Suggerimenti

Parassiti e malattie della bouganville: [Rilevamento, cause e soluzioni]

Per coloro che desiderano godere di una pianta in grado di fiorire durante tutto l’anno , la buganvillea è l’opzione di maggior valore.

È un rampicante che ci regala ogni volta bellissimi fiori, sbocciando anche in inverno, quando è mite (senza gelate).

È una specie che richiede poche cure ed è abbastanza adattabile, ma va tenuta al riparo dagli attacchi di parassiti e malattie.

Vuoi sapere come prepararti affinché le tue buganvillee siano sempre 10? Prendi nota delle informazioni che ti forniamo qui.

cocciniglie

È un parassita che ha una parte appuntita che riesce a penetrare nelle zone più tenere della pianta per aspirare la linfa.

Questa aspirazione provoca la comparsa di piccole macchie clorotiche nelle aree interessate, attraverso le quali si può rilevare che qualcosa non va.

Con questa perdita di linfa, la pianta inizia a indebolirsi. Inoltre, le cocciniglie producono una melata che aderisce alla trama della pianta e dove è molto facile che si sviluppi una malattia chiamata grassetto.

La cosa normale è che si genera quando le condizioni ambientali sono a basso tasso di umidità e la temperatura è alta. La buona notizia è che è molto possibile combatterla pulendo la pianta con un batuffolo di cotone e alcool metilico.

Per evitare danni alla struttura, sarà poi necessario pulirla con acqua saponata e risciacquarla di conseguenza.

Verme di bouganville

La buganvillea può soffrire della perdita delle foglie perché alcuni parassiti sono responsabili del loro consumo, come nel caso del verme della buganvillea.

Sono piccoli bruchi di diversi colori che mantengono una vita notturna e la cui fonte di cibo sono le foglie che iniziano a consumare dal bordo.

A prima vista noteremo cambiamenti nella struttura dell’impianto e avremo l’opportunità di agire. Ma se non viene fatto, potrebbe consumare tutte le foglie a poco a poco finché non rimarrai senza nulla.

Questi vermi possono essere eliminati raccogliendolo con le mani e un guanto , ma poiché ne indossano uno notturno potrebbero essere difficili da vedere. Un’altra tecnica consiste nell’utilizzare un insetticida che abbia i componenti necessari per affrontare questo parassita.

Muffa

La muffa è una malattia comune nelle colture frutticole e ornamentali e la buganvillea non ne è priva.

La sua azione avviene sulle foglie provocando la comparsa di macchie gialle o marroni sulla parte anteriore.

Se osserviamo la parte inferiore, ci saranno anche delle macchie, ma questa volta di colore argento, che sono formate dall’azione del micelio del fungo.

Di solito è una malattia che attacca idealmente in spazi dove l’umidità e la temperatura sono elevate. Pertanto, il primo passo per evitare la loro comparsa è posizionare le bouganville in uno spazio libero, dove vi sia una sufficiente circolazione d’aria.

Quando noti cambiamenti nella pianta paragonabili ai sintomi qui descritti, la prima cosa da fare è rimuovere le foglie colpite e bruciarle. Quindi sarà necessario applicare un fungicida per evitare che l’attacco continui o ne generi uno nuovo.

afidi

Gli afidi sono piccoli insetti che attaccano frequentemente i gruppi che si trovano nella parte posteriore (o inferiore) delle foglie.

A seconda della specie, possono essere presentati in diversi colori, ma il più comune è che hanno una tonalità verde simile alle foglie che attaccano.

L’azione di questo parassita avviene sottraendo i succhi alla pianta , provocando un indebolimento forzato dell’intera struttura. Allo stesso tempo, secernono una sostanza mielata che funge da base per l’insediamento dei funghi, in particolare del grassetto .

Quando si tratta di loro, ci sono diversi modi, il più semplice e meno dannoso è spruzzare la pianta con un forte getto d’acqua che li allontanerà. Un altro metodo è lavare la pianta con una miscela di acqua, detersivo per i piatti e olio commestibile.

Mosca bianca

La mosca bianca è responsabile del consumo della linfa delle parti più giovani della pianta , ma esercita anche dei danni deponendo le sue uova nella struttura.

Simile ai casi di cocciniglia e afidi, anche la mosca bianca è in grado di secernere melata dove è possibile che si sia installato il fungo grassetto.

In basse quantità non esercitano grosse complicazioni, ma quando è un parassita abbondante è bene applicare un’azione correttiva. Per questo, l’azione biologica è una delle possibili alternative ai predatori naturali di questa specie. 

Qualora ciò non fosse fattibile, sarà necessario ricorrere al supporto di prodotti chimici.

oidio

È una malattia che si verifica a causa dell’attacco di un fungo che produce un rivestimento bianco simile a una macchia sulle foglie.

Il più comune è che il suo attacco inizia sulle foglie e sugli steli più giovani per poi diffondersi nel resto della pianta.

Questo strato di fungo fa sì che le foglie ingialliscano , si secchino e poi cadano irrimediabilmente dalla pianta. L’ oidio si manifesta a seguito di un’eccessiva umidità nella pianta, per cui è necessaria cautela durante l’irrigazione per evitare di bagnare la struttura.

Quando l’attacco non è molto forte, è meglio rimuovere le aree interessate della pianta e bruciarle. Se necessario applicare un prodotto, l’ estratto vegetale di coda di cavallo o una miscela di zolfo può dare buoni risultati.

ragno rosso

È un minuscolo parassita che è in grado di attaccare la buganvillea quando l’ambiente in cui cresce è molto secco.

L’azione dei ragni crea macchie gialle sulle foglie che in seguito si scuriscono fino a diventare marroni.

Nell’ultima fase, invece di sembrare parte della foglia, le macchie si notano come polvere, provocando l’essiccamento e la caduta delle foglie .

Il controllo della peste può essere esercitato pulendo le foglie, quando gli effetti sono scarsi, o con azione chimica nei casi più cronici.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.