo trapiantarla in un vaso più alto (se vediamo che quello attuale è molto piccolo), e durerà almeno altri 3 anni.

Quando effettueremo il trapianto,  staremo attenti a separare il substrato dalle radici senza danneggiarle, trasferire nel contenitore finale e coprire con substrato commerciale più sabbia per favorire il drenaggio.

Quanto alla moltiplicazione del tronco del Brasile, si può fare per talea.

Se abbiamo una pianta con crescita eccessivamente verticale, taglieremo il gambo del cespo e da lì potremo rimuovere, se la mettiamo in acqua, nuove radici e formare una futura nuova pianta.

Piaghe e malattie

Pur essendo all’interno della casa, diversi parassiti molto comuni potrebbero avere accesso a tutti i tipi di piante da interno ed esterno.

Soprattutto il tronco del Brasile è visitato da afidi, un insetto molto polifago che abita abitualmente i giovani germogli, il ragno rosso, un insetto microscopico che provoca piccole clorosi e macchie gialle (soprattutto in ambienti asciutti), o cocciniglie,  che succhiano il succo cellulare e sono visibili ad occhio nudo.

Possiamo controllare tutti i parassiti menzionati spruzzandoli con sapone di potassio, sapone da bucato (2 cc/L) o alcol (2 ml/L di acqua).

Il ragno rosso odia soprattutto l’umidità ambientale o che si spruzza acqua sul tronco del Brasile, cosa che fa così bene a causa dell’elevata umidità relativa di cui ha bisogno.

Fai molta attenzione all’eccesso di umidità nell’acqua di irrigazione, poiché può attirare funghi come  Phytophthora da una soluzione inevitabile.

Problemi al tronco del Brasile

Nomineremo i casi più comuni di problemi di  Dracaena fragans  e le loro possibili soluzioni.

Caduta delle foglie e mancanza di crescita

In generale, le foglie clorotiche meno sviluppate del solito sono sintomo di una mancanza di azoto. In tal caso, si consiglia di applicare una soluzione di NPK ad alto contenuto di azoto, come sopra raccomandato, insieme all’acqua.

Inoltre, trova un posto con più accesso all’illuminazione e spruzza acqua sulle foglie per aumentare l’umidità relativa in esse.

Foglie ricci o arricciate

Quando una foglia del tronco brasiliano si arriccia o si arriccia, può essere dovuto a 2 situazioni specifiche.

oppure ad un attacco di un parassita (afidi o acari come il ragnetto rosso), che succhiando il succo cellulare riesce a modificare la posizione delle foglie

Estremità secche e marroni

Quando le punte delle foglie si seccano e diventano marroni, potrebbe essere dovuto alla mancanza di umidità nel substrato.

Possiamo verificarlo facilmente inserendo il dito e valutando l’umidità. Se tutto va bene, potrebbe essere dovuto a un grande accumulo di sali (come sodio o cloro, tra gli altri).

Forse la fonte dell’acqua di irrigazione non è del tutto buona o introduciamo molto fertilizzante.

La soluzione è annaffiare più frequentemente senza introdurre fertilizzanti, aspettando che le foglie e i nuovi germogli emergano senza problemi.

Foglie e steli marroni, flosci

Il tronco del Brasile mostra, con questi sintomi, un evidente eccesso di acqua. Le radici iniziano a marcire per mancanza di ossigeno e le foglie diventano flosce e marroni, che cadono facilmente.

La soluzione è interrompere del tutto l’irrigazione e posizionare la pianta in un luogo con un buon accesso alla luce per consentire all’umidità concentrata di drenare e asciugarsi.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.