piante d'appartamento

8 cactus da interno per decorare la tua casa

I cactus da interno sono le grandi attrazioni di chi inizia nel mondo del giardinaggio. Facili da coltivare e con pochissima manutenzione, illuminano gli ambienti e donano un po’ di verde alla casa.

Ci sono così tante varietà che dobbiamo dimenticare completamente il concetto di cactus di piccole dimensioni, con punte e geometria del tubo cilindrico. In effetti, questo articolo è pensato per mostrarti le varietà che consideriamo le più interessanti di cactus da interno per decorare la tua casa.

Sole, aria fresca e una buona illuminazione sono le chiavi per garantire la buona riuscita di questo tipo di piante. E, naturalmente, tieni lontana l’acqua che non gli piace tanto e fa marcire le loro radici.

Elenco dei cactus indoor da coltivare in vaso

I cactus si adattano molto bene alla coltivazione in vaso. Sono specie a crescita lenta e possono rimanere per molti anni nello stesso contenitore. Le sue radici sono praticamente superficiali e hanno ottimi meccanismi per resistere allo stress idrico e al calore.

Puoi sistemarli in stanze con riscaldamento e persino sole diretto. La condizione principale per il suo mantenimento è prolungare la frequenza dell’irrigazione e ridurla della metà. C’è una regola non scritta secondo cui se dimezzi la frequenza con cui prevedi di annaffiare regolarmente, sarà la condizione di umidità ideale per questi cactus indoor.

1. Cactus di Natale ( Schlumbergera x Buckleyi)

Il cactus di Natale fa parte del primo della nostra particolare lista, e soprattutto perché ha ben poco a che vedere con il classico concetto che abbiamo di cactus da interno.

Foglie lunghe, fiori tubolari e molto vistosi per rallegrare la stanza con il suo verde e il suo colore. Il suo aspetto ricorda quello di una succulenta, ma in realtà appartiene alla  famiglia delle Cactaceae.

La sua origine è tropicale, situata nelle aree boscose e amazzoniche del Brasile, quindi necessita di determinate condizioni di umidità ambientale (non tanto nel substrato). La fioritura avviene in inverno, garantendo una buona temperatura in casa. Puoi anche creare fioriere sospese con loro, dove le loro foglie cadranno e aumenteranno di lunghezza.

  • Temperatura: tra 15-25 ºC, tollerando correnti d’aria
  • Illuminazione:  evitare l’esposizione diretta al Sole. Illuminazione media e zone semiombreggiate.
  • Substrato:  ricco di sostanza organica e con buon drenaggio.
  • Irrigazione:  irrigare poco, lasciando asciugare il substrato tra l’irrigazione e l’irrigazione. Garantire l’umidità ambientale e spruzzare acqua in ambienti molto asciutti.
  • Abbonato: fertilizzante per cactus e piante verdi dalla primavera e durante l’estate.
  • Consiglio:  per stimolare la sua fioritura, necessita di giornate corte e temperature medie di 18ºC. Evitare temperature superiori a 23 ºC per stimolare i boccioli dei fiori.

2. Cactus a botte ( Echinocactus grusonii)

Il cactus barile si avvicina a ciò che le nostre menti associano a un cactus del deserto. La sua crescita è però molto lenta e nei primi anni di vita possiamo utilizzarlo come cactus da interno in vaso con un buon drenaggio.

Se sei un amante dei cactus con le spine, la curiosa forma di questa specie unita alle sue piccole dimensioni fa sì che venga coltivata in piccoli vasi che vengono posti sui tavoli, essendo la sua acquisizione comune in grandi aree o vivai.

Se la coltiviamo all’aperto, nel corso degli anni può superare i 2 metri di altezza.

  • Temperatura: temperatura costante, mai inferiore a 15 ºC.
  • Illuminazione: da avere in ambienti illuminati, ma senza luce solare diretta in modo che non perda il suo verde originale.
  • Substrato:  molto drenante, composto da sabbia, torba e perlite.
  • Irrigazione:  pochissima irrigazione, lasciando il substrato asciutto tra l’irrigazione e l’irrigazione, e praticamente senza annaffiare in inverno.
  • Abbonato: fertilizzante per cactus e piante verdi dalla primavera e durante l’estate.

3. Albero del latte africano ( Euphorbia trigona)

La maggior parte delle persone conosce questo cactus indoor/outdoor con il suo nome scientifico,  Euphorbia trigona. È anche conosciuto come l’albero del latte africano perché al suo interno circola una linfa bianca.

Ha una crescita lenta, ma in pochi anni può superare il metro di altezza, quindi è consigliabile acquistarla in un vasetto.

Da un punto di vista ornamentale è una specie molto appetibile per la verticalità delle sue foglie, non ha spine allungate (ma attenzione, punge anche) ed è una specie molto resistente con poca irrigazione.

  • Temperatura: temperature calde, anche se sopporta bene il freddo.
  • Illuminazione: zone molto ben illuminate, ma senza sole diretto.
  • Substrato:  molto drenante, composto da sabbia, torba e perlite.
  • Irrigazione:  pochissima irrigazione, lasciando il substrato asciutto tra l’irrigazione e l’irrigazione.
  • Abbonato: fertilizzante per cactus e piante verdi durante il germogliamento primaverile.

4. Cactus a coda di topo ( Aporocactus flagelliformis)

Un caso eccezionale di cactus da interno che possono essere collocati anche in vasi sospesi. Il cactus della coda di topo produce steli cilindrici allungati con uno spettacolare fiore rosa con molte punte.

La sua origine è messicana e, a differenza di altre specie della stessa famiglia, è in rapida crescita. I suoi steli possono superare il metro di lunghezza. Le specie più giovani hanno steli verde brillante, ma con l’età assumono sfumature più scure e grigiastre.

La fioritura avviene tra la fine della primavera e l’inizio dell’estate, ma dura poco, in media circa 5 giorni.

  • Temperatura: ampio intervallo di temperature superiori a 5 ºC ma con un ideale di 18 ºC.
  • Illuminazione: luce abbondante, ma al riparo dalla luce diretta del sole.
  • Substrato:  molto drenante, composto da sabbia, torba e perlite.
  • Irrigazione:  1 o 2 volte a settimana in estate e ogni 15 giorni in inverno.
  • Abbonato: solo in primavera e in estate una volta completata la fioritura.
  • Consiglio:  zone molto secche e calde, spruzzare acqua sulle foglie.

5. Cappello da vescovo ( Astrophytum ornatum )

La specie Astrophytum ornatum  si adatta perfettamente al giardino roccioso all’aperto e anche come cactus da interno. È comune trovarlo nei vivai, in vasi piccoli e ad un prezzo molto abbordabile.

Per questo cactus si rispettano le consuete condizioni di coltivazione di questo genere, pochissima irrigazione, esposizione al sole, elevata resistenza alle temperature e poca cura in generale.

Quando arriveranno la primavera e l’estate, non avremo problemi se portiamo la nostra pianta sul balcone o sul terrazzo, anche alla luce diretta del sole. Apprezzerai le correnti d’aria.

sembra  sorprendente con pacciame di ghiaia decorativo e un grande vaso di ceramica. Le punte rigide ricoprono sfere profondamente increspate, che possono raggiungere diversi piedi di altezza. Le piante spesso sviluppano un rivestimento bianco gelido che può sembrare una malattia, ma è un meccanismo di difesa per proteggere la pianta dal sole. Innaffialo di rado e fornisci molte condizioni calde e soleggiate se vuoi vedere lo sviluppo dei fiori gialli.

  • Temperatura: ampio intervallo di temperature superiori a 5 ºC ma con un ideale di 18 ºC.
  • Illuminazione: luce abbondante, anche con sole diretto
  • Substrato:  molto drenato e praticamente sempre asciutto
  • Irrigazione:  molto scarsa e inferiore ad altre specie. 1 annaffiatura al mese e con supporto completamente asciutto.
  • Abbonato: non è necessario pagare, anche se in primavera si può aggiungere un po’ di concime.

6. Cactus con ali d’angelo ( Opunta albispina )

L’Opuntia albispina ha un grande appeal come cactus ornamentale da interno, con grappoli di foglie molto comuni nel genere Opuntia, peli biancastri e spine acuminate.

Questa specie ha origine nel deserto messicano, dove raggiunge diversi metri di altezza. Tuttavia, la sua crescita lenta ne consente la coltivazione in vaso, garantendo un ottimo drenaggio e con poche annaffiature.

Può essere posizionato in pieno sole.Nei primi anni di vita il suo colore è più verdastro, ma col tempo produce peli bianchi che lo scuriscono e acquisiscono toni più grigiastri.

  • Temperatura: mantiene la temperatura costante, anche se tollera il freddo
  • Illuminazione: luce abbondante, anche con sole diretto
  • Substrato:  molto drenato e praticamente sempre asciutto
  • Irrigazione:  molto scarsa, annaffiare sempre con il substrato completamente asciutto
  • Abbonato: non è necessario pagare, anche se in primavera si può aggiungere un po’ di concime.

      7. Saguaro ( Carnegiea gigantea)

      Il saguaro è una delle grandi specie di cactus tipiche del deserto di Sonora, con specie alte diversi metri e le curiose forme che tutti siamo abituati a vedere nei cactus.

      Nei primi anni di vita può essere piantato in vaso e posizionato in zone illuminate della nostra casa. Sono specie molto longeve e fioriscono in primavera, ma ci vogliono molti anni per apparire.

      La sua crescita è estremamente lenta, raggiungendo un metro di altezza nei primi 30 anni, quindi ci offrirà molto come cactus da interno. Il cactus saguaro necessita di un substrato con un ottimo drenaggio, molta illuminazione e pochissimi rischi, inferiori a quelli di altre specie affini.

      • Temperatura: supporta un’ampia gamma di temperature, riscaldamento e correnti d’aria.
      • Illuminazione: luce abbondante, vicino alle finestre, anche con sole diretto.
      • Substrato:  molto drenato e praticamente sempre asciutto
      • Irrigazione:  molto scarsa, annaffiare sempre con il substrato completamente asciutto
      • Abbonato: non è necessario pagare, anche se in primavera si può aggiungere un po’ di concime.

      Leggi tutto:  coltivazione e caratteristiche del cactus Saguaro

      8. Cactus di sambuco ( Mammillaria hahniana)

      È conosciuto come cactus della vecchia o anche con il suo nome scientifico, Mammillaria hahniana.  Questa specie di piccole dimensioni e di lenta crescita può essere coltivata sia all’aperto, in un giardino roccioso, sia al chiuso in vaso.

      La cosa interessante di questa pianta è la sua fioritura, che compare dopo 3 anni di vita. La sua cura viene effettuata secondo gli standard consueti di qualsiasi altro cactus, situato con una buona illuminazione (sebbene tolleri l’ombra), temperature calde e irrigazione molto distanziata.

      • Temperatura: supporta un’ampia gamma di temperature, riscaldamento e correnti d’aria.
      • Illuminazione: può essere posizionato nelle zone più buie della casa e anche con una buona illuminazione.
      • Substrato:  molto drenato e praticamente sempre asciutto
      • Irrigazione:  molto scarsa, annaffiare sempre con il substrato completamente asciutto
      • Abbonato: non è necessario pagare, anche se in primavera si può aggiungere un po’ di concime.

            Deja una respuesta

            Tu dirección de correo electrónico no será publicada.