Suggerimenti

Senderuelas: [Cura, semina, tipi, irrigazione, substrato e altro!]

Punti importanti durante la semina Senderuelas
  • Quando? La primavera e l’autunno sono i periodi di proliferazione dei sentieri, ma nelle zone temperate del globo possono essere visti più volte all’anno.
  • Dove? Abbondano nelle praterie, nei prati, nei giardini, ai bordi delle strade e persino nelle dune delle regioni costiere.
  • Come prepariamo il terreno? In giardino un buon substrato deve essere compostoda torba e sostanza organica, sarà più che sufficiente per la crescita dei funghi.
  • Come seminiamo? In giardino si possono sempre coltivare diverse specie disponibili in kit per la coltivazione dei funghi, con semi e miceli che colonizzeranno l’intero substrato nutrito con compost , torba e terriccio di quercia.
  • Come paghiamo? Ci sono molte combinazioni, ma in giardino un substrato eccellente è quello in cui si combinano materia organica e torba.
  • Quando vengono raccolti? Come la maggior parte dei funghi selvatici , sono abbondantemente disponibili per la raccolta in autunno , quando l’umidità aumenta.
  • Temperatura ideale? Amano le temperature fresche, nei prati primaverili, con stime di 3-17ºC, circa.
  • Come innaffiamo? Il supporto deve essere sempre inumidito, fino al 70%.
  • Malattie e parassiti? Possono contrarre virus, essere vittime di batteri e altri funghi e alcuni dei parassiti che attaccano di più sono: mosche, zanzare, acari, lumache e lumache. Ditteri, ovvero mosche e zanzare.

   

Cosa sono le Senduerela?

I senderuelas sono funghi che derivano da un fungo noto con il nome scientifico di Marasmius oreades , appartenente all’ordine Agaricales del regno dei Funghi .

Tipicamente europeo, ha saputo espandersi in tutto il mondo, con una buona presenza nel continente americano (nord) e in Australia (est).

A seconda dell’origine geografica, acquisisce molti nomi. Ad esempio, nella regione della Cantabria, in Spagna, si chiama Seta de Carrillo, a Segovia sono Senderinas, Pucheretes o Pucheruelos. In Francia, sono conosciuti come Mousseron o Faux mousseron. In Messico, Nanacate o nanácatl.

Sono anche riconosciuti come ninfa, carreres, fungo carrerilla, fungo ad anello, gusarones, griglie, sentieri, gomme, tra gli altri.

Aspetto e tipologia dei sentieri

Cappello

Presentano un piccolo cappuccio o cappello che ha un diametro approssimativo compreso tra 2 e 6 cm, di forma ellittica e al centro, quando matura, si forma una specie di caratteristico mammellone.

Fogli

All’interno del cappello sono presenti separazioni in fogli perfetti di color crema o nocciola. Sono molto distanziati, numerosi e vanno dal tronco alla tesa del cappello.

Il piede

Il piede o bastone è forte , allungato e bulboso. Non si rompe facilmente. Supporta la torsione. Inoltre non è commestibile.

Colore

Il colore della senderuela si schiarisce nella stagione delle piogge, ma sono per lo più un tono crema scuro, come le nocciole .

 

sporadico

È bianco.

Odore caratteristico

Il modo più semplice per riconoscerlo ed evitare confusione con altre specie di funghi prataioli come cliyocybe o collibia, è il suo profumo penetrante di mandorla amara o amaretto, il liquore italiano famoso in tutto il mondo.

Gusto squisito

Il suo sapore di mandorla dolce lo rende popolare nella gastronomia internazionale. Sebbene la sua carne non sia molto generosa, molti funghi vengono raccolti e precedentemente disidratati, da aggiungere a vari piatti, dalle zuppe, ai soffritti, alle insalate, alle tortillas, alle carni, al pesce e nelle paste.

trealosio

Questo sapore dolce è prodotto grazie a un tipo di zucchero chiamato trealosio, che fa rinascere il fungo quando viene a contatto con l’acqua dopo che è stato disidratato per la conservazione e l’uso in cucina.

Il trealosio promuove anche la riproduzione cellulare e la formazione di spore, in modo che il ciclo riproduttivo continui ancora e ancora.

 

Dove dovremmo piantare la senderuela?

Questi meravigliosi sentieri si moltiplicano in tutta Europa e Nord America, ma è anche molto probabile che possano essere facilmente riprodotti nei climi temperati dopo l’inizio delle piogge.

Si possono vedere nei prati verdi, nei pascoli, negli orti, ai bordi delle strade e anche nelle dune delle zone costiere, insomma sono molto inclini a moltiplicarsi più volte l’anno nelle regioni stagionali e in quei luoghi caldi o temperati.

Ma non cresce né si riproduce in aree intricate o boscose. Possono formare percorsi attraverso l’intero micelio, lunghi diversi metri. Questo è il motivo per cui sono anche chiamati carrerilla o fungo senderuela.

Quando coltiviamo le senderuelas?

Le senderuela hanno la particolarità di crescere spontaneamente in quello che è noto come circolo delle streghe, perché diversi germogli che solitamente sono raggruppati in circolo, durante la primavera e l’autunno, ma nelle regioni temperate del pianeta si vedono solitamente tutto l’anno, purché che le condizioni i livelli di umidità siano appropriati.

Il suo nome popolare è dato dal segno che lascia sull’erba man mano che si sviluppa, perché la zona cambia colore grazie alle sostanze che vengono rilasciate dal micelio della senderuela.

La proliferazione dei gruppi di streghe in estate può essere mantenuta fintanto che sono di temperature moderate e giornate piovose.

Il suo sapore dolce di mandorla lo rende popolare nella cucina mondiale. Nonostante la sua carne non sia molto generosa, molti funghi vengono raccolti e precedentemente disidratati, da aggiungere a vari piatti.

Come prepariamo il terreno?

In giardino, un buon substrato con sostanza organica mista a torba sarà l’ideale per la crescita dei funghi, non appena arriva il periodo primaverile o autunnale, periodo in cui questa varietà si riproduce più ampiamente, anche se può farlo anche nei giorni di pioggia in estati moderate temperatura.

Un ottimo substrato per funghi può essere preparato con i seguenti ingredienti, purché si tratti di funghi lignei, che decompongono il legno e sono in grado di trasformare la materia organica in inorganica.

  • 4 parti di segatura da alberi a foglia larga.
  • Trucioli e gesso in proporzione del 3%.
  • 1 parte di crusca di frumento o di riso .

Il supporto deve essere inumidito, fino al 60-70%.

Si consiglia di consultare uno specialista per ottenere il substrato più consigliato per la varietà che si desidera coltivare nel proprio giardino o giardino.

 

Come coltivare i funghi in giardino, passo dopo passo?

Per coltivare funghi di tipo macrolepiota in giardino, è necessario ottenere prima di tutto i seguenti materiali:

  • Compost (paglia in quantità sufficiente).
  • Boschetto di querce.
  • Zappa.
  • Rastrello.
  • Torba.
  • Kit per la coltivazione dei funghi della varietà che preferisci ricevere nel tuo negozio di fiducia.
  • Scivolo grande o vasca con acqua.

Segui queste istruzioni, passo dopo passo:

  1. Va scelto un buon posto in giardino, con terreno ben drenato (preferibilmente sotto un albero con fogliame abbondante), per coltivare i nostri funghi.
  2. Scava una buca di circa un metro quadrato.
  3. Versate la torba sul fondo della buca e poi aggiungete il terriccio di quercia.
  4. Cospargi il micelio, o semi di funghi, su tutto il sito e metti un altro strato di torba sopra.
  5. Mescolare il tutto con l’aiuto di un rastrello e poi si mette sopra la torba da giardinaggio, per rastrellare ancora fino a coprire il terreno.
  6. Viene posizionato uno strato sottile del terreno del giardino originale.
  7. Dopo alcune settimane, il micelio (apparato vegetativo della pianta ) colonizza l’intero substrato. Quando il micelio è sviluppato, i carpofagi che lasciano il posto ai funghi si formeranno in meno tempo.

Nel mercato si ottiene questa presentazione di micelio.

 

Come seminare il fungo più comune; Pleurotus ostreatus

Se si vuole coltivare il fungo più diffuso o comune, il cosiddetto Pleurotus ostreatus , occorre seguire passo passo le seguenti indicazioni:

  1. Sterilizzare con l’aiuto di acqua calda, segatura, paglia e spighe di grano, tra gli altri, per circa 2 ore a 70ºC. Il substrato deve subire un attento processo di sterilizzazione, perché è fondamentale eliminare agenti nocivi come parassiti, agenti patogeni, concorrenti e semi, a seguito di un buon trattamento termico.
  2. Quindi lavare il tutto con acqua fredda, ripetendo l’operazione circa 3 volte.
  3. Questo substrato continua a drenare, quindi si finisce di raffreddare ad una temperatura compresa tra 20-25ºC, mescolandolo con il 3% di micelio.
  4. La miscela va conservata in un sacchetto di plastica forato e riposta in un luogo buio, ad una temperatura media di circa 20-23ºC.
  5. Non appena noti la formazione di una massa biancastra, dovresti portarlo in un luogo fresco, con una temperatura ambiente di 15ºC.
  6. In caso di bassa umidità, irrigare con acqua tutti i giorni, senza eccezioni.

Altre specie che di solito vengono coltivate in casa sono il fungo ostrica, il fungo del pioppo, lo shiitake, il cardo e i funghi .

Ma senza dubbio il metodo più affidabile per coltivarli è acquistare un sacchetto preparato da uno specialista, che avrà bisogno di uno spazio ventilato, con una buona umidità ambientale, senza essere colpito direttamente dai raggi del sole.

Puoi fare una specie di grotta in un angolo semiombreggiato del tuo giardino e gettare il sacco su un letto di paglia.

Di quale cura hanno bisogno i marciapiedi?

La migliore cura dei funghi coltivati ​​in casa, passa attraverso l’ambiente che dobbiamo produrli.

Si consiglia vivamente di collocarli in luoghi come questi, per favorire la loro riproduzione:

  • Paglia di cereali come segale, grano. L’ avena e l’orzo succhiano molta acqua e sono meno desiderabili.
  • ceppi
  • Tagliare i tronchi.
  • Pannocchie di mais , scarti vegetali, fieno secco di girasole, cartone, carta,
  • Io di solito.

È assolutamente essenziale che il substrato venga decontaminato con l’aiuto della tecnica del trattamento termico.

L’autunno è il momento migliore per coltivare molte varietà, perché l’umidità aumenta e le piogge aiutano l’intero processo a scorrere molto meglio.

 

Inoltre, è necessario avere un buon controllo sulle seguenti variabili:

Cibo

Il miglior substrato che si ottiene, se preparato da uno specialista sarà molto meglio

Temperatura

Ci sono funghi che sopportano più calore e altri preferiscono il freddo, le temperature più basse. Ma tra 10ºC e 24ºC è un intervallo accettabile, a seconda della varietà.

Ossigeno

Ventilazione sufficiente, buona scioltezza del substrato.

Controllo della salute

È importante salvarti concorrenti, parassiti e malattie.

Quali parassiti e malattie ha?

In generale, anche i funghi contraggono malattie e vengono attaccati da parassiti.

Le malattie più comuni sono batteri, virus e funghi, che possono distruggerli in breve tempo e con l’impossibilità di evitarlo.

Ecco perché è essenziale sterilizzare tutto o fare molta attenzione a rimuovere un fungo o uno strano fungo dalla sacca di coltura, perché quando le sue spore si diffondono sarà molto tardi, ma la verità è che è alquanto improbabile che un velenoso varietà si insinuerà nella cultura.

I parassiti che attaccano di più sono i seguenti:

  • Acari.
  • Ditteri, ovvero mosche e zanzare.
  • Lumache e lumache .
  • Collemboli o piccolissimi insetti che saltano e non hanno ali.

Per combatterli bisogna prima chiedere informazioni specialistiche ad un micologo di fiducia, al fine di applicare l’insetticida corretto nella giusta dose e frequenza.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.