Suggerimenti

Cura della pianta Euphorbia procumbens o Euphorbia pugniformis

Le 2.000 specie di arbusti, piante grasse e piante erbacee che formano il genere Euphorbia della famiglia delle Euforbiacee sono distribuite nelle regioni tropicali dell’America, dell’Africa e del Madagascar. Alcune specie di questo genere sono Euphorbia procumbens, Euphorbia inermis, Euphorbia ingens, Euphorbia pulcherrima, Euphorbia resinifera, Euphorbia canariensis, Euphorbia candelabro, Euforbia milii, Euphorbia trigona, Euphorbia bivonae, Euphorbia characias, Euphorbia balsamifera, Euphorbia echinus, Euphorbia lambii, Euphorbia rigida, Euphorbia handiensis, Euphorbia coerulescens, Euphorbia leucocephala.

Riceve anche il sinonimo scientifico di Euphorbia pugniformis. Questa specie è originaria del Sudafrica e vi è un’interessante varietà “Cristata”.

Sono piante succulente di piccole dimensioni senza spine che di solito non superano i 10 cm di altezza. Hanno uno stelo principale chiamato caudex da cui nascono steli secondari cilindrici con piccoli tuberi ; all’inizio sono di colore verde chiaro ma diventano più scuri con l’età. Nella sua forma “Cristata” ha interessanti ondulazioni anche con i tuberi. I piccoli fiori sono di colore giallo-verde.

Queste piante sono facili da coltivare e a crescita relativamente lenta e sono generalmente utilizzate per la coltivazione in vaso a causa delle loro piccole dimensioni.

Possono essere coltivate in pieno sole o in ombra . In inverno, devono essere protetti dal gelo evitando che la temperatura scenda al di sotto dei 5°C.

È fondamentale che abbiano un ottimo drenaggio per il quale utilizzeremo come un terreno un substrato commerciale per cactus e succulente a cui aggiungeremo il 25% di sabbia silicea grossolana o perlite. Se il vaso diventa troppo piccolo, è consigliabile trapiantarlo a fine inverno o inizio primavera.

L’irrigazione sarà moderata in primavera e in estate fino a quando il substrato non si asciuga completamente. A partire dall’autunno, l’irrigazione sarà ridotta fino a quasi eliminarla in inverno.

Basterà un concime primaverile a base di concime minerale di cactus.

No potatura necessaria .

In caso di eccessiva o cattiva ventilazione, possono essere attaccati da lumache lanose .

La propagazione avviene da semi seminati in primavera o da talee di stelo in estate o in primavera. Le talee devono essere lasciate asciugare per 3 giorni e il lattice irritante che producono deve essere lavato accuratamente, proteggendo le mani dal lattice.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *