Suggerimenti

Caratteristiche del saguaro, il cactus gigante

Il suo nome comune è saguaro o sahuaro e nelle zone calde dove cresce è conosciuto come cactus gigante. Per evitare confusione, il suo nome scientifico è Carnegiea gigantea.

Questo cactus è comune nel deserto di Sonora, che ci restituisce la tipica immagine cinematografica di un deserto con un Sole di giustizia e un cactus dall’aspetto verde con dimensioni che possono superare i 20 metri.

In questa scheda vegetale andremo a conoscere il saguaro ( Carnegiea gigantea) e le principali curiosità che circondano questa pianta della famiglia delle Cactaceae e del genere Carnegiea.

Com’è il cactus Saguaro

Il saguaro è considerato un cactus gigante che vive in zone estremamente calde come il deserto di Sonora o i deserti dell’Arizona, suo luogo di origine e dove attualmente troviamo il maggior volume di popolazione.

Una delle sue caratteristiche principali è la sua grande taglia, con altezze che generalmente superano i 10 metri di altezza, ma in alcuni casi sono stati trovati individui con più di 20 metri di altezza.

Il saguaro parte da un fusto principale abbastanza spesso dove dal centro del suo percorso o dal terzo superiore compaiono rami anche con orientamento verticale. Tutte queste ramificazioni escono alla stessa altezza dal fusto.

Nonostante quello che si potrebbe pensare, il saguaro o sahuaro ha la fioritura, che di solito si apre per tutto il mese primaverile. Infatti è ben noto per il suo apprezzamento ornamentale, al punto che il simbolo dello stato americano dell’Arizona è il fiore di Carnegiea gigantea.

Questo fiore è abbastanza fugace, poiché esce di notte e rimane per poco tempo durante il giorno successivo, fortemente condizionato dall’umidità e dalla temperatura dell’ambiente.

tassonomia

  • Ordine: Caryophyllales
  • Famiglia: Cactacee
  • Genere: Carnegie
  • Specie: Carnegiea gigantea

Cura principale del saguaro

Anche se pensiamo che questo cactus cresca solo nei deserti, è ben noto a livello ornamentale e può essere piantato in qualsiasi zona climatica con inverni miti.

Nei primi anni di vita si può coltivare in vaso. Per sostenersi quando raggiunge grandi dimensioni, ha solitamente un apparato radicale più potente rispetto a molte altre specie della famiglia delle Cactaceae.

È frequente vederlo nei giardini xerofiti (basso consumo di risorse idriche) in zone calde con estati molto calde. A sua volta il saguaro è una specie molto longeva, vi sono specie con più di 200 anni di vita e alcuni esemplari che superano quasi i 300 anni.

A Tucson, in Arizona (USA), possiamo trovare il Saguaro National Monument, un’area dove troviamo un gran numero di specie di saguaro e una riserva biologica molto importante per questo tipo di cactus.

Climatologia

Si tratta di un cactus molto resistente alle intemperie ed estremamente rustico.

Temperatura

Il saguaro supporta un’ampia gamma di temperature, aumentando questa gamma con l’invecchiamento.

Nei primi anni di vita si sconsiglia di esporlo a temperature inferiori a 5 ºC per lunghi periodi di tempo, poiché smette di crescere. Le specie adulte possono resistere a periodi di tempo ragionevoli anche a temperature fino a -10°C.

In generale, non è stato segnalato un limite di temperatura elevata, sebbene riduca il suo potenziale di crescita al di sopra di una certa temperatura.

illuminazione

L’ esposizione alla luce della specie adulta di saguaro è totale, senza problemi di ustioni o danni all’epidermide, tranne durante la stagione della fioritura che, come in primavera, è al di fuori di temperature estremamente calde.

Le specie più giovani possono vivere in penombra e, infatti, ne gioverà la crescita

substrato o terreno

Sebbene cresca senza problemi in tutti i tipi di terreno, predilige e si adatta a quelli di tipo sabbioso o limoso sabbioso, con tessiture molto leggere e porose e terreni calcarei o calcarei.

Evitare in ogni caso la sua coltivazione in terreni molto argillosi, poiché questo tipo di specie della famiglia delle Cactaceae sono molto sensibili al marciume radicale o al soffocamento.

Il potenziale esplorativo delle sue radici è piuttosto ampio, molto più pronunciato rispetto alla maggior parte dei cactus. Pertanto, se nei primi anni di vita vogliamo coltivare il saguaro in vaso, dobbiamo dotarlo di contenitori profondi e larghi.

Questo aiuterà anche il cactus a evitare di tornare quando guadagna altezza, specialmente quando il vento lo colpisce.

La sua coltivazione in vaso è garantita per molti anni poiché il saguaro è una specie a lenta crescita.

Per dare cifre a questo commento, stiamo parlando del fatto che ci vogliono fino a 30 anni per raggiungere 1 metro di altezza, guadagnando tra i 2 ei 3 cm all’anno.

Saguaro Irrigazione e fabbisogno idrico

L’irrigazione deve essere molto controllata e distanziata nel tempo. Questo cactus, come i suoi parenti, preferisce il terreno asciutto tra l’irrigazione e l’irrigazione.

Coltivata in giardino, possiamo fornire acqua nella stagione più calda, da 1 a 2 irrigazioni di circa 10 litri per specie adulte.

In inverno, 1 irrigazione ogni 15-20 giorni sarà sufficiente nelle zone con scarse precipitazioni o ridurla a zero se ci sono piogge regolari.

Abbonato

I cactus, contrariamente alla credenza popolare, sono interessanti da fertilizzare, soprattutto nei primi anni di vita. Nel caso specifico del saguaro, è interessante promuovere questo sviluppo a causa della sua lenta crescita.

Per fare questo, il modo più comodo è fornire fertilizzanti granulari attorno allo stelo principale all’inizio della primavera, riapplicando in estate fino a quando le temperature non scendono.

I cactus sono generalmente esigenti in potassio, poiché questo elemento è intimamente legato alla conservazione dell’umidità e all’osmoregolazione della cellula.

Una formula interessante è NPK 12-8-16 con magnesio e micronutrienti. Si forniscono tra 100 e 200 grammi per pianta adulta, riapplicando dopo 30 giorni con la stessa quantità.

Essendo lentamente solubile, l’apporto dell’acqua di irrigazione e dell’umidità ambientale consente il lento rilascio dei nutrienti, per garantire un apporto continuo di fertilizzante.

Moltiplicazione

La moltiplicazione più pratica del saguaro è per seme. Per questo abbiamo bisogno di fiori impollinati e, quindi, di più specie di saguari che convivono nello stesso habitat.

Ciò accade poiché questo cactus è autosterile e necessita di impollinazione incrociata con altri esemplari. La propagazione del polline viene effettuata per varie vie, come quella anemofila (dal vento) o da parte di insetti come le api oi bombi.

prodotti correlati

piante correlate

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.