piante d'appartamento

Coltivazione e cura del Sedum morganianum

Le piante pensili sono molto attraenti per coloro che hanno l’opportunità di godersi una terrazza, un balcone o un portico, e tra questi uno dei nostri preferiti è Sedum morganianum, poiché è completamente diverso ed esotico.

Tuttavia la sua coltivazione non causa molti problemi ed è considerata una pianta abbastanza resistente all’interno delle piante succulente o succulente.

Se volete avere una pianta di questo tipo con fusti allungati che possono misurare anche diversi metri, quella comunemente nota come burrito è quella che può attirare maggiormente la vostra attenzione.

In questo articolo vi raccontiamo quali sono le sue caratteristiche principali e il modo corretto di coltivarlo. Andare avanti!

Caratteristiche del  Sedum morganianum

Anche se dalle foto potrebbe non suonarti familiare, Sedum morganianum è una succulenta abbastanza comune originaria della parte meridionale del Messico e dell’Honduras. Una pianta capace di immagazzinare molta acqua tra le sue foglie, che sono molto spesse e carnose e formano gruppi che le sono valse il soprannome di coda d’asino o burrito.

Uno dei vantaggi di questo tipo di specie è che, oltre ad essere molto grati in termini di cure, la consideriamo una pianta pensile per via dei suoi lunghi steli e, inoltre, è una pianta resistente che necessita di poche cure.

I suoi fusti sono allungati, avendo una lunghezza media di circa 40 cm, anche se se non vengono potati possono superare il metro di lunghezza. Oltre alle foglie, questa succulenta produce anche fiori nei mesi primaverili ed estivi, di colore rosa e che compaiono all’estremità dello stelo.

Come già potete immaginare, l’uso principale del Sedum morganianum è ornamentale, e può essere utilizzato come pianta da esterno o da interno, praticamente coltivata in vaso.

Il genere Sedum comprende fino a 350 specie di piante Crassulaceae che crescono nelle zone temperate. Tra questi puoi scegliere opzioni molto colorate come le seguenti:

  • sedum spettacolare
  • Sedum-album
  • Sedum dasyphyllum
  • sedum confusum
  • sedum morense
  • Sedum rubrotinctum
  • Sedum pachyphyllum
  • sedum dendroideum
  • Sedum sieboldii
  • sedum spurium
  • sedum palmeri
  • sedum pungente
  • Sedum clavatum

Nomi comuni: coda d’asino, burrito, coda di pecora, treccia gitana, treccia indiana.

Cura della pianta Sedum morganianum (coda d’asino)

La pianta della coda d’asino è considerata facile da coltivare. Non richiede molta manutenzione e bisogna solo prestare particolare attenzione al dosaggio dei rischi e alla localizzazione.

Posizione e tempo

La maggior parte delle specie succulente è abituata a crescere in pieno sole, ma per evitare di perdere la vegetazione originaria è consigliabile posizionarla in una zona semiombreggiata. È molto importante che abbia una buona disposizione alla luce, ma non tanto al sole diretto.

Per quanto riguarda le temperature, predilige gli ambienti caldi, ma sopporta basse temperature fino a 5ºC, sebbene ne fermi la crescita.

Il Sedum morganianum  può essere posizionato sia come pianta da interno che come pianta da esterno, su balconi e terrazzi. All’interno, lo posizioneremo nella zona più luminosa della casa, ma senza luce solare diretta. All’esterno lo proteggeremo dal freddo in inverno e nelle zone illuminate e semiombreggiate.

Tipo di terreno o substrato

La maggior parte delle piante grasse non richiede molta acqua e necessita di substrati ad alto drenaggio. Il problema più grande di queste specie è il soffocamento delle radici.

Per questo, se coltiviamo Sedum morganianum  in vaso, sceglieremo un substrato molto drenante, specifico per questo tipo di pianta.

Se vogliamo farlo in casa, è importante mescolare in parti uguali il substrato universale con sabbia o substrati porosi come perlite o vermiculite.

Se coltiviamo cola de burro nel terreno, cercheremo che abbia una consistenza argillosa-sabbiosa e aggiungeremo materia organica per migliorarne l’ossigenazione.

Con quale frequenza trapiantare Sedum morganianum?

In generale la pianta sviluppa steli lunghi ma non così larghi, quindi non avremo bisogno di effettuare molti trapianti a meno che il vaso non sia un po’ piccolo e le radici mostrino attraverso la parete inferiore.

Essendo una pianta sospesa, sarai in grado di vedere facilmente se le sue radici stanno iniziando a penetrare attraverso i fori del vaso o addirittura a sporgere, a quel punto si consiglia un trapianto e la potatura delle radici.

Per fare ciò, pulire con molta attenzione le radici del supporto utilizzando una spazzola o un rastrello, rimuovere quelle scure o invecchiate e rifilare quelle eccessivamente lunghe. Da qui puoi trapiantare in un nuovo vaso, sostituendo il substrato e assicurandoti che abbia abbastanza fori per garantire un ottimo drenaggio.

Si consiglia di eseguire l’operazione di trapianto all’inizio della primavera.

Irrigazione e concimazione

Le piante succulente come il Sedum morganianum  necessitano di annaffiature ben distanziate, lasciando il substrato completamente asciutto tra ogni annaffiatura. Questi tipi di piante sono in grado di immagazzinare molta acqua nelle foglie e sono resistenti alla siccità.

La cosa più importante è  non esagerare con l’acqua,  allungare la frequenza ed evitare che l’acqua si accumuli nel substrato, poiché significherebbe la morte della pianta.

Una frequenza approssimativa di irrigazione può essere la seguente:

  • Annaffiature primaverili ed estive:  da 2 a 3 annaffiature a settimana con un volume di 1/4 del vaso.
  • Irrigazione in autunno e inverno:  1 annaffiatura a settimana con un volume di 1/4 del vaso.

In ogni caso, adatta la frequenza alle condizioni meteorologiche della tua zona, assicurandoti che il substrato si asciughi tra un’annaffiatura e l’altra.

Per quanto riguarda l’abbonato, gli si addice molto fornire fertilizzanti liquidi o fertilizzanti solidi granulari all’inizio della primavera. Troverai anche fertilizzante per piante grasse.

Moltiplicazione di Sedum morganianum

Ottenere nuove piante di Sedum morganianum  è davvero semplice utilizzando la tecnica del taglio. Tuttavia, in questo tipo di piante grasse è ancora più facile.

Faremo questa tecnica con una buona temperatura, tra i mesi primaverili ed estivi. Tagliamo un pezzo di foglia e lo piantiamo superficialmente in un vaso con substrato continuamente inumidito.

Da esso inizieranno a formarsi delle radici superficiali che nel tempo formeranno una nuova pianta.

Potatura e manutenzione della coda d’asino

Sedum morganianum ha bisogno di poche cure. La potatura generalmente non viene eseguita se non per rimuovere gli steli colpiti o danneggiati. Si può anche potare leggermente se vediamo che la sua lunghezza è molto prominente e toccano anche il suolo.

Piaghe e malattie

La pianta della coda d’asino non ha molti problemi in termini di parassiti e malattie. Può essere comune che questo tipo di specie riceva cocciniglie, insetti bianchi immobili che si attaccano agli steli e assorbono la linfa.

La loro rimozione è abbastanza semplice e consiste nell’inumidire un panno con acqua e alcool e rimuoverli manualmente. Puoi anche spruzzare la pianta ogni 5 giorni con acqua e sapone di potassio.

Con l’eccesso di umidità e un elevato apporto di acqua si manifestano il fenomeno del soffocamento delle radici e dei funghi che vivono in ambienti a bassa ossigenazione. In generale, provocano malattie del collo che finiscono per marcire la pianta.

Una volta che è stato colpito, la soluzione è molto complicata.

Alcuni problemi che possono apparire

Cercheremo di individuare le principali problematiche che possono interessare il Sedum morganianum  e le piante succulente in genere.

Fogli gialli

Quando gli steli hanno foglie gialle può essere dovuto a 2 cause:

  • Eccesso d’acqua:  l’abbondanza di acqua nel substrato provoca perdita di verde e cedimenti generali. Se sono presenti funghi, si possono vedere macchie marroni e molli sul collo della pianta e sugli steli.
  • Sole diretto: Il  sole diretto, soprattutto in estate, provoca la perdita di verde e secchezza delle foglie. Cerca di sistemarlo in una zona illuminata ma senza sole diretto.

Il modo per differenziare un problema dall’altro è che, a fronte di un eccesso di umidità, la pianta perde tensione e diventa flaccida, altrimenti nelle solite macchie dovute all’eccesso di insolazione.

fogli stropicciati

Piante succulente come il Sedum morganianum,  quando perdono molta acqua iniziano a raggrinzirsi. Questo accade solo quando la siccità è avanzata e sono trascorsi molti giorni senza ricevere acqua.

Nonostante la sua resistenza alla siccità, è facile tornare a una situazione migliore con l’aggiunta di acqua. La pianta lo noterà in meno di 20 minuti.

foglie scure o marroni

Le foglie marroni o scure possono indicare un problema legato al fungo umido. È comune quando andiamo troppo oltre con l’irrigazione e compaiono punti morbidi che causano marciume.

Per cercare di recuperare la pianta, asciugheremo il substrato il prima possibile e applicheremo un fungicida a base di rame.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.