Suggerimenti

Tè di montagna (Sideritis Syriaca): antinfiammatorio, antiossidante e neuroprotettivo

Problemi gastrointestinali, scarsa memoria, edemi, bronchiti o influenza sono alcuni dei disturbi che il tè di montagna o la coda di gatto possono aiutare a migliorare in modo naturale. Vuoi saperne di più sulle proprietà di questa pianta medicinale e su come si usa?

In questo articolo scopriremo i dati più rilevanti su questa pianta medicinale e le diverse modalità di utilizzo, nonché le possibili controindicazioni.

Cos’è il tè di montagna?

Questa pianta medicinale è molto interessante per gli usi e le applicazioni che ha.

Il genere Sideritis , appartenente alla famiglia delle Lamiaceae (Labiatae), comprende circa 150 specie distribuite lungo i versanti europei, africani e parte del Mediterraneo asiatico, estendendosi dalle Isole Canarie e Madeira al Caucaso.

All’interno di questo genere, spiccano, tra le altre, le specie Sideritis angustifolia , Sideritis clandestina , Sideritis hyssopifolia , Sideritis incana , Sideritis raeseri , Sideritis scardica , Sideritis syriaca e Sideritis tragoriganum .

Alcune specie di questo genere sono popolarmente conosciute in Spagna come coda di gatto, zahareña, erba terrale o erba almorrana . In Turchia e in Grecia, dove sono tradizionalmente utilizzati per preparare infusi, vengono comunemente chiamati ” tè di montagna “, alludendo alla loro posizione geografica su alti pendii rocciosi.

Le specie del genere Sideritis sono ampiamente utilizzate nell’area mediterranea nella medicina popolare per le loro proprietà digestive, antimicrobiche, antinfiammatorie e antiossidanti, tra le altre.

Componenti bioattivi del tè di montagna

La parte utilizzata nella medicina tradizionale è la sommità fiorita della Sideritis , che contiene come i più importanti principi chimici attivi: terpeni, flavonoidi, oli essenziali, iridoidi, cumarine, lignani, agliconi e steroli , tra gli altri.

La specie Sideritis Tragoriganum , in particolare, possiede un flavone, la 5-O-desmetilnobiletina, con proprietà antinfiammatorie.

Diterpeni, flavonoidi e olio essenziale si trovano in quasi tutte le specie e sono i principali composti responsabili dell’attività farmacologica osservata in vivo e in vitro.

I diterpeni sono uno degli interessi farmacologici più importanti in queste piante medicinali, in quanto questi composti forniscono significativi effetti antiossidanti naturali per contrastare il danno ossidativo e prevenire i disturbi della demenza mediati da questo fattore. Andalusol, conchitriol, foliol, lagascatriol, linearol e sidol sono alcuni diterpenoidi che sono stati isolati da specie del genere Sideritis .

Recenti studi dimostrano queste attività e supportano sia il suo uso tradizionale che le possibili nuove applicazioni terapeutiche del tè di montagna .

Usi medicinali e benefici del tè di montagna

L’ infuso di tè di montagna , preparato dalle parti aeree della pianta, viene tradizionalmente utilizzato contro i disturbi gastrointestinali come mal di stomaco, indigestione e flatulenza; anche per trattare i sintomi del comune raffreddore tra cui febbre, influenza, mal di gola e bronchite, oltre che tonico e diuretico .

Le specie Sideritis sono state storicamente utilizzate nel bacino del Mediterraneo e nei paesi balcanici come tisane per alimenti, agenti aromatizzanti e nella medicina popolare come agenti antinfiammatori, antitosse, antiulcerative, antimicrobici, vulvari, antiossidanti, antispasmodici, anticonvulsivanti, analgesici e carminativi. Un altro uso popolare è esterno, l’infuso applicato sotto forma di impacchi.

Studi di laboratorio suggeriscono che la tifa ha un’azione antinfiammatoria e antimicrobica , nonché un effetto sulla protezione dello stomaco e sulla riduzione delle contrazioni muscolari intestinali.

Il flavone 5-O-desmetilnobiletina di Sideritis Tragoriganum ha ridotto la formazione di edema , l’infiltrazione cellulare e il danno tissutale nell’infiammazione indotta negli animali da laboratorio.

Inoltre, le specie Sideritis preparate come infusi di tè sono popolarmente conosciute per migliorare la memoria e , in generale, le capacità cognitive (linguaggio, attenzione, pianificazione, ragionamento …).

L’ attività neuroprotettiva , contro lo stress ossidativo, dei diterpeni andalusol, conchitriol, lagascatriol, foliol, linearol e sidol isolati da specie del genere Sideritis è stata scientificamente dimostrata .

Le malattie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer, il morbo di Parkinson, la sclerosi laterale amiotrofica e la malattia di Huntington sono processi cronici caratterizzati dalla progressiva perdita di neuroni e dalla conseguente alterazione delle funzioni motorie, sensoriali e cognitive, essendo lo stress ossidativo implicato nella patogenesi di queste malattie. L’uso di antiossidanti esogeni si presenta come una delle strategie terapeutiche più promettentiper ridurre o neutralizzare il danno ossidativo causato da specie reattive dell’ossigeno. Recenti ricerche hanno dimostrato la capacità antiossidante di vari composti di origine naturale, tra i quali rilevante è il gruppo dei diterpeni, componenti farmacologici attivi presenti nelle specie del genere Sideritis .

Indicazioni per l’uso del tè di montagna

Il Committee for Herbal Medicines of the European Medicines Agency (EMA) ha approvato nel 2016 l’uso di parti aeree di piante appartenenti al genere Sideritis per il sollievo della tosse associata al raffreddore (Indicazione 1) e per il sollievo del disagio gastrointestinale lieve (Indicazione 2) basato su un uso tradizionale di lunga data. Allo stesso modo detta le linee guida per la preparazione, l’uso, il dosaggio, la durata del trattamento, le controindicazioni, le avvertenze e le precauzioni per le infusioni delle piante del genere Sideritis.

L’EMA consente l’uso orale dell’infuso di erbe per adulti e anziani. L’uso nei bambini e negli adolescenti di età inferiore a 18 anni non è raccomandato.

  • Le istruzioni per la sua preparazione e utilizzo sono le seguenti:

Tisana: 2-4 g di erba frantumata in 150-200 ml di acqua come infuso di erbe, 2-3 volte al giorno.

Dose giornaliera fino a 12 g.

Inoltre, per quanto riguarda la durata del trattamento per ciascuna indicazione, raccomandano:

  • Indicazione 1

Se i sintomi persistono per più di 1 settimana, durante l’utilizzo del farmaco, consultare un medico o un operatore sanitario qualificato.

  • Indicazione 2

Se i sintomi persistono per più di 2 settimane durante l’utilizzo del farmaco, consultare un medico o un operatore sanitario qualificato.

Controindicazioni e precauzioni per l’uso del tabacco di montagna

Il Comitato per i medicinali vegetali dell’Agenzia europea per i medicinali stabilisce l’ipersensibilità al principio attivo e ad altre piante della famiglia delle Lamiaceae (Labiatae) come principale controindicazione.

Inoltre, nelle avvertenze e precauzioni non è stato stabilito l’uso nei bambini e negli adolescenti di età inferiore ai 18 anni a causa della mancanza di dati adeguati e che non è stata stabilita la sicurezza durante la gravidanza e l’allattamento, pertanto in assenza di dati sufficienti, l’uso durante la gravidanza e l’allattamento non è raccomandato. Non sono disponibili dati sulla compromissione della fertilità.

Infine, raccomandano che se i sintomi peggiorano durante l’uso dell’infusione, consultare un medico o un medico qualificato.

Bibliografia consultata

Monografia erboristica dell’Unione europea su Sideritis scardica Griseb .; Siderite clandestina (Bory & Chaub.) Hayek; Sideritis raeseri Boiss. & Heldr.; Sideritis syriaca L., erba

Agenzia europea per i medicinali (EMA) – Comitato per i medicinali a base di erbe (HMPC). Monografia erboristica dell’Unione europea su Sideritis

https://www.ema.europa.eu/en/medicines/herbal/sideritis-herba

Aspetti botanici e farmacologici del genere Sideritis

Giornale di Fitoterapia 2009; 9 (2): 133-145.

https://www.fitoterapia.net/buscador_avanzado/revistas.html?accion=busqueda&existe_cond=no&texto1=Rabo+de+gato&campo1=&condicion=&texto2=&campo2=&condicion2=&texto3=&campo3=&condicion3=&hasta4des&campo

Attività antinfiammatoria della 5-O-demetilnobiletina, un polimetossiflavone isolato da Sideritis tragoriganum.

Impianto Med. Febbraio 2006; 72 (2): 136-42.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16491449

Sideritis spp.: Usi, composizione chimica e attività farmacologiche — Una rassegna

Journal of Ethnopharmacology, Volume 135, Issue 2, May 2011, 209-225

https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0378874111001498

Attività neuroprotettiva Nrf2-dipendente di diterpenoidi isolati da Sideritis spp

Journal of Ethnopharmacology, Volume 147, Numero 3, giugno 2013, 645-652

Studio dell’attività neuroprotettiva di diterpeni isolati del genere Sideritis

Annali della Royal National Academy of Pharmacy, Vol. 80, No. 2 (2014)

http://anales.ranf.com/2014/vol2/09_1477.htm

Usi tradizionali, composizione chimica e attività biologiche di Sideritis raeseri Boiss. & Heldr.

Journal of the Science of Food and Agriculture , Volume 97, Issue 2, gennaio 2017

https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1002/jsfa.7867

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *