piante d'appartamento

Erica: una delle tue piante preferite per interni ed esterni

Ci sono molte varietà e tipi di erica che possiamo coltivare e acquistare. Tempo fa abbiamo commentato la scheda di quella conosciuta come Erica rosa, il cui nome scientifico è  Erica gracilis Presenta lievi differenze rispetto alla pianta che commentiamo in questo articolo, Calluna vulgaris.

Ne ha diversi comuni, sebbene i principali siano erica, erica, biércol o piastrella, tra gli altri. È una pianta adatta alla coltivazione in vaso anche se, per la sua resistenza, può essere coltivata anche in giardino. L’aspetto più spettacolare del suo uso ornamentale è la sua fioritura permanente, con colori rosa brillante che vengono utilizzati anche a secco per decorare, ad esempio, i bouquet da sposa ( come la paniculata).

In ogni caso, vi parleremo delle principali cure per l’erica in termini di disposizione, substrato o suolo, fabbisogno idrico, utilizzo di fertilizzanti e lavori di manutenzione della pianta.

Caratteristiche della pianta di erica

Fisicamente l’erica è considerata un piccolo arbusto o sub-arbusto, che in giardino acquisisce una dimensione che solitamente non supera il mezzo metro. In vaso è considerata anche una piccola pianta adatta alla coltivazione indoor.

I suoi usi, oggi, sono praticamente come pianta ornamentale, anche se nella medicina tradizionale le sono state attribuite alcune proprietà legate ad un principio attivo che riduceva le infezioni delle vie urinarie.

È una pianta facile da acquistare nei vivai o anche negli ipermercati (Lidl, Eroski o Carrefour di solito le vendono in vaso durante tutto l’anno) e, soprattutto, molto rustica e di facile manutenzione.

tassonomia

  • Ordine: Ericales
  • Famiglia:  Ericacee
  • Genere:  Calluna
  • Specie: Calluna vulgaris

Fioritura

La più caratteristica come pianta di erica o biércol è la sua spettacolare fioritura. Non mette in risalto con precisione grandi fiori con petali impressionanti, ma tutto il contrario. Produce fiori rosa chiaro o violacei, ma in grande quantità, ricoprendo praticamente tutti gli steli.

La sua fioritura avviene, quindi, a grappoli, e produce un miscuglio visivo molto accogliente che gioca con il verde delle sue foglie (anche piccolissime) e dei minuscoli fiori.

Origine e distribuzione

Calluna vulgaris è diffusa in un gran numero di continenti, tra cui Europa, Nord Africa e America. Questo è interessante per comprendere la rusticità dell’erica come pianta, particolarmente adatta a zone con suoli acidi, a basso contenuto di calcare e soleggiati.

Per questo motivo l’area mediterranea non soddisfa le due condizioni iniziali, poiché i suoi terreni sono caratterizzati da un pH alcalino ed è presente una grande ricchezza di rocce calcaree e di calcio e magnesio.

Cura principale dell’erica

1. Climatologia

Temperatura

Pianta molto rustica che sopporta un’ampia gamma di temperature. Resiste al gelo, al di fuori del periodo di fioritura, con temperature che possono raggiungere i -10 ºC. In termini di calore, resiste all’esposizione solare continua ed estati intense con temperature che possono raggiungere i 40ºC.

In ogni caso, a temperature estreme è probabile che si verifichino danni cellulari e alcune parti potrebbero dover essere potate. Allo stesso modo, la sua crescita si arresta completamente in condizioni di stress ambientale.

Umidità

Non necessita di umidità relativa nell’ambiente per il suo sviluppo, poiché si adatta ad ambienti secchi e semiumidi.

illuminazione

Pianta esigente in luce, necessita di un minimo di 6 ore di luce più o meno intensa al giorno.

2. piano

Prima abbiamo dato alcuni piccoli dettagli per quanto riguarda l’ottenimento del terriccio o substrato perfetto (in caso di coltivazione in vaso) per l’erica.

Richiede ambienti con pH acido (pH compreso tra 5,5 e 7) per il suo miglior sviluppo, poiché non si comporta bene in terreni calcarei con pH superiore a 8 (potrebbe comunque essere piantato).

L’erica cresce in terreni asciutti, sabbiosi e ben drenati. Possiamo migliorare il comportamento dell’acqua di irrigazione e dei nutrienti forniti incorporando un po’ di sostanza organica mescolata al terreno sabbioso o argilloso.

3. Irrigazione

Questa pianta è abituata ai periodi di siccità e non necessita di molta acqua per il suo sviluppo. Questo deve essere preso in considerazione poiché sia ​​le foglie che i fiori sono piccoli e perdono poca acqua se esposti al sole.

Il ristagno del substrato o del terreno provoca la caduta dei fiori, quindi deve essere evitato a tutti i costi.

  • Irrigazione in autunno e inverno:  1 irrigazione settimanale, con una quantità per pianta di 30 cm di altezza da 0,5 L a 1 L.
  • Irrigazione in primavera ed estate:  2 irrigazioni settimanali, lasciando il substrato praticamente asciutto, con un apporto di 0,5 L per 1 L.

4. Abbonato

Man mano che le riserve del terriccio o del substrato in vaso si esauriranno (in quest’ultimo caso molto più velocemente), avremo bisogno di recuperare i nutrienti perduti, in particolare azoto, fosforo e potassio, elementi che si ottengono appena con l’acqua, come se per calcio e magnesio.

Pertanto, a seconda di quanto sia facile per noi, possiamo utilizzare fertilizzanti liquidi per scioglierli nell’acqua di irrigazione, oppure utilizzare un fertilizzante granulare che applicheremo al massimo 2 volte l’anno.

  • Concimi liquidi:  diluire tra 1 e 2 ml/L di acqua, oppure seguire le raccomandazioni in etichetta secondo il produttore. Non superare la quantità in quanto aumenta notevolmente la conducibilità dell’acqua e può bruciare le radici.
  • Concimi solidi (granuli):  applicare da 20 a 30 gr/pianta in terriccio e 10 gr/pianta in vaso al substrato attorno agli steli principali. Ripetere due volte l’anno, all’inizio della primavera ea settembre.

5. Moltiplicazione

Non è una pianta comune da moltiplicare per talea o seme, poiché acquistarla nei vivai o negli ipermercati è semplice e sono molto economici da acquistare. In ogni caso, ecco alcuni consigli se avete acquistato dei semi o volete provare la tecnica del taglio.

dai semi

I semi raccolti dalla fecondazione dei fiori vengono piantati in vaso, al chiuso. Garantiamo un’umidità continua nel supporto e una leggera esposizione alla luce. Pianteremo diversi semi per vaso per garantire la germinazione di alcuni di essi.

Si consiglia l’irrigazione a spruzzo. La germinazione avviene 2 o 3 settimane dalla data di semina.

per talea

Selezioniamo un ramo semilegnoso ed eliminiamo i fiori o le foglie che potrebbe ospitare nella parte inferiore. Facciamo un taglio netto e diagonale. Lasciamo qualche giorno in acqua per attivare la produzione di radici bianche e quando vediamo i primi peli assorbenti piantiamo in un vaso, sempre umido.

Per questo motivo si consiglia di utilizzare un supporto in fibra di cocco, che è molto permeabile e trattiene molto bene l’umidità. Innaffiare con uno spruzzatore ogni 2 giorni per mantenere un’umidità costante.

6. Potatura e manutenzione

L’erica non viene solitamente potata eccessivamente, poiché è un piccolo arbusto a crescita relativamente lenta. La funzione della potatura è riservata solo ai rami danneggiati da colpi o colpiti da parassiti e malattie.

Rimuoveremo con delle forbici affilate i gambi asciutti. In questo modo attiveremo la futura fioritura formando nuovi steli più giovani.

In giardino viene solitamente data una forma particolare per i suoi usi ornamentali, per cui può essere potato una volta all’anno per allevamento, sia per lasciarlo di forma sferica sia per rifilare i fusti eccessivamente allungati.

I fiori secchi possono essere rimossi con un semplice pennello della mano o scuotendoli.

7. Parassiti e malattie

parassiti

A causa dello sviluppo della pianta, nei suoi steli possiamo trovare cocciniglia cotonosa, che possiamo eliminare spruzzando acqua e sapone (2 ml/L di acqua) o acqua ossigenata (2 ml/L) per ammorbidire il suo esoscheletro.

Solitamente non è visitata da parassiti comuni come afidi o ragni, poiché prediligono piante con foglie più larghe in cui insediarsi, succhiare la linfa e deporre le uova.

Malattie

È una pianta abbastanza resistente, ma può essere colpita da funghi patogeni quando c’è un eccesso di umidità nell’ambiente e, soprattutto, nel substrato. Evitare annaffiature abbondanti e substrati imbevuti per ridurre le malattie del collo come la Phythopthora. 

Si può coltivare l’erica in vaso?

  • Disposizione:  in ambienti luminosi o soleggiati
  • Irrigazione:  1 annaffiatura a settimana in inverno e 2 a settimana in primavera ed estate (3 se esposto alla luce solare diretta). Per vaso non innaffiare più di 1 bicchiere d’acqua (250-300 ml)
  • Substrato:  il supporto universale funziona perfettamente, anche se può essere miscelato con un po’ di sabbia per migliorarne il drenaggio.
  • Abbonato:  paga nei mesi primaverili ed estivi, o con fertilizzante liquido o con granuli che si dissolvono lentamente.

Proprietà medicinali

Nella medicina tradizionale, sia le foglie che i fiori dell’erica sono stati utilizzati per ottenere benefici. Questo è legato ad alcuni ingredienti biologicamente attivi e ai tannini, che sono astringenti e hanno attività antisettica.

Heather è stata utilizzata per i seguenti vantaggi.

  • Antisettico intestinale per i suoi tannini.
  • Attività diuretica e antisettica delle vie urinarie.
  • Azione sedativa e depressiva del sistema nervoso centrale.
  • È all’interno dei 38 Fiori di Bach.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.