Suggerimenti

Boldos: [coltivazione, irrigazione, cura, parassiti e malattie]

Il boldo è un albero originario del Cile ampiamente riconosciuto come una delle specie arboree di maggior valore ambientale ed economico all’interno del Paese.

La sua coltivazione si è diffusa in paesi di tutto il mondo grazie alle sue preziose proprietà medicinali.

Il Peumus boldus è stato utilizzato fin dall’antichità dai popoli nativi del Cile per curare malattie note come “cistifellea cattiva”. Da allora, le sue foglie sono state utilizzate come rimedio per curare le malattie del fegato.

Nella zona archeologica di Monteverde sono state rinvenute foglie di boldo masticate risalenti a 12.000-13.000 anni fa.

Punti importanti quando si semina un boldo:
  • Nome scientifico: Peumus boldus.
  • Nome comune: Boldo, boldo dal Cile .
  • Altezza: da 3 a 15 metri.
  • Fabbisogno di luce: luce diretta e semiombra.
  • Temperatura: climi temperati e semi-aridi (14ºC).
  • Irrigazione: moderata.
  • Fertilizzante : fertilizzante organico.

Quali sono le caratteristiche del boldo?

Il boldo è un albero perenne a crescita lenta e globosa. Generalmente misura tra i 3 ei 15 metri di altezza, raggiunge anche i 30 metri. Tuttavia, a causa del suo sfruttamento, mantiene dimensioni inferiori.

Le sue foglie sono semplici, aromatiche e sempreverdi, di colore grigio-verde. Questi sono lunghi da 3 a 7 centimetri per larghi da 1 a 5 centimetri.

Essendo una specie dioica, il boldo sviluppa fiori maschili e femminili in esemplari diversi. I fiori maschili presentano un perianzio giallo pallido.

Quelle femminili hanno numerosi carpelli con estremità arrotondate. Questi fiori bianchi e profumati sono raggruppati in piccole infiorescenze con corti grappoli composti da circa 12 elementi ciascuno.

Nel loro ambiente naturale fioriscono nei mesi di agosto e settembre. Il frutto del boldo è una drupa verde commestibile, carnosa e succosa, di quasi 2 centimetri di diametro. Con loro si prepara un liquore artigianale chiamato “boldeao”.

Quando seminare il boldo?

Il boldo va messo a dimora quando il terreno ha l’umidità necessaria per favorire il radicamento della pianta . Questo di solito accade durante le prime piogge, nei primi giorni di primavera .

Dove piantare il boldo?

L’albero del boldo è tipico delle foreste di sclerofille, con un clima simile a quello mediterraneo, caratterizzato da inverni piovosi ed estati molto secche.

Tuttavia, sebbene queste condizioni lo favoriscano, può adattarsi a quasi tutti i climi. Il boldo si coltiva bene in terreni pianeggianti o di bassa pendenza, con minima erosione esposta alla luce diretta del sole e all’ombra.

Dovrebbe essere scelto un sito in cui le temperature siano comprese tra 2ºC e 22ºC, con una temperatura media di 14ºC. Pur resistendo al freddo, il boldo deve essere protetto dal gelo, soprattutto nei primi anni di sviluppo.

Come preparare il terreno?

Il boldo è una specie di elevata plasticità e poco impegnativa per quanto riguarda il tipo di terreno in cui si sistemerà. Per la sua coltivazione si consiglia un terreno di impasto sabbioso o limoso, ricco di sostanza organica, con ritenzione idrica media o bassa e con buon drenaggio.

Si insedia meglio anche in terreni con pH neutro e leggermente acido.

Se si vuole coltivare in vaso, si può seminare in un substrato composto da sabbia e terriccio argilloso in parti uguali. Si consiglia inoltre di mescolare il terreno locale con perlite e sabbia.

Nel caso in cui il terreno necessiti di essere migliorato, una volta alla settimana va applicato un fertilizzante con compost organico, soprattutto quando la pianta è in crescita.

Come innaffiamo il boldo?

È necessario mantenere umido il substrato affinché il boldo si sviluppi completamente. Questo è importante perché eviterà la torsione delle radici in cerca di umidità o la morte della piantina.

Il boldo viene solitamente innaffiato da tazze di irrigazione da 10 o 15 litri. Tuttavia, se si tratta solo di far crescere un albero in giardino, l’irrigazione può essere eseguita manualmente.

Ogni quanto annaffiamo il boldo?

Per tutto il primo anno di vita si consiglia di annaffiarlo ogni 20 giorni, da 10 a 15 litri. Per il secondo, si consiglia di applicare da 5 a 10 litri, una volta al mese. Sarà necessario aumentare la frequenza delle irrigazioni negli anni molto secchi, circa 2 o 3 volte alla settimana, fino a quando il substrato non sarà idratato.

Come seminare un boldo passo dopo passo?

Il boldo è una specie che non si riproduce facilmente. Attualmente ha più successo attraverso la coltura in vitro . Tuttavia, di seguito sono riportati i passaggi per coltivarlo da seme.

Per semi

  1. In un contenitore disporre i semi di boldo ad una profondità di 1,5 volte il diametro del seme , su un substrato universale umido con sabbia, o in corteccia di pino compostato, e ricoprirli con uno strato sottile.
  2. Inumidire il substrato e mantenere il semenzaio in una zona al riparo dalla luce solare diretta, a una temperatura compresa tra 20ºC e 30ºC. Attendi circa 12 settimane per farli germogliare.
  3. Trapiantare una volta che le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate.
  4. Piantare permanentemente all’inizio dell’estate , in luogo protetto dal sole diretto e dal freddo.

È importante chiarire che il seme di boldo impiega fino a 2 anni per germogliare a causa della dormienza interna attivata dalle alte temperature estive. Per questo motivo vanno utilizzati semi appena raccolti o sottoposti a scarificazione.

Di che cure ha bisogno il boldo?

Il boldo è un albero difficile da coltivare, principalmente a causa del basso tasso di germinazione dei semi e della scarsa riuscita della radicazione vegetativa. Tuttavia, se si dispone di una pianta , si consiglia quanto segue.

  1. Installa uno schermo ombreggiante del 50 o 65% ad un’altezza di 2 metri per proteggere le giovani piante dal freddo e dalla luce solare.
  2. Eliminare le erbacce durante i primi 2 anni del raccolto.
  3. Attendere almeno 5 anni per riprodurlo nuovamente.

Quali parassiti e malattie colpiscono il boldo?

Il boldo è un piccolo albero suscettibile di malattie e parassiti. A volte viene attaccato da lumache, afidi e alcuni funghi come Phytopthora e peronospora . Tuttavia, questi parassiti possono essere facilmente controllati con sapone di potassio e fungicidi .

Riferimenti

  • https://bibliotecadigital.infor.cl/bitstream/handle/20.500.12220/27297/boldo-final.pdf;jsessionid=5B9F57DC32862902CE6FEFE3BFFF69B9?sequence=6
  • https://www.researchgate.net/publication/328916205_Propagacion_vegetativa_de_Boldo
  • https://www.minsal.cl/portal/url/item/7d983cf52cb98bd6e04001011e011da0.pdf
  • http://www.fia.cl/wp-content/uploads/2018/04/Boldo.pdf
  • https://es.wikipedia.org/wiki/Peumus_boldus
  • http://bibliotecadigital.ciren.cl/bitstream/handle/123456789/10660/UTALCA_TES02.pdf?sequence=1&isAllowed=y
  • http://www.pfnm.cl/paqtecnologicos/boldo/germinacion_boldo.pdf

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *