Suggerimenti

Seminare l’origano non è mai stato così facile: in questo articolo vi mostriamo come farlo

La semina dell’origano passo dopo passo:
  • Quando? a metà primavera .
  • Dove? Luogo che riceve il sole diretto. Può anche essere all’ombra, anche se non è raccomandato.
  • Tempo di raccolta?   Fioritura tra giugno e settembre.
  • Come prepariamo il terreno? Eliminiamo le erbacce, dissodiamo e mescoliamo la materia organica. PH tra 6.5 e 7.5
  • Come innaffiamo? Ideale, gocciolare. Non richiede molta acqua tranne nei periodi di caldo elevato e poca pioggia.
  • Come seminiamo? Da vedere qui .
  • Quando e come raccogliamo? Raccoglieremo a giugno e settembre, tagliando i gambi che sono cresciuti di più. Poco prima della fioritura.
  • Associazioni favorevoli? Meloni , angurie , cetrioli , zucche , cavoli e broccoli .
  • Piaghe e malattie? Afidi, acari, minatori fogliari, peronospora, oidio .

E l Origano è una delle erbe aromatiche più utilizzate nella cucina italiana , ma è importante solo per il suo profumo e sapore.

Ha anche una grande varietà di apporti per l’uomo, tra i quali possiamo citare la sua azione antitumorale , il suo potere antinfiammatorio e il suo effetto analgesico e antibatterico .

Inoltre, è molto facile da coltivare sia in casa, in giardino o nel frutteto .

Segui i passaggi seguenti per  impara a piantare l’origano  e gustatela sempre fresca.

Di cosa abbiamo bisogno per piantare l’origano?

Quando? Gli appuntamenti

Vogliamo seminare origano  a metà primavera. 

Circa 6 settimane dopo l’ultima gelata.

Dove? Temperatura e luminosità

È una coltura che dà il meglio nei climi caldi . Si adatta molto bene a climi temperati e subtropicali , non troppo secchi.

Resiste bene al gelo , anche se in questi casi è meglio seminare al chiuso.

Prediligono temperature tra i 15 ei 20 °C , anche se alcune varietà possono sopportare temperature leggermente superiori .

È favorevole alla loro crescita localizzarli in un luogo ben illuminato, con sole diretto. 

Tuttavia, tollerano bene l’ombra durante il giorno , purché non sia assoluta.

Come innaffiamo? Umidità

A differenza di molte altre erbe , l’origano ha una grande tolleranza alla siccità , quindi non richiede molta acqua per fiorire.  

In terreni umidi e ben drenati cresce facilmente . La terra deve essere irrigata , evitando ristagni d’acqua. 

Per scoprire quando è conveniente innaffiare , seppellire una matita nella terra.

Se esce secco significa che il terreno ha bisogno di essere annaffiato . Al contrario, se esce con tracce di terriccio attaccate , significa che il terreno contiene ancora sufficiente umidità negli strati inferiori .

Si consiglia di annaffiare direttamente sul terreno, senza bagnare le foglie. Quindi l’opzione ideale è l’irrigazione a goccia

Innaffia le tue piante al mattino, in modo che l’acqua abbia il tempo di nutrire il terreno ed evaporare. Di notte è più probabile che ristagni.

Come prepariamo il terreno? Il substrato e i nutrienti

Nel suo habitat naturale, è facile trovarlo su pendii sassosi , così come in fossi umidi, cespugli e anche boschi .

La sua coltivazione si adatta a tutti i tipi di terreno , purché ricchi di sostanza organica : l’origano può essere seminato in substrati sciolti, argillosi silicei, limosi, calcarei e anche in luoghi aridi.

È preferibile che il terreno sia profondo e abbia una buona ventilazione.

Cresce meglio in un terreno ben fertilizzato .

Aggiungi compost o fertilizzante organico per garantire che il terreno abbia il livello di nutrienti richiesto.

 Il pH ottimale varia tra 6.5 e 7.5 

Come seminare l’origano passo dopo passo

Primi passi

Prima di piantare l’origano:
  1. Pulire la terra: Si toglie le erbacce e resti di colture precedenti e tutti i tipi di residui per garantire che l’origano si sviluppa in modo corretto.
  2. Inumidisci il terreno prima di seminare l’origano: in questo modo riduci il rischio di espellere i semi dalla forza dell’acqua.
  3. Fertilizzare il terreno:  Cospargere un po’ di materia organica nel terreno per migliorare la qualità complessiva prima di iniziare a seminare i semi.

A seconda del modo in cui scegli di piantare l’origano  segui i passaggi successivi 

Utilizzo dei semi direttamente in giardino

  1. [ Inserirli ad una profondità massima di 1 cm , cercando di coprirli con un po’ di pacciame .
  2. Puoi mettere da due a tre semi in ogni buca . Mantieni una distanza di 20-40 centimetri tra una pianta e l’altra.
  3. Innaffia il terreno regolarmente fino alla germinazione dei semi , che richiederà circa 5-10 giorni .

Usare i semi nel vivaio

Disporli ad una profondità massima di 1 cm , in un contenitore di almeno 30 cm di diametro e ad una profondità minima di 45 cm.

Successivamente, posiziona il vaso in un luogo soleggiato e innaffia il terreno regolarmente fino a quando i semi non germogliano.

Per talea

  1. Posizionare le talee da 10 cm a una profondità di circa 3 cm.
  2. Assicurati che l’estremità che seppellisci non contenga foglie per evitare che lo stelo marcisca .
  3. Successivamente, posiziona il vaso in un luogo soleggiato e innaffia il terreno regolarmente fino a quando non si formano le radici, che impiegheranno circa 2 settimane.
  4. Seleziona le piantine più sane e più forti. Se più di un seme è germogliato in ogni buca, mantieni il più forte. Per fare questo, non tirare i deboli, poiché puoi danneggiare le foglie. È sufficiente una semplice potatura a livello del suolo.
  5. Trapianta i tuoi germogli. Se hai seminato in vaso o in semenzaio, dovrai trapiantare un mese dopo la semina. Scegli una zona soleggiata e ben ventilata in giardino. Lascia tra 8 e 16 pollici tra ciascuna delle tue piante.
  6. Innaffia regolarmente , non appena controlli che gli strati inferiori della terra siano asciutti.
  7. Potare la pianta di origano . Questo dovrebbe essere fatto per incoraggiare una crescita più densa. Potando la pianta, incoraggi la crescita di foglie più dense. Attendere che la pianta raggiunga circa 10 cm di altezza e utilizzare un paio di forbici per sfoltire leggermente la crescita esterna.
  8. Se la pianta diventa molto alta , rimuovere le foglie superiori . Vuoi che cresca cespugliosa anziché verticale.
  9. Controlla regolarmente le tue piante per evitare parassiti e malattie.

Per saperne di più, puoi vedere: Talee di origano .

Raccolta e raccolta

L’origano si trova pronto per il raccolto appena prima della fioritura. 

La stagione della fioritura avviene tra giugno e settembre .

Il momento migliore per la raccolta è al mattino , una volta che il sole è sorto e la rugiada è evaporata.

Usa un paio di forbici per tagliare le foglie dalla pianta , lasciando una parte del gambo.

Taglia tutte le foglie di cui hai bisogno . I suoi rami continueranno a crescere normalmente.

Un errore comune è tagliare le foglie più vicine alla base , in quanto sono le più mature.

Al contrario, è meglio tagliare le foglie nuove che escono , in quanto più fresche e con un sapore migliore.

In questo modo ti assicurerai che i nutrienti vengano utilizzati nella produzione di nuove foglie e non favoriscano la crescita verticale della pianta.

Lavare le foglie una volta tagliate.

Associazioni favorevoli

L’origano scoraggia i parassiti in generale, quindi la sua vicinanza ad altre piante aiuterà a tenere lontani insetti e parassiti.

Si abbina bene con meloni, cetrioli, zucca, cavoli e broccoli.

Parassiti e Malattie dell’origano

afidi

Si installa sulle foglie e sui fusti dove provoca danni dovuti all’estrazione della linfa dalla pianta .

Il sintomo più caratteristico della sua presenza è la comparsa di zone secche sulla pianta che progrediscono fino a ricoprirla completamente.

L’afide può mettere in pericolo il raccolto nel corso di brevissimo tempo.

Per combatterli, il sapone di potassio può essere applicato alla parte inferiore delle piante .

Se la peste persiste o è molto abbondante, dopo aver pulito le foglie con il sapone, applicheremo l’ estratto di neem , che fungerà da insetticida.

ragno rosso

Può essere messo a bagno di notte spruzzandolo per mantenerlo umido .

Per combattere il ragnetto rosso si può applicare un estratto di aglio e peperoncino, anche se se la pianta è molto colpita è bene eliminarla per evitare che si diffonda ad altre piante .

Minatori di foglie

I minatori sono spesso attratti dal colore giallo , quindi trappole o contenitori di questi colori con superfici appiccicose possono essere posizionati per attaccarsi.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.