piante d'appartamento

Come coltivare oxalis triangularis

È noto come Oxalis triangularis, anche se il modo comune di chiamarlo è «pianta di farfalle». Per capirne il nome non è necessario consultare gli annali botanici, poiché la strana forma e posizione delle sue foglie ricorda le farfalle quando sono appollaiate.

Abbiamo davanti a noi una pianta che può essere coltivata sia in giardino che in vaso, quindi si adatta alle condizioni indoor e outdoor.

Con alcuni semplici consigli, possiamo avere un fantastico ornamentale con una colorazione viola intenso nella nostra casa.

In questo articolo andiamo a commentare le principali caratteristiche della coltivazione della pianta Oxalis triangularis  o pianta farfalla.

Caratteristiche di Oxalis triangularis

Questa curiosa pianta appartiene alla famiglia delle Oxalidaceae  ed ha origine nel continente americano, nella zona meridionale.

È una specie tropicale, quindi in seguito scopriremo le condizioni che richiede la sua coltivazione, anche se già anticipiamo che si tratta di alta umidità e zone ombreggiate.

Una caratteristica principale che differenzia l’ Oxalis triangularis dalle altre piante è la sua originaria foglia trifogliata. Questo, unito al suo colore viola intenso, la rende una spettacolare pianta da interno a scopo ornamentale.

classificazione scientifica

  • Famiglia:  Oxalidaceae
  • Genere: Oxalis
  • Nome: Oxalis triangularis

Questa pianta è anche conosciuta in alcune zone come falso trifoglio, ed ha anche la particolarità che le sue foglie sono commestibili.

Gode ​​infatti di una grande fama in gastronomia per gli abbinamenti di colore nelle insalate e nei piatti che accompagnano carne e pesce.

Coltivata in vaso o in giardino, generalmente non supera i 50 cm di altezza e la stessa larghezza. Dalla base emergono steli lunghi e sottili, che terminano in una combinazione trifogliata di foglie viola.

Un’altra curiosità di O. triangularis  è che le sue foglie sono molto sensibili ai diversi livelli di luce. Quando c’è molta luce, le sue foglie trifogliate si aprono ampiamente per coprire quanta più superficie possibile.

Quando invece i livelli di luce si riducono, le foglie si riducono di dimensioni e cadono verso il basso.

La pianta di Oxalis triangularis viene coltivata in parchi e giardini in diversi paesi come Bolivia, Brasile, Paraguay o Argentina. Negli Stati Uniti lo troviamo anche negli stati più a sud, come la Louisiana o la Florida.

Oxalis è molto importante all’interno della flora del Brasile

Cura delle piante delle farfalle principali

Climatologia

Il regime di temperatura di Oxalis triangularis  è abbastanza specifico, richiedendo temperature medie di 20 ºC senza molta mobilità sia per il caldo che per il freddo.

È preferibile cercare ambienti con umidità più elevata, poiché al di sotto del 60% di umidità relativa costante, i bordi delle sue foglie si seccano e perdono la loro naturale lucentezza.

Al di sotto dei 10 ºC, lo sviluppo e la produzione di nuovi steli si interrompe, e lo stesso accade con temperature superiori ai 35 ºC.

Pertanto, questa gamma climatologica rende Oxalis una pianta perfetta per le aree interne.

In termini di illuminazione, fattore da tenere in considerazione in questa pianta, richiede una zona di buona luce ma senza luce solare diretta. Ricordiamo che è una specie di origine tropicale nel continente sudamericano.

In Spagna, fatta eccezione per aree specifiche delle Isole Canarie, dove esiste un regime di temperatura e umidità media praticamente tutto l’anno, la cosa più pratica è coltivarla in vaso.

Caratteristiche del suolo e del substrato

La pianta farfalla richiede un terriccio medio con buoni livelli di sostanza organica, fertile e buon drenaggio.

Tutti i substrati commerciali garantiscono queste condizioni, poiché di solito hanno un buon rapporto tra substrato, sabbia e humus.

Irrigazione e concimazione di Oxalis triangularis

O. triangularis produce un gran numero di nuovi germogli e un volume maggiore di foglie durante i mesi primaverili ed estivi.

Pertanto, essendo una specie che richiede umidità, dovremo mantenere il substrato con un’idratazione standard.

Molti degli attuali substrati universali miscelano una parte di sabbia o perlite per favorire il drenaggio, migliorare l’ossigenazione del mezzo e favorire lo sviluppo di nuove radici.

Il modo ideale per mantenere un substrato a “tempera”, come è noto comunemente per umidificare perfettamente il substrato senza essere allagato, annaffieremo il nostro vaso due volte a settimana.

Il calcolo del dosaggio dell’acqua è molto semplice, poiché aggiungeremo acqua a poco a poco fino a quando vedremo che il fondo della pentola inizia a gocciolare, in modo da avere completamente idratato il substrato.

In piena produzione di germogli e nuove foglie, e dopo aver ridotto il carico nutritivo del substrato mediante lavaggi, si consiglia di applicare un concime NPK completo, che includa alcuni micronutrienti, in 1 su 4 irrigazioni.

In termini di fecondazione, hai 2 modi per farlo. O acquistare fertilizzanti liquidi da aggiungere all’acqua di irrigazione (massimo 1 ml/L per soluzioni concentrate), oppure aggiungere circa 100 grammi di fertilizzante granulare ea lenta cessione ogni 20 giorni.

Raccomandazione fertilizzante granulare: NPK 12-8-16 con oligoelementi

Vedere più informazioni sui fertilizzanti.

Puoi anche integrare il fertilizzante Oxalis triangularis  con micronutrienti, acidi umici e biostimolanti le cui informazioni troverai nella nostra sezione fertilizzanti.

moltiplicazione e sviluppo

Una nuova curiosità di Oxalis è che ha bisogno del riposo invernale dopo l’autunno. La sua riproduzione avviene per mezzo di bulbi, in modo che con l’arrivo del freddo le sue foglie appassiscano lentamente, lasciando «vivo» il rizoma.

Questo rizoma non ha bisogno di essere annaffiato, quindi smetteremo di annaffiare e aspetteremo il suo nuovo germoglio con l’arrivo del caldo primaverile, momento in cui dovremo fare piccole irrigazioni per attivarne la «germinazione».

La moltiplicazione della pianta farfalla avviene separando i rizomi. Cioè, prima che germoglino, quando sono ancora dormienti, è il momento ideale per separarli e metterli in un nuovo substrato.

Questa operazione può essere ripetuta annualmente tutte le volte che si vogliono ottenere nuovi impianti Oxalis triangularis.

Prodotti consigliati per la tua manutenzione

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.