piante d'appartamento

Strelitzia nicolai, ornamentale di origine tropicale

Non è la pianta dell’uccello del paradiso ( Strelitzia reginae), ma appartiene allo stesso genere. È scientificamente noto come Strelitzia nicolai  e ha anche una somiglianza con il banano (musa).

Viene coltivata a scopo ornamentale nelle zone calde (tropicali e subtropicali) e presenta caratteristiche molto interessanti per la sua coltivazione.

Caratteristiche della  Strelitzia nicolai

A livello ornamentale, la pianta dell’uccello del paradiso è più attraente per i fiori arancioni e rossastri che produce. La Strelitzia nicolai  è più simile al banano, con una grande somiglianza e dimensioni considerevoli, che la rendono perfetta per un caldo giardino.

Tuttavia, questa pianta produce anche fiori, con colori bianco e viola scuro e una forma molto simile.

In Spagna può essere coltivata nei caldi giardini mediterranei, purché ci sia un minimo di umidità e si trovino in una zona al riparo dal gelo.

tassonomia

  • Ordine: Zingiberales
  • Famiglia: Strelitziacee
  • Genere: Strelitzia
  • Specie: Strelitzia nicolai

Strelitzia nicolai cura 

Climatologia

Il clima ideale per la  Strelitzia nicolai  sono le zone calde e tropicali. In Spagna e nei paesi mediterranei hai il privilegio di poter godere di alcune aree che si adattano alla sua coltivazione.

Temperatura

La Strelitzia nicolai  richiede temperature calde. Stiamo parlando di un intervallo ottimale tra 18 ºC e 30 ºC. Al di sotto dei 10 ºC la sua crescita si ferma, ma ciò non significa che ci siano danni da freddo.

Infatti, a livello di fioritura, è molto difficile per la  Strelitzia nicolai  produrre fiori se la temperatura è inferiore a 15ºC.

Per questo motivo viene spesso coltivata come pianta da interno, controllandone molto bene la crescita.

illuminazione

La Strelitzia nicolai  richiede zone semiombreggiate, ma con una buona illuminazione. Le grandi dimensioni che questa pianta può raggiungere in giardino fa sì che abbia poche zone d’ombra. Può essere coltivato in isolamento e sostiene il sole.

Umidità

A livello di umidità, è ideale avere un intervallo ottimale superiore al 70%, poiché al di sotto, le sue foglie sono solitamente colpite e ai bordi compare la clorosi.

Resiste bene al vento, quindi può essere coltivata nelle zone costiere, poiché in questo ambiente c’è una maggiore umidità ambientale e va a beneficio della coltura.

Terra

Non c’è un elevato fabbisogno di suolo per Strelitzia nicolai.  L’apporto di sostanza organica è consigliato per aumentare la fertilità del suolo.

Sono necessari terreni profondi e ben drenanti, indipendentemente dalla consistenza del suolo.

Coltivato in vaso, possiamo fare una miscela di substrato universale e fibra di cocco in parti uguali. Entrambi i prodotti raggiungono la ritenzione dell’umidità e l’ossigenazione ideali per lo sviluppo di questa pianta.

Irrigazione

La Strelitzia nicolai  necessita di terreni che mantengano un minimo di umidità nel terreno, trattandosi di una pianta subtropicale.

Tempero è la situazione ideale, con un margine di umidità costante del 60-70%. Per le zone mediterranee e calde estive possiamo stabilire, in generale, il seguente piano irriguo.

  • Irrigazione in autunno e primavera:  2 annaffiature a settimana.
  • Annaffiature in estate: da 3 a 4 annaffiature a settimana, a seconda della temperatura ambiente.
  • Irrigazione in inverno:  1 irrigazione a settimana.

Per quanto riguarda la quantità, si consiglia di somministrare da 15 a 20 L per pianta adulta e da 5 a 10 L per irrigazione in una pianta giovane.

Coltivate in vaso, forniremo 2 annaffiature settimanali in estate e 1 in inverno, con un volume che corrisponde a 1/4 o 1/5 del volume totale del contenitore o vaso.

Abbonato

La Strelitzia nicolai  cresce solitamente in ambienti ricchi di sostanza organica. In primavera, quando avviene il germogliamento, è quando si consiglia l’apporto di fertilizzanti.

Concime universale granulare, forma NPK 12-8-16, può essere utilizzato applicando da 1 a 2 kg intorno alla pianta, 2 volte all’anno.

È anche interessante, a seconda della fertilità del terreno, applicare nell’irrigazione estratti umici o humus.

Potatura e manutenzione

In quanto tale,  la Strelitzia nicolai  non necessita di potatura. L’unico compito di manutenzione è la rimozione dei fiori secchi. Possono essere rimossi tagliandoli con forbici affilate. Le foglie colpite o danneggiate possono essere rimosse per prevenire la diffusione della malattia.

Moltiplicazione

La moltiplicazione della Strelitzia nicolai  può essere effettuata dividendo i cespugli, poiché è una pianta che produce polloni divisibili dalla pianta madre.

Piaghe e malattie

Quando viene coltivata in ambienti caldi, può essere visitata da insetti dal corpo molle che necessitano di temperature confortevoli per riprodursi.

In generale, i parassiti più comuni della Strelitzia nicolai  sono la cocciniglia (soprattutto cotonosa) e gli acari.

Per quanto riguarda le malattie, può avere problemi con i funghi vascolari in condizioni di eccessiva umidità, per questo è necessario essere abbastanza precisi nell’approvvigionamento idrico.

Raccomandazioni come pianta da interno

Nelle zone fredde, può essere coltivato in vaso e indoor. Per fare questo, cercheremo un ambiente caldo e luminoso, senza accesso diretto alla luce solare.L’irrigazione dovrebbe essere molto moderata e non più di 1 fornitura settimanale di acqua.

Compra la pianta

Abbiamo la possibilità di acquistare Strelitzia nicolai nei vivai. Sebbene sia meno comune della pianta dell’uccello del paradiso, è anche ampiamente utilizzata come pianta ornamentale.

Il suo prezzo oscilla tra i 20 e i 30 euro per una specie giovane (alta 60-80 cm) coltivata in vaso, facile da trapiantare in giardino.

Prodotti correlati per  Strelitzia nicolai

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.