Suggerimenti

Quali ingredienti tossici dovresti evitare nei prodotti cosmetici?

Lozioni, maschera, lacca per capelli, dentifricio, schiuma da barba, crema, gel, deodoranti, trucco, shampoo, toner, gomma da masticare, rossetto, olio, sapone per le mani, mascara, colorante…

Sembra una lista infinita, vero? Bene, sono alcuni dei prodotti che possiamo applicare sulla nostra pelle e sui nostri capelli. I suoi ingredienti vengono assorbiti attraverso i pori della pelle e raggiungono il flusso sanguigno. Da lì, viaggiano attraverso il nostro corpo.

Quanto ti fidi dei cosmetici che usi ogni giorno? Pensi che siano al sicuro?

Gli ingredienti vengono ritirati ogni anno, come quelli che hanno un effetto cancerogeno o interferenti ormonali, perché dopo diversi studi si evidenzia questo effetto dannoso sull’organismo. Il rovescio della medaglia è che viene prodotto dopo molti decenni utilizzando quegli ingredienti nei cosmetici.

Nei cosmetici vengono utilizzati fino a 150.000 ingredienti diversi e nemmeno un terzo di essi è stato studiato, tanto meno l’effetto cocktail che può produrre l’uso di più nello stesso prodotto.

Cosmetici per tutti i giorni

Ogni giorno utilizziamo una lunga lista di cosmetici: dal deodorante al gel e dallo shampoo al dentifricio, lozioni o creme. Ciascuno di questi prodotti contiene un cocktail di ingredienti chimici. E il giorno dopo li usiamo di nuovo, e ripetiamo ogni giorno.

E per la maggior parte, sono ingredienti sintetici (alcuni sono a base di olio), che si accumulano nel nostro corpo.

L’uso di prodotti cosmetici con ingredienti dannosi per la salute può causare dermatiti, irritazioni, eruzioni cutanee, eczema, brufoli, arrossamenti, sensibilità, allergie… ma purtroppo non sono questi i costi più alti che possiamo pagare quando lo usiamo regolarmente .cosmetici convenzionali.

Alcuni dei suoi ingredienti sono associati all’alterazione del funzionamento degli ormoni, sono conosciuti come Interferenti Endocrini , in questo video puoi vedere cosa sono queste sostanze e come agiscono nel nostro corpo.

Per fortuna c’è sempre più visibilità su questo tema e anche scienziati e ricercatori stessi si preoccupano dello stretto rapporto tra cosmesi e salute, come è il caso di Leonardo Trasande , che dopo tanti anni di ricerca in questo campo, è molto consapevole del importanza dell’utilizzo di cosmetici privi di sostanze tossiche , soprattutto nei bambini e nelle donne in gravidanza perché sono i più vulnerabili.

Oltre i famosi Parabeni

I parabeni ti suoneranno sicuramente familiari. Sono un gruppo di sostanze chimiche ampiamente utilizzate nei cosmetici.

In questo post sui Pericoli dei Parabeni ne parliamo approfonditamente e ti diamo anche diverse ricette in modo da poter preparare i tuoi cosmetici fai da te fatti in casa. Lo consiglio se il tuo obiettivo è prenderti cura di te in modo naturale.

Anche se è vero che di tanto in tanto è vietato l’uso di alcuni parabeni, questi vengono solitamente sostituiti da altri ingredienti chimici che possono essere come o addirittura più dannosi dei parabeni. Pertanto, vedere un’etichetta che dice ” Senza parabeni ” su un cosmetico convenzionale non è rassicurante.

Come identificare gli ingredienti tossici sulle etichette?

Gli ingredienti sono elencati in ordine dalla presenza più alta a quella più bassa nella formula di ciascun prodotto.

Questi ingredienti compaiono per nome in latino e in inglese, come stabilito nel bando INCI (International Nomenclature Cosmetic Ingredient) affinché tutti i prodotti, indipendentemente dal paese in cui sono fabbricati, abbiano i loro ingredienti nelle lingue indicate.

La nomenclatura INCI può facilitarci l’identificazione degli ingredienti.

Ingredienti che dovresti evitare nei prodotti cosmetici

Oli e grassi minerali

Si trovano in un’ampia varietà di prodotti cosmetici e per l’igiene, come creme da barba, oli per il corpo, balsami per le labbra, deodoranti, olio per bambini o prodotti per capelli. Molti di loro sono derivati ​​dal petrolio.

Possono comparire nell’INCI come: Cera Microcristallina, Ceresin, Propylene Glycol, Paraffinum, Paraffinum liquidum, Petrolatum, Petroleum, Ozokerite e Vaseline .

Funzionano producendo uno schermo di plastica sulla pelle che ostruisce i pori e impedisce alle cellule di respirare e alle tossine di essere eliminate attraverso di essi.

Agenti Nitrosanti e Basi Detergenti

Si trovano principalmente in dentifrici, shampoo e saponi.

Appaiono nell’INCI come: 2-bromo-2-nitropropan-1,3-diol, Cocoyl sarcosine, DEA compound, Formaldeide, proteine ​​animali idrolizzate, Imidazolidinyl urea, Laureth ammonium solfate, Laureth sodium sulfate, Ammonium lauryl sulfate, Sarcosine Lauryl Solfato, Sodium Lauryl Sulfate, Composti MEA, Quaternium-7, Sodio Metil Cocoyl Taubate, Composti TEA .

Funzionano provocando irritazioni e si sospetta che alcuni possano essere cancerogeni.

Alluminio

Si trovano in antitraspiranti, deodoranti, rossetti e cosmetici in genere.

Nell’INCI possono comparire come: Alluminio cloridrato o Alluminio cloridrato, Alluminio lattato o alluminio lattato, Alluminio tristearato, Alluminio zirconio Trichlorohydrex GLY .

Agiscono producendo alterazioni nella struttura del DNA, è un interferente endocrino ed è stato collegato all’Alzheimer.

Ammine o composti di ammonio

Si trovano in un gran numero di cosmetici per il loro potere conservante, condizionante e germicida.

Li vedrai nell’INCI come: Chlorphenesin , DEA (Diethanolamine), MEA (Monoethanolamine) e TEA (Trietanolammina).

Funzionano causando disidratazione (secchezza) dei capelli e della pelle, reazioni allergiche, dermatiti, sintomi asmatici e irritazione degli occhi. In presenza di agenti nitrosanti, i composti dell’ammoniaca formano nitrosammine, che sono elencate come cancerogene.

coloranti

I coloranti sintetici si trovano principalmente nel trucco, nelle tinture e nelle creme.

Nell’INCI appaiono come: Color Index (CI) seguito da 5 numeri, ad esempio: CI10006, CI10316, CI77288 .

Funzionano producendo allergie e dermatiti sulla pelle e alcuni coloranti minerali contengono metalli pesanti come il cromo.

Composti alogeno-organici

Si trovano in prodotti per l’igiene orale e sapone come dentifricio e risciacqui.

Li distingui nell’INCI come: Cloracetamide, Clorfenesina, Diclorfenil-Imidazoldioxodan, Glutadositrile, Iodopropinil butilcarbammato, Metilcloroisotiazolinone, Metildibromo, Poliacrilammide, Triclosan .

Possono agire provocando allergie cutanee e alcune di esse sono associate al cancro.

Derivati ​​del petrolio

Si trovano in gel per capelli, mascara, rossetto, fondotinta, vaselina e creme idratanti. Questa categoria potrebbe essere inclusa anche negli Oli Minerali.

Consistono nell’INCI come: Ceresin, Mineral oil, Microcristalline wax, Petrolatum, Vaseline, Paraffin, Paraffinum liquidum, Ozokerite .

Funzionano causando disidratazione e pelle secca all’asma e problemi cognitivi nei bambini e in alcuni casi sono stati collegati al cancro.

Disolfuro di selenio

Si trova in shampoo e balsami antiforfora.

Nell’INCI compare come: solfuro di selenio .

Funziona producendo neurotossicità ed è classificato come possibile cancerogeno.

fenilendiammina

È presente nella formulazione delle tinture per capelli e nell’henné per la tintura del corpo.

È possibile identificarlo nell’INCI come: P-Phenylenediamine sulfate .

Funziona provocando dermatiti e lesioni, soprattutto nelle orecchie e negli occhi.

fenoli

Si trovano in tutti i tipi di prodotti cosmetici.

Nell’INCI sono elencati come: Clorofenolo o Fenolftaleina, Nitrophebol .

Agiscono producendo alterazioni nel sistema nervoso centrale e in organi così importanti come i reni, il fegato, il cuore e la pelle.

ftalati

Si trovano in profumi, deodoranti, creme, smalti per unghie e lacche per capelli.

Nell’INCI sono identificati come: Butilbenzilftalato (BBP), Dietilesilftalato (DEHP), Diisodecilftalato (DIDP), Dinoctylphthalate (DNOP), Dimetil ftalato (DMP) .

Funzionano causando danni ai sistemi endocrino e riproduttivo e sono fattori che aumentano il rischio di asma e cancro.

Rilascio di formaldeide

Si trovano in tutti i tipi di cosmetici a causa del loro effetto conservante su di essi.

Nell’INCI sono elencati come: Armilacetato o Alchifenolo, Dimetil ossazolidina, DM Hydantoin, Sodium Hydroxymethyl-Glycinate, Imidazolinydyl urea .

Agiscono producendo cefalea, dolori articolari, allergie, irritazioni cutanee e dermatiti, fino a danni molto gravi per la salute dovuti all’elevato effetto cancerogeno per inalazione e alla possibilità di provocare asma, infertilità e malformazioni nei feti. Si accumula in organi come il fegato e il cuore. Sebbene siano attualmente vietati nei prodotti cosmetici, è possibile utilizzare altri composti che rilasciano formaldeide.

Mercurio

Si trovano principalmente nel trucco, nel mascara e negli struccanti per gli occhi.

Appaiono nell’INCI come: Ethylmercury thiosalicilate, Merthiolate e Thimerosal .

Agiscono producendo danni neuronali, è un metallo altamente tossico.

nitrosammine

Sono in cosmetici che hanno ammine nella loro formulazione.

Se interagiscono con i nitriti, possono essere cancerogeni.

Profumi sintetici

Si trova in tutti i tipi di prodotti cosmetici. Ci sono più di 3000 ingredienti che vengono usati come profumo. Uno molto noto è il Musk (Musk).

Nell’INCI compare come: Acetil esametil, Bromocinnamal, Fragance, Musk chetone, Parfum.

Agisce producendo alterazioni nel sistema nervoso centrale che possono contribuire a provocare iperattività, irritabilità e depressione; sono classificati come interferenti ormonali e potrebbero causare il cancro. Questi composti hanno spesso ftalati.

Creme solari e filtri UV

Si trovano in creme solari e creme di ogni tipo.

Appaiono nell’INCI come: Benzophenone, Butyl Methoxydibenzoylmethane, Camphor Benzalkonium Methosulfate, Dibenzoylmethane o Methoxydibenzoylmethane, Ethylhexyl Methoxycinnamate, Homosalate, Oxybenzone .

Funzionano producendo allergie, alterazioni nel funzionamento degli ormoni e cancro.

Siliconi e derivati

Si trovano principalmente nei prodotti per capelli.

Nell’INCI compaiono come: Cyclomethicone, Cyclotetra, penta o hexa -xiloxane, cetyl dimethicone colpolyol, dimethicone, vinil dimethicone crosspolymer e qualsiasi composto terminato in -ossano e -ethicone .

Agiscono provocando una maggiore produzione di olio nel cuoio capelluto, forfora e irritazione.

Tensioattivi anionici, come i solfati

Si trovano nella stragrande maggioranza dei prodotti cosmetici e per l’igiene che fanno schiuma, negli sgrassanti, nei detersivi e nei detergenti per la casa. Includono i solfati.

Nell’INCI appaiono come: Cocoyl sarcosine o Lauryl sulfate, Disodium laureth sulfosuccinate, Disodium dioctyl sulfosuccinate, Disodium oleamide sulfosuccinate, Lauryl ammonium sulfate (ALS), Laureth ammonium sulfate (ALES), Potassium coco sulfate collagen (Sdium hydrolyzed collagen), Sodio Laureth Sulfate (SLES), Sodio Cocoyl Sarcosinate, Sodio Lauroyl Sarcosinate, Sodio Metil Cocoyl Taubate, TEA (Trietanolammina) Laureth Sulfate, TEA (Trietanolamina), Lauril Solfato .

Questi tipi di composti potrebbero essere stati contaminati da nitrosammine, che ricordiamo sono cancerogene.

Tensioattivo etossilato

Si trovano soprattutto nel sapone per le mani, gel, shampoo e la loro funzione è quella di produrre schiuma.

Li trovi nell’INCI come: PEG (Polietilenglicole), Polietilene, Polietilenglicole, Poliossietilene. Composti che terminano con eth e oxynol.

Agiscono producendo gravi danni, essendo altamente irritanti per gli occhi e la pelle, cancerogeni e tossici se inalati. E bisogna aggiungere che è anche altamente tossico per la vita marina.

Questi sono solo alcuni degli ingredienti pericolosi che puoi trovare nei cosmetici convenzionali. Se vuoi controllare gli ingredienti dei cosmetici che hai in casa, ti consiglio di utilizzare il sito EWG (Environmental Working Group).

Inoltre, puoi vedere questo elenco in cui ci sono più ingredienti da evitare:

Che alternativa c’è ai cosmetici convenzionali?

La natura stessa ci offre una meravigliosa varietà di ingredienti che non possiamo ignorare: Cosmetici Ecologici .

E l’importante è che siano cosmetici che si prendono davvero cura di noi: apportano grandi benefici sulla pelle e sui capelli senza il pericolo di danneggiare la nostra salute a breve e lungo termine.

Vorrei sottolineare una cosa fondamentale, per non farti ingannare:

Attenzione: naturale non è ecologico

Termini come “NATURALE” vendono. E l’industria lo sa. Ed è per questo che lo usa.

Nei prodotti che utilizzano l’arachide “naturale” vedrai che legano ingredienti tossici come quelli che abbiamo appena visto. Questo termine è usato indiscriminatamente e ha perso il suo valore.

La cosmesi ecologica è composta da ingredienti che non danneggiano né la salute né l’ambiente. Questo tipo di prodotto deve portare il sigillo che lo accredita, come il sigillo Bio Cosmetitque di Cosmos Organic, ECOCERT o il sigillo della Soil Association. In questo post sui Bio Cosmetics vi parlerò di più sull’argomento.

Per la tua salute, privilegia l’utilizzo di Cosmetici Certificati Biologici , hai già visto che è molto importante.

https://ec.europa.eu/commission/presscorner/detail/es/IP_14_1051

https://elpais.com/sociedad/2019/06/15/actualidad/1560612181_431235.html

http://archivo-es.greenpeace.org/espana/es/Trabagamos-en/Parar-la-contaminacion/Agua/Campana-Detox-/Toxicos-en-los-cosmeticos/

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *