Suggerimenti

Irrigazione a goccia: quale portata e distanza tra i gocciolatori dovrei usare?

Una delle domande più frequenti sul montaggio di un sistema di irrigazione è quale dovrebbe essere la distanza tra gocciolatori o gocciolatori e quale flusso d’acqua dovrebbe essere utilizzato per irrigare. Nel post di oggi parleremo di questi due aspetti essenziali per la progettazione di un impianto di irrigazione a goccia.

L’ irrigazione a goccia è uno dei sistemi di irrigazione per il giardino più efficienti e più confortevoli. Tra i vantaggi dell’irrigazione a goccia c’è la sua versatilità (la distanza tra i gocciolatori può essere regolata in base alle dimensioni e alla distanza tra le piante) o il risparmio idrico che comporta (senza perdite per evaporazione o ruscellamento), ma ci sono molti altri vantaggi dell’irrigazione goccia a goccia.

Nel post Irrigazione a goccia: cos’è e come funziona. Tipologie di irrigazione a goccia e vantaggi Abbiamo visto come installare un’irrigazione a goccia domestica e quali sono le tipologie di irrigazione localizzata (non è la stessa cosa irrigare un vaso di fiori, un giardino su terrazze o un giardino con alberi da frutto…).

Come progettare un sistema di irrigazione a goccia

L’obiettivo di una buona progettazione di un impianto di irrigazione è soddisfare il fabbisogno idrico della coltura per garantire un buon raccolto, minimizzando il consumo di acqua e i costi di installazione . Per fare ciò è indispensabile conoscere la lunghezza dei tubi di irrigazione , il numero di gocciolatori necessari e la portata dei gocciolatori.

Il numero di gocciolatori per irrigazione a goccia e la separazione tra loro dipende, tra l’altro, dal tipo di coltura che vogliamo irrigare. Influenzano, ovviamente, il fabbisogno idrico di ogni pianta , ma anche il tipo di terreno e l’estensione e profondità delle radici.

Non è lo stesso per innaffiare lattuga o aglio, colture con radici che non occupano troppo spazio, rispetto a verdure più grandi, come pomodori e zucche, o alberi, che hanno un apparato radicale molto più profondo.

Per sapere quanti gocciolatori sono necessari in un impianto di irrigazione a goccia, è importante sapere che aspetto ha il “bulbo umido”. Il bulbo umido è il volume di terreno inumidito da un gocciolatore o emettitore di irrigazione localizzato.

È importante che il bulbo umido racchiuda tutte le radici della pianta per garantire che la coltura possa assorbire tutta l’acqua di cui ha bisogno. Se non è abbastanza grande da coprire l’intero apparato radicale, sarà necessario mettere più contagocce per pianta.

La portata dei gocciolatori , il tempo di irrigazione e il movimento dell’acqua nel terreno (che dipende dal tipo di terreno: sabbia, argilla o terriccio) determinano la forma del bulbo umido, che varia dimensione e profondità a seconda questi fattori…

Nei terreni pesanti o argillosi la velocità di infiltrazione è inferiore rispetto ai terreni leggeri o sabbiosi, il che rende più grande la pozzanghera che si forma attorno al gocciolatore e il bulbo si estende più orizzontalmente che in profondità. Se la stessa quantità di acqua viene applicata a tre terreni con consistenza diversa, la forma del bulbo varierà come mostrato nell’immagine sopra. Allo stesso modo, maggiore è la portata dei gocciolatori , maggiore è la dimensione della zona umida sul terreno .

A seconda delle esigenze idriche delle piante , della tessitura del suolo e della profondità delle radici, si stabilisce il “progetto agronomico dell’impianto di irrigazione” determinando:

  • Flusso contagocce
  • Distanza tra i gocciolatori
  • Numero di gocciolatori per pianta
  • Tempo di applicazione dell’irrigazione

Ma … Quanta acqua hanno bisogno le piante?

I fabbisogni idrici delle colture sono determinati da un complesso calcolo che tiene conto del clima e del tipo di coltura (*vedi sezione Riferimenti ). Inoltre, variano durante il ciclo di crescita, l’acqua deve essere più alta nella fase centrale e quando le temperature aumentano .

Per evitare di fare calcoli complicati, nel caso degli orti domestici possiamo stimare il fabbisogno idrico della nostra zona e per ogni specifica coltura effettuando una prova in campo in cui aggiungiamo acqua al terreno e misuriamo l’umidità nella zona in cui le piante verrebbero crescere radici (diversa profondità se si tratta di colture con radici poco profonde o profonde).

Nel caso degli ortaggi l’obiettivo è che alla profondità delle radici il terreno sia continuamente umido , quindi possiamo fare dei test per sapere quanta acqua di irrigazione abbiamo bisogno e quale sarà la frequenza di irrigazione (con temperature elevate, per esempio , si consigliano annaffiature più frequenti e più brevi rispetto ad una singola irrigazione di maggiore durata).

Come regola non scritta, possiamo dire che la maggior parte delle verdure necessita da 1 a 3 litri di acqua per pianta al giorno . Questa necessità di acqua varia in base alla temperatura e alle precipitazioni. In estate, ad esempio, quando fa caldo e non piove, è necessario annaffiare tutti i giorni anche più volte (dipenderà dalla coltura), mentre in autunno e primavera le innaffiature possono essere diradate. Va tenuto presente che, sebbene le differenze non siano enormi, ci sono verdure che hanno bisogno di più acqua di altre :

  • Poco impegnativo nelle acque di irrigazione: aglio, cipolla, ceci, lenticchie o erbe aromatiche come lavanda, rosmarino, timo, origano…
  • Irrigazione media: pisello, pomodoro, cetriolo, rapa e alcuni aromatici e fiori per respingere gli insetti , come basilico, calendula o calendula.
  • Innaffiature abbondanti: bietole, carciofi, sedano, zucchine, cavoli, porri…

Quanti gocciolatori devi annaffiare?

Per sapere quanti gocciolatori per irrigazione a goccia sono necessari per irrigare, è necessario conoscere il fabbisogno idrico delle colture e regolare il numero di erogatori in base alla portata dei gocciolatori e alla forma del bulbo umido.

Il numero di gocciolatori per pianta può essere ridotto se la portata dei gocciolatori è maggiore (risparmiando così sui costi di installazione), ma si deve anche garantire che venga inumidita una superficie sufficiente nella zona delle radici.

Per conoscere l’acqua erogata da ogni contagocce bisogna moltiplicare la portata del contagocce (in litri/ora) per il tempo di irrigazione (in ore). La somma dell’acqua apportata da tutti gli erogatori o gocciolatori che circondano la pianta deve essere pari al fabbisogno idrico della coltura.

Oltre a fornire una quantità sufficiente di acqua, l’ area umida del terreno deve raggiungere l’intero apparato radicale. Nel primo dei tre casi precedenti, ad esempio, sebbene la quantità di acqua sia la stessa, un solo bulbo umido non coprirà tutte le radici, quindi sarebbe meglio posizionare più contagocce con portate inferiori.

Per sapere se la zona umida è sufficiente, si confronta l’area destinata a ciascuna pianta con l’area orizzontale occupata dalla zona umida nella zona radicale (profondità circa 10-15 cm nelle colture orticole e 30-35 cm negli alberi). .

Il valore della percentuale più appropriata di suolo umido dipende dal tipo di coltura (alberi da frutto, colture orticole…), dal clima e dal tipo di terreno. Si consigliano i seguenti valori:

  • Alberi da frutto ad ampio sesto d’impianto : 25% – 35%, con una percentuale maggiore quanto più il clima è arido (poco piovoso) e quanto più leggera o sabbiosa è la tessitura del suolo.
  • Colture a telaio medio (distanza tra le piante inferiore a 2,5 metri): dal 40% al 60%, variando secondo lo stesso rapporto precedente.
  • Colture a telaio ridotto (orticole , floricole e altre colture erbacee): la percentuale di terreno umido deve essere compresa tra il 70% e il 90%, che può variare come nei casi precedenti.

Conoscendo la distanza tra le piante e l’ area bagnata prodotta da ciascun erogatore (dati del produttore per ogni tipo di terreno o determinati da una prova sul campo), è possibile effettuare calcoli per scoprire qual è il numero appropriato di gocciolatori.

Numero minimo di erogatori per pianta = Area di coltivazione (m2) x [Percentuale minima di area umida / area umida prodotta dal gocciolatore (m2)]

Se il telaio di impianto del frutteto è, ad esempio, di 15 cm di distanza tra le piante e 30 cm di distanza tra le file, l’area di coltivazione è: 15 cm x 30 cm = 450 cm2 = 0,045 m2 . Supponendo di fare un’irrigazione giornaliera che generi sotto ogni contagocce (15 cm di profondità) un’area bagnata di 15 cm x 15 cm = 225 cm2 = 0,0225 m2 , allora il numero di contagocce sarà: 0,045 x (0,90 / 0,0225) = 1,8 ~ 2 gocciolatori per pianta .

Va tenuto presente che il numero di erogatori dipende dalla portata del gocciolatore. Se si scelgono gocciolatori con una portata maggiore, l’area bagnata sarà più ampia e, quindi, sarebbero necessari meno erogatori.

Quale dovrebbe essere la portata dei gocciolatori?

La portata dei gocciolatori dipende dall’emettitore e solitamente varia da 0,5 a 24 litri all’ora. I gocciolatori a basso flusso (da 0,5 a 4 litri/ora) vengono utilizzati per innaffiare le piante orticole , mentre i gocciolatori per l’irrigazione di alberi o arbusti ornamentali nei giardini hanno una portata maggiore.

Per sapere qual è il flusso di gocciolatore appropriato per le nostre colture, devono essere presi in considerazione gli altri parametri di irrigazione (tempo e frequenza di irrigazione, numero di gocciolatori, fabbisogno idrico delle colture …).

Non esiste davvero un unico “flusso adeguato” per innaffiare le piante da giardino, poiché la portata richiesta nei gocciolatori dipende dal tempo di irrigazione, dal numero di gocciolatori e così via.

Come abbiamo visto sopra, possiamo inserire alcuni gocciolatori con un flusso elevato o optare per un flusso di gocciolatori inferiore aumentando il tempo di irrigazione o il numero di gocciolatori. L’obiettivo è che l’acqua totale che forniamo sia sufficiente a coprire il fabbisogno idrico delle colture (nel caso di colture orticole, l’obiettivo è mantenere sempre umido il terreno nella zona delle radici).

Quale dovrebbe essere la distanza tra i gocciolatori?

Nel caso delle colture orticole, se la distanza tra le piante non è molto grande e l’ apparato radicale è piccolo , come nel caso delle lattughe, è possibile posizionare un solo contagocce per pianta e variare la portata o il tempo di irrigazione a seconda delle fabbisogno idrico della coltura.

Come abbiamo visto nella sezione precedente, la separazione o distanza tra i gocciolatori dipende dal telaio di semina e la distanza di semina deve essere presa in considerazione per progettare l’impianto di irrigazione a goccia e determinare quanti gocciolatori sono necessari.

L’irrigazione a goccia è molto adatta per la coltivazione in filari e, nel caso degli ortaggi, sono solitamente presenti più rami di gocciolatori paralleli (uno per fila) con una distanza tra i gocciolatori che può essere uguale o inferiore alla distanza tra le piante .

Idealmente, i bulbi umidi prodotti dai diversi gocciolatori si sovrappongono e l’intera linea di coltivazione viene inumidita, quindi per ortaggi con telai di impianto più grandi sarà più opportuno posizionare più gocciolatori (la distanza tra i gocciolatori , in questo caso , sarà inferiore alla distanza tra i piani ).

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *