Suggerimenti

Disinfestazione biologica: cos’è, vantaggi, svantaggi ed esempi

La disinfestazione con prodotti chimici presenta molti svantaggi, tra cui il costo elevato e il rischio di contaminazione che comporta, sia per gli alimenti che per l’ambiente e la nostra salute. Per questo motivo la disinfestazione biologica si rivela un’alternativa ecologica e molto efficace, soprattutto a lungo termine.

Se vuoi saperne di più sul controllo biologico dei parassiti, che cos’è, vantaggi, svantaggi ed esempi, continua a leggere questo articolo di EcologíaVerde.

Cos’è il controllo biologico dei parassiti

Nel controllo biologico dei parassiti, ciò che viene utilizzato per eliminare le specie considerate parassiti non è altro che l’introduzione di alcuni dei loro predatori naturali nella piantagione. In questo modo si elimina il parassita senza la necessità di utilizzare prodotti chimici di alcun tipo e, inoltre, senza alcun impatto dannoso sul prodotto o sull’ambiente.

Il controllo biologico dei parassiti è entrato in uso nel 1880, quando Rodolia cardinalis, una specie di coccinella, è stata importata negli Stati Uniti dall’Australia per controllare la cocciniglia a coste. Il successo della misura, che ha prodotto effetti permanenti e un rapporto costo/efficacia estremamente favorevole nonostante l’investimento iniziale, ha fatto sì che questo tipo di disinfestazione iniziasse a guadagnare consenso.

Tra le strategie di lotta biologica ai parassiti, si distinguono tre fondamentali:

Importare

L’importazione consiste nell’introduzione dell’organismo che sarà l’ agente di controllo biologico. Anche se a priori può sembrare molto semplice, svolgere l’introduzione in modo adeguato e controllato richiede una conoscenza approfondita e una strategia studiata. Per questo motivo, il controllo biologico dei parassiti è uno dei metodi che richiede maggiori conoscenze.

Aumento

L’aumento consiste nell’adozione di misure affinché i nemici naturali del parassita da eliminare vedano aumentare la loro popolazione. Può essere utilizzato sia su agenti nativi che su altri rilasciati per importazione e, nonostante fosse tradizionalmente considerato molto costoso, i suoi costi stanno diventando più abbordabili, a causa del numero crescente di società specializzate dedite al rilascio e all’inoculazione di agenti controllanti.

Conservazione

La conservazione, infine, consiste nel cercare di attuare misure che aiutino a mantenere le popolazioni di nemici naturali. È la strategia meno studiata e la più complessa da applicare, poiché richiede una profonda conoscenza del funzionamento dell’agroecosistema.

Vantaggi del controllo biologico dei parassiti

I principali vantaggi del controllo biologico dei parassiti sono che:

  • Consente di combatterli senza dover ricorrere a insetticidi o pesticidi, prodotti tossici e nocivi sia per la salute umana che per l’ambiente naturale.
  • Inoltre, questo metodo ha un effetto permanente in molti casi, fornendo così i migliori effetti a lungo termine.
  • Anche il suo rapporto efficacia/costo è alle stelle e, sebbene richieda investimenti iniziali a volte costosi, a lungo termine è il più economico dei metodi di controllo dei parassiti.

Svantaggi del controllo biologico dei parassiti

Naturalmente, questo metodo ha anche degli svantaggi. Pertanto, questi sono i principali svantaggi del controllo biologico dei parassiti:

  • Come abbiamo già accennato, il suo svantaggio più importante è che richiede piani d’azione, strategie e, in generale, molte più conoscenze rispetto ad altri metodi applicativi più semplici.
  • Il suo tempo di azione è notevolmente più lento dei pesticidi, poiché devi aspettare che il predatore si stabilizzi e si moltiplichi per porre fine al parassita.
  • Se utilizzati insieme ad altre forme di controllo, come i pesticidi, i pesticidi destinati a uccidere i parassiti possono anche influenzare la popolazione dell’agente biologico di controllo.

Esempi di lotta biologica contro i parassiti

A parte il caso sopra descritto delle coccinelle e delle cocciniglie a coste, essendo questo insetto efficace anche contro parassiti come le cocciniglie cotonose e anche gli afidi, questi sono due esempi di lotta biologica molto semplice:

la mosca bianca

Questo insetto, che tende ad attaccare le piantagioni di pomodori, cetrioli, fagioli, peperoni e tabacco, provoca gravi danni alle colture a causa della sua rapida diffusione, che di solito è anche accompagnata da attacchi fungini e infezioni virali. L’agente più comune da usare nei suoi combattimenti è la mosca Encarsia formosa. Questo piccolo parassita (circa 1 mm) depone le uova nelle larve di mosca bianca, facendole diventare parassiti che continuano a diffondersi, uccidendo così il parassita che consuma le piante.

tripidi

Il tripide, noto insetto di dimensioni inferiori a 3 mm, si nutre dei nutrienti presenti nelle foglie, steli, fiori e frutti delle piante, provocando necrosi e morte dei tessuti. Si combatte utilizzando gli acari Neoseiulus barkeri e Amblyseius cucumeris, che predano le larve di tripidi e mettono così fine alla peste.

Se desideri leggere altri articoli simili a Disinfestazione biologica: cos’è, vantaggi, svantaggi ed esempi, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.