Suggerimenti

Come rimuovere il ragnetto rosso

Il ragnetto rosso è uno dei parassiti più temuti in un gran numero di paesi. Questi minuscoli acari rappresentano un grande pericolo soprattutto per la loro elevata capacità di propagazione e riproduzione, grazie alla quale possono infestare intere piantagioni in pochi giorni se non adeguatamente trattati.

In questo articolo di EcologíaVerde parleremo di come eliminare il ragnetto rosso dalle piante. Continua a leggere se sei interessato a scoprire una guida pratica con rimedi e consigli per sbarazzarti di questa piaga e imparare a prevenirla.

Come identificare il ragno rosso: caratteristiche e sintomi nelle piante

Prima di spiegare come combattere il ragnetto rosso nelle piante, vogliamo dettagliare quali sono le sue caratteristiche e quali sintomi si possono riscontrare nelle piante colpite da questo insetto in modo da poter identificare se questo è il problema che stai affrontando o se, sul al contrario, si tratta di un’altra piaga.

Sebbene sia comunemente chiamato ragno, questo parassita è in realtà un acaro di dimensioni inferiori a 1 mm, che si nutre delle piante succhiando linfa da foglie, steli e frutti con i suoi stiletti. Può anche mostrare un’ampia varietà di colori e, nonostante il nome di ragno rosso, è possibile trovare colonie di questi acari che sono di colore giallastro, marrone o verdastro, a seconda principalmente del clima e della dieta di ogni tipo. Depongono le uova, lisce e sferiche, sul lato inferiore delle foglie. Se questo viene osservato con una lente d’ingrandimento, si possono distinguere le uova d’ambra, ma sono invisibili ad occhio nudo a causa delle loro piccole dimensioni.

Tra i sintomi del ragnetto rosso nelle piante, è comune trovare i seguenti:

  • Sulle foglie si possono distinguere piccole macchie clorotiche dall’aspetto giallastro. In queste prime fasi dell’infestazione, il parassita può essere per noi quasi invisibile ed è necessario prestare attenzione a queste macchie su foglie o frutti.
  • Man mano che l’acaro del ragno si moltiplica, sulle piante si possono vedere sottili ragnatele, che cresceranno rapidamente fino a coprire gran parte della pianta.
  • A questo punto, l’acaro forma uno strato altamente visibile nei suoi punti di concentrazione e si diffonde ad altre piante usando ragnatele, vento o gravità.
  • Nei casi più gravi, le piante possono diventare completamente defogliate.
  • Nelle piantagioni orticole, i frutti subiscono macchie che ne riducono notevolmente il valore, causando grandi perdite economiche.

Come sbarazzarsi degli acari sulle piante

Sebbene sia uno dei parassiti più comuni nelle piante, esistono molti rimedi per eliminare il ragnetto rosso. Questi sono alcuni dei più comuni:

Predatori naturali del ragno rosso

L’uso di predatori naturali come mezzo di controllo dei parassiti è molto comune. Nel caso del ragno rosso, il più comune è l’ Amblyseius. Questo tipo di controllo, però, ha l’inconveniente che, una volta decimato il parassita, il predatore naturale scompare per mancanza di cibo, per cui è necessario ripopolare di tanto in tanto le colture o l’orto per controllare i parassiti.

Scopri molto di più sul controllo biologico dei parassiti: cos’è, vantaggi, svantaggi ed esempi con questo altro articolo di EcologáiVerde.

uso di pesticidi

L’abuso di insetticidi o pesticidi non è mai consigliato, ma ci sono casi di parassiti di grandi dimensioni in cui è conveniente utilizzarne uno e, inoltre, molti prodotti con la capacità di combattere il ragnetto rosso. Nonostante tutto, questo acaro è facile da sviluppare resistenza a questi prodotti, che si protegge anche con le sue ragnatele se l’infestazione è ampia. Inoltre, molti pesticidi uccidono un gran numero di specie, e non solo il parassita da combattere, quindi bisogna cercare di evitarli e cercare altri metodi o usarli poco.

sapone di potassio

È uno dei rimedi ecologici più diffusi, poiché non è dannoso per l’ambiente e, soprattutto se combinato con l’applicazione dell’olio di Neem, è abbastanza efficace nella lotta contro questo parassita. La soluzione di questo prodotto viene spruzzata sulle foglie e sulle piante colpite e, in breve tempo, si può osservare una drastica diminuzione del parassita. In questo altro post vi spieghiamo come fare il sapone di potassio.

Rimedi casalinghi per eliminare il ragnetto rosso

  • La soluzione all’aglio può anche essere un utile alleato quando si tratta di ridurre il numero di ragni rossi. Si prepara macinando mezza cipolla, 2 peperoni di Cayenna e 2 spicchi d’aglio e lasciando riposare il composto in un litro d’acqua per circa 48 ore, mescolandolo di tanto in tanto. Dopo due giorni, filtrare e aggiungere altri 3 litri di acqua. Applicalo soprattutto sul lato inferiore delle foglie.
  • Anche il liquame di ortica è abbastanza popolare, anche se dovresti tenere questo prodotto lontano dalle donne in gravidanza, poiché potrebbe danneggiare il feto.

Come sbarazzarsi degli acari in fiore

In realtà, nella fase di fioritura, non dovrebbero essere utilizzati insetticidi chimici di sintesi, poiché i suoi fiori e frutti sono in pericolo.

Pertanto, è meglio utilizzare insetticidi biologici o prodotti naturali, anche se piuttosto elaborati, come il sapone di potassio. Infatti, nel caso di piante piccole, le uova e gli adulti possono essere rimossi manualmente dalla parte inferiore delle foglie con un batuffolo di cotone imbevuto di soluzione di sapone.

Come prevenire gli acari sulle piante

Si consiglia di non abusare di fertilizzanti azotati, oltre a mantenere livelli di umidità non troppo bassi nella coltura. L’uso dell’humus di lombrico aiuta anche a prevenire la comparsa della peste, poiché è ricco di microrganismi dannosi per l’acaro. In questo link puoi imparare come fare l’humus di lombrico.

Inoltre, qui puoi trovare informazioni più utili su Come combattere i parassiti in agricoltura biologica e come prevenirli.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come sbarazzarsi degli acari, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.