piante d'appartamento

Cura del geranio per una fioritura spettacolare

Poche case e cortili perdono l’opportunità di coltivare un geranio a casa. È relativamente facile da curare e nessuno mette in dubbio il suo meraviglioso fascino come pianta ornamentale.

Troverai molte varietà e tipi con fioriture diverse. Per questo, il nostro interesse è offrirti consigli sulla cura del geranio

Scopri la cura del geranio

Senza dubbio, uno dei fiori più conosciuti e apprezzati dell’area mediterranea è il geranio. Soprattutto in estate si ottiene una grande fioritura con diversi colori e dimensioni.

Indipendentemente dal colore della fioritura, tutti i gerani condividono le stesse cure e requisiti.

Pertanto, daremo alcuni consigli sulla sua cura e sui suoi bisogni primari.

Non avrai bisogno di molto di più per controllare la cura del geranio.

Il clima nella coltivazione del geranio

Praticamente le oltre 400 specie di gerani che appartengono al  genere Geranium  sono esigenti in termini di esigenze di luce e temperature.

Hanno tutti bisogno di buoni requisiti di luce e temperatura, poiché sono usati per temperare i climi.

La temperatura ideale durante la stagione della fioritura è compresa tra 16ºC e 20ºC, sebbene possa sopportare temperature più basse ma con uno sviluppo peggiore. 

Per quanto riguarda  l’esposizione alla luce,  necessitano di un minimo di 5-6 ore di sole, che possiamo avere praticamente in qualsiasi luogo senza grossi problemi.

Durante questo periodo, ad un certo punto può essere esposto direttamente al Sole, quindi non è necessario spostare il vaso ogni tanto cercando l’illuminazione perfetta.

Come preparare il substrato per la coltivazione in vaso

Non dobbiamo cercare una combinazione perfetta tra substrato, sabbia e materia organica. Possiamo utilizzare substrati commerciali venduti da grandi superfici, ma assicurandoci sempre che il marchio di provenienza sia affidabile.

Ne cercheremo uno che abbia una piccola quantità di sostanza organica, un substrato sciolto con un migliore drenaggio e un pH leggermente acido (quasi tutti quelli che compriamo soddisferanno questi requisiti).

Il pH leggermente acido è perché in questo modo le radici del geranio avranno accesso praticamente al 100% dei nutrienti, essendo allo stato solubile e direttamente assimilabili dalla pianta.

Quello che dovremo fare è rinnovare periodicamente la fornitura di fertilizzante, poiché il poco che ha il substrato verrà consumato dall’alimentazione del geranio.

Lo vedremo di seguito, dove vedremo alcuni esempi pratici di quale fertilizzante utilizzare per garantire tutta la cura del geranio.

Confronto del substrato

Caratteristiche dell’abbonato

Praticamente solo nella stagione della fioritura faremo un apporto di nutrienti, contando sul fatto che forniremo azoto, fosforo, potassio e il cocktail di micronutrienti.

I fertilizzanti necessari per la cura del geranio sarebbero una miscela ricca di azoto e potassio. Ad esempio, NPK 15-6-12 che include calcio, magnesio e alcuni micronutrienti.

Le raccomandazioni generali sono di fornire un fertilizzante granulato almeno 3 volte l’anno. La dose di un concime granulare è compresa tra 20 e 30 grammi per vaso (diametro 30 cm).

Come innaffiare i gerani

Stabilire una dose specifica per garantire la migliore cura del geranio è complicato, ma abbiamo stabilito alcuni valori generali a seconda del tempo di applicazione.

In primavera e in estate possiamo annaffiare 3 volte a settimana, con una quantità equivalente a 1 bicchiere d’acqua per vaso con un diametro medio di 30 cm.

In autunno e inverno le annaffiature saranno ridotte a 1 o 2 annaffiature, con la stessa quantità d’acqua.

Da qui, faremo dei controlli manuali per valutare l’umidità del supporto. Lo strumento migliore è sentire la sensazione di umidità nel supporto tastando con la punta delle dita.

Il tema dell’irrigazione è fondamentale nella cura del geranio, poiché vi è una tendenza generale ad abusare dell’irrigazione ea marcire la pianta dal fusto inferiore.

Come annaffiare in vacanza:

I gerani possono essere potati?

Non è molto comune stabilire il compito della potatura nella cura del geranio. Tuttavia, elimineremo i rami colpiti o con stelo cavo (è comune in questa coltura), incroci indesiderati o suscettibili a malattie.

Quando potare i gerani

Quando si tratta di asportare fusti poco sviluppati o quando si vuole effettuare una potatura drastica, l’autunno è il momento perfetto per potare i gerani, poiché consente un movimento sufficiente della linfa per cicatrizzare le ferite.

Alla domanda su quando potare i gerani, se si tratta dei tagli per la formazione del geranio, lo faremo senza fioritura, con tagli diagonali per evitare che si accumuli rugiada o acqua di irrigazione.

Detti tagli, se provenienti da fusti di spessore maggiore di 1 cm e purché sani, possono essere utilizzati per produrre nuove piante per talea.

Tuttavia, fintanto che il problema deriva da uno stelo colpito, marcio o attaccato da parassiti e malattie, è consigliabile eliminarlo il prima possibile, per non diffondere il problema al resto degli steli.

Come moltiplicare il geranio

Da un geranio abbiamo la possibilità di produrre nuove piante identiche con lo stesso codice genetico.

Otterremo questo per mezzo di un taglio. Per fare questo, cercheremo uno stelo sano di circa 10 cm di lunghezza, facendo avvicinare il taglio ad un nodo in modo che generi nuove radici più facilmente.

Introdurremo questo stelo in un bicchiere o contenitore con acqua per diversi giorni, finché non vedremo la formazione di nuove radici bianche.

Cambieremo l’acqua ogni 3 o 4 giorni per evitare che gli steli marciscano.

La moltiplicazione del geranio ha una data, va fatta quando c’è una temperatura sufficiente per permettere un agile movimento della linfa.

La riproduzione per talea verrà effettuata in piena estate fino all’inizio dell’autunno. Potremo effettuare la stessa operazione a partire dalla primavera.

Da qui la cura del geranio sarà la stessa di quando acquisiamo una giovane pianta in vaso.

Come eseguire il trapianto

Nell’ambito della cura del geranio, di volta in volta dovremo adattare il vaso alla rapida crescita della pianta. 

Per questo motivo è necessario effettuare il trapianto, che comporterà un po’ di stress per la pianta. Ciò è dovuto al fatto che è facile rompere una radice all’interno del passaggio da un substrato all’altro, quindi il processo dovrà essere eseguito con grande cura.

Si consiglia di fare questa operazione quando il geranio è a riposo, poiché ci sarà meno movimento di linfa e il danno avrà un impatto minore sulla pianta. Pertanto, possiamo farlo da metà autunno a fine inverno.

Parassiti e malattie del geranio

Una parte fondamentale della cura del geranio è la prevenzione e il trattamento di diversi parassiti e malattie comuni a questa coltura. Per fare questo, abbiamo a nostra disposizione strumenti ecologici (e altri che non lo fanno) per ridurre la presenza di questi agenti patogeni.

Commenteremo i principali parassiti e malattie del geranio.

Prodotti consigliati:

parassiti del geranio

Vedremo i 3 principali parassiti del geranio e i più comuni. Il suo trattamento non è complicato, fatta eccezione per l’alesatura dei gerani, che richiede trattamenti più energici e d’urto con insetticidi.

Mosca bianca del geranio ( Trialeurodes vaporiorum) 

La mosca bianca colpisce molte colture e dovremo considerare l’utilizzo di prodotti per prevenire e curare nell’ambito della cura del geranio.

La mosca bianca provoca danni alle foglie succhiando il succo cellulare. Poiché le foglie del geranio hanno una tonalità molto scura, noterai immediatamente dove vengono fatti questi morsi.

Trivellatore di geranio ( Cacyreus marshalli)

Il trapano può diventare un grande mal di testa nella cura del geranio.

È un lepidottero simile a un bruco che colpisce il fiore di geranio. Si nutre del succo vegetale della pianta.

Di conseguenza, il geranio perde molto potere di fioritura e si osserva un indebolimento generale della pianta.

Ragno rosso ( Tetranychus urticae)

Il ragno o gli acari è uno dei parassiti più comuni in molte colture. Sono quasi microscopici e difficili da vedere senza l’uso di lenti d’ingrandimento o strumenti visivi.

Con il progredire del parassita, si possono vedere ragnatele attorno alle foglie e agli steli. Si combatte con l’uso di acaricidi. L’umidità è buona per evitare la peste, poiché è abituata a svilupparsi con tempo asciutto.

malattie dei gerani

Di seguito affronteremo le 3 malattie più comuni dei gerani e come identificare il problema. La soluzione è solitamente complicata poiché si tratta di funghi altamente infetti e saranno necessari trattamenti aggressivi con prodotti fitosanitari, sebbene le applicazioni di rame possano aiutare.

Geranio ruggine ( Puccinia pelargonii-zonalis)

Naturalmente, dobbiamo anche contare sullo sviluppo di batteri e funghi che dovranno essere combattuti nell’ambito della cura del geranio.

La ruggine del geranio colpisce le foglie, creando macchie di tipo circolare con un colore che cambia tra il bianco e il giallo. Successivamente, queste macchie si trasformano in tonalità più scure.

Botrytis o marciume grigio ( Botrytis cinerea)

La botrite è una delle malattie che colpisce maggiormente le colture, soprattutto quando c’è un’umidità eccessiva o un’irrigazione eccessiva.

Nel caso della cura del geranio, si osservano macchie marroni con una polvere nerastra installata sugli steli e sui piccioli delle foglie.

Alternaria ( Alternaria alternata) 

Un’altra malattia che crea macchie imbevute d’acqua sulle foglie adulte. La malattia si diffonde rapidamente e può essere un problema serio che dovremo affrontare rapidamente.

Conosci qualche consiglio aggiuntivo nella cura del geranio?

tipi di gerani

All’interno del gruppo delle specie Pelargonium, troviamo 4 specie principali che sono le più coltivate per il loro aspetto ornamentale. Di seguito elencheremo le principali caratteristiche dei 4 tipi più importanti di gerani.

pelargonio zonale

È il geranio comune e quello più piantato (di cui abbiamo parlato in questo articolo sulla cura dei gerani).

Pelargonio peltato

È anche una specie di geranio abbastanza popolare e viene spesso collocata in vasi sospesi.

È noto come geranio di ferro o gitanilla, poiché il suo fiore è leggermente più piccolo e le sue foglie sono più carnose.

Pelargonium capitatum

Comunemente noto come geranio aromatico o malvarosa. Come dice il suo nome comune, i suoi fiori sono molto più aromatici delle specie comuni. Foglie un po’ più ricci e fiori asimmetrici.

Da questa pianta si estraggono i principi attivi e gli oli essenziali per profumeria e prodotti per la pulizia e insetticidi.

Pelargonio domestico

È noto come viola del pensiero o geranio reale. Fusti un po’ più carnosi rispetto alla specie comune e con venature più evidenti al tatto. Le sue foglie sono rugose e hanno bordi frastagliati. La fioritura è abbastanza particolare poiché sono di dimensioni maggiori, con macchie scure al centro.

Il Pelargonium domesticum,  come suggerisce il nome, è perfettamente adatto per la coltivazione indoor.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.