Suggerimenti

Permacultura: [Concetto, Principi, Origini e Storia]

“Permacultura” è un termine originariamente coniato da Bill Mollison e David Holmgren nel 1978 per descrivere un sistema integrato e in evoluzione di piante perenni o perpetue e specie animali utili per l’uomo.

Cos’è la permacultura?

La permacultura è un sistema di progettazione fondato su etica e principi che possono essere utilizzati per stabilire, progettare, coordinare e migliorare tutti gli sforzi compiuti da individui, famiglie e comunità che lavorano per un futuro sostenibile.

La parola permacultura è una contrazione, che originariamente si riferiva all’agricoltura permanente, ispirata alla filosofia dell’agricoltura naturale del contadino, biologo e filosofo giapponese, Masanobu, Fukuoka.

Successivamente è stato ampliato fino a significare anche cultura permanente, perché è stato studiato e analizzato che gli aspetti sociali sono parte integrante di un sistema veramente sostenibile.

È importante notare che ci sono molte definizioni di permacultura poiché è adattabile a diverse culture e visioni del mondo.

  

Tuttavia, Bill Mollison lo definisce come:

“Una filosofia di lavorare con la natura, invece che contro di essa; di una lunga osservazione ponderata piuttosto che di un’azione lunga e sconsiderata, di guardare i sistemi in tutte le loro funzioni anziché aspettarsi una sola prestazione e consentire ai sistemi di dimostrare le proprie evoluzioni.

Quali sono i principi etici della permacultura?

I principi della permacultura sono brevi dichiarazioni o slogan che possono essere ricordati come una lista della spesa, quando si considera l’inevitabile complessità delle opzioni di progettazione e l’evoluzione dei sistemi di supporto ecologico.

Non esistono ricette o modelli standard per la Permacultura, ma ci sono principi progettuali ed etica semplice che sono il fondamento su cui poggia tutto.

I principi etici sono: prendersi cura della terra, prendersi cura delle persone e condividere le risorse.

Prendersi cura della terra significa prendersi cura degli esseri viventi e inanimati: suoli, specie e loro varietà, atmosfera , foreste, micro-habitat, animali e acqua, che implica lo svolgimento di attività innocue e riabilitative, conservazione attiva e uso etico delle risorse. .

La cura delle persone incoraggia l’aiuto reciproco tra le persone e le comunità, tenendo conto dei bisogni primari di cibo, alloggio, istruzione, occupazione soddisfacente e contatto umano.

Se possiamo provvedere ai nostri bisogni primari non abbiamo bisogno di fare pratiche distruttive su larga scala contro la terra.

La condivisione delle risorse è il contributo di tempo ed energie per raggiungere obiettivi incentrati sulla cura della terra e delle persone.

  

I principi etici includono atteggiamenti come: lavorare con la natura, non contro di essa; il problema è la soluzione; Cambiamento minimo per il massimo effetto, tutto influisce su tutto e le prestazioni di un sistema sono teoricamente illimitate.

Quali sono i principi di progettazione della permacultura?

I 12 principi della permacultura sono i concetti fondamentali per costruire una società sostenibile, creati da David Holmgren nel suo libro ” Permaculture: Principles & Pathways Beyond Sustainability ” pubblicato nel 2002.

David Holmgren è un co-creatore del concetto di permacultura con Bill Mollison. David ha organizzato la diversità del pensiero in permacultura in 12 principi di progettazione, un insieme variabile di principi utilizzati da altre permaculture.

  

Osserva – interagisci

“La bellezza è negli occhi di chi guarda . Se ti prendi il tempo per interagire con la natura, possiamo progettare soluzioni adatte alla nostra situazione particolare.

Cattura e risparmia energia

 “Asciuga l’erba mentre splende il sole . Creando sistemi per la raccolta di risorse durante i periodi di abbondanza, potremmo usarli in periodi di scarsità.

Ottieni uno spettacolo

“Non puoi lavorare a stomaco vuoto . Assicurati di ricevere ricompense davvero utili come parte del lavoro che stai facendo.

Autoregolamentazione e feedback

“I peccati dei genitori sono puniti nei figli fino alla settima generazione” .

Dobbiamo scoraggiare le attività inappropriate per garantire che i sistemi continuino a funzionare bene.

  

Utilizzare e valorizzare risorse e servizi rinnovabili

“Lascia che la natura faccia il suo corso . Approfitta dell’abbondanza della natura per ridurre il nostro comportamento di consumo e la dipendenza dalle risorse non rinnovabili.

Smetti di produrre rifiuti

“Evitando di produrre rifiuti, eviti di generare carenze” – “Prevenire è meglio che curare” Valorizzando e utilizzando tutte le risorse che sono alla nostra portata, nulla va sprecato.

Design dai modelli ai dettagli

“L’ albero non ti fa vedere la foresta . Se fai un passo indietro, osserverai modelli nella natura e nella società. Questi possono costituire la base dei progetti, con i dettagli compilati, man mano che avanzi.

Integrare piuttosto che segregare

“Molte mani facilitano il lavoro.”

Mettendo le cose giuste nei posti giusti, le relazioni si sviluppano tra quelle cose e si completano a vicenda per il supporto.

Usa soluzioni lente e piccole

“Più sono grandi, più a lungo dura la caduta.” – “Lento e sicuro vince la gara” I sistemi piccoli e lenti sono più facili da mantenere rispetto a quelli più grandi, fanno un uso migliore delle risorse locali e producono risultati più sostenibili.

Utilizzare e valorizzare la diversità

“Non mettere tutte le uova nello stesso paniere . La diversità riduce la vulnerabilità a una serie di minacce e sfrutta la natura unica dell’ambiente in cui risiede.

Usa i bordi e valuta il marginale

“Non pensare di essere sulla strada giusta solo perché è una strada conosciuta.”

  

Usa e rispondi in modo creativo al cambiamento

“La visione non è vedere le cose come sono, ma come saranno . Possiamo avere un impatto positivo sull’inevitabile cambiamento osservandolo con attenzione e intervenendo al momento giusto.

Cosa sono gli strati in permacultura?

In permacultura e agroforestazione si distinguono 7 strati di piante e alberi commestibili.

In questo modo, diversi tipi di piante e alberi crescono mescolati tra loro, come in un bosco. Questo crea un proprio ecosistema ed è in questa forma ottimale, per il suolo e l’approvvigionamento idrico sulla terra.

I 7 strati sono:

  1. Strato di alberi più alti (“Il baldacchino).
  2. Strato basso dell’albero (alberi da frutto nani).
  3. Arbusti.
  4. Piante, erbe (“erbacee”).
  5. Piante con radici commestibili (“Rizosfera (radici)”).
  6. Sopra la superficie (superficie del suolo (colture di copertura)).
  7. Strato verticale , Piante rampicanti , (“Strato verticale (rampicanti, rampicanti)”).

Molte volte si distingue anche un ottavo strato, lo strato dei funghi.

  

Qual è il fiore della permacultura?

Nella loro concezione, Mollison e Holmgren stabiliscono 7 aree in cui lavorare e agire per superare il collasso e creare società veramente sostenibili e permanenti.

Queste aree di lavoro sono:

1-. cultura e istruzione; Due-. Salute e benessere spirituale; 3-. Finanza ed economia; 4-. Proprietà fondiaria e governo della comunità; 5-. Amministrazione del territorio e della natura; 6-. Ambiente costruito; 7-. Strumenti e tecnologie.

Tutti insieme danno forma a ciò che è noto come fiore di permacultura e ciascuna di queste aree è nota come petali, sono tutte correlate e contengono molteplici sfaccettature e aree di lavoro.

Richiede di iniziare a lavorare a livello personale e poi sociale; a livello locale e poi territoriale. Una crescita sostenibile perché basata su principi etici e principi di attitudine.

Cos’è la permacultura integrale?

La permacultura integrale è una pratica progettuale basata su una scienza olistica ed etica che comprende tutti i livelli di esperienza – interna ed esterna, individuale e collettiva, antica e moderna – uniti in un insieme coerente e sistemico, al solo scopo di progettare. culture e ambienti per tutte le specie.

La permacultura integrale torna specificatamente a dare uguale importanza alle altre componenti nel design, usando come base la migliore scienza che conosciamo.

La permacultura, dunque, è sempre stata, in teoria, e fin dalle sue origini, Integrale, ma in pratica purtroppo non lo è quasi mai. E le sue origini sono anche abbastanza patriarcali, ma in Permacultura Integrale incorporiamo il grande contributo di tante donne brillanti che spesso vengono ‘dimenticate’ lungo il cammino.

L’Academy of Integral Permaculture è un pioniere mondiale nell’espansione del curriculum del corso di design di base per incorporare questi cambiamenti, lanciando la Permaculture Integrale.

  

Origini e storia della permacultura?

L’origine della permacultura risale al 1970, quando due ecologisti australiani, Bill Mollison e David Holmgren, iniziarono a sviluppare una serie di idee che speravano di utilizzare nella creazione di sistemi agricoli stabili.

Questa fu la sua risposta all’uso sempre più frequente di metodi agroindustriali distruttivi, diffusi nel secondo dopoguerra ma che “secondo i suoi criteri stavano avvelenando la terra e l’acqua, riducendo drasticamente la biodiversità e distruggendo miliardi di tonnellate di terreno che prima mantenevano fertili paesaggi”.

Il risultato è stato un’idea di “permacultura”, che è stata svelata nel libro provocatorio e di grande successo Permaculture One (1978) in Australia. C’era anche una rivista chiamata The International Permaculture Magazine , una miniserie con protagonista Bill Mollison.

Dalla fine degli anni ’70 all’inizio degli anni ’80, Mollison ha tenuto dozzine di corsi che hanno internazionalizzato la permacultura e i suoi principi.

  

Bibliografia:

  • Agrhumus.com Versione e sintesi dell’Essenza della Permacultura . Riprodotto da: https://www.agrhumus.com/que-es-la-permacultura/ PDF.

 

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *