Suggerimenti

Vuoi un giardino sostenibile? Pratica Xerogardening

Lo Xeriscape ( xero in greco significa secco) riunisce una serie di buone pratiche volte al risparmio e all’uso sostenibile dell’acqua nel giardinaggio . Una delle basi è scegliere piante che richiedono poca acqua e progettare il giardino in modo che sia necessario il minimo utilizzo di acqua, ecco perché lo xeriscape è anche conosciuto come ” il giardino a bassa manutenzione

I principi di base dello xero-paesaggio sono la pianificazione e la progettazione, l’analisi del suolo, la riduzione o l’eliminazione delle aree erbose, la selezione delle piante che meglio si adatteranno, l’irrigazione efficiente, l’uso di pacciamatura o pacciamatura e una facile manutenzione.

Come progettare o progettare un giardino xero

Prima di seminare o trapiantare, dobbiamo lavorare un po’ il terreno. Misuriamo il suo pH, lo arieggiamo, lo pacciamiamo, aggiungiamo il compost, lo innaffiamo e lo lasciamo riposare per una settimana.

Dobbiamo raccogliere quante più informazioni possibili sul tipo di suolo (tessuti, carenze, sostanza organica, ecc.), orientamento, venti prevalenti, disponibilità di acqua, clima, vegetazione spontanea, funzionalità, manutenzione, decorazione, ecc.

È importante raggruppare le piante in base al fabbisogno idrico, facendo tre divisioni nel giardino (idrozone): la zona a basso consumo, la zona a medio consumo e la zona ad alto consumo d’acqua.

Nella zona a basso consumo o secca dovremo solo irrigare puntualmente solo durante i mesi più caldi.

Nell’area di consumo medio o irrigazione moderata che richiederà annaffiature occasionali.

Inoltre, se lo si desidera, è possibile aggiungere una zona ad alto consumo o una zona umida, sarà la più piccola delle tre zone e richiederà annaffiature più frequenti per essere mantenuta.

Ai bordi posizioneremo le piante o gli arbusti che necessitano di più acqua, mentre quelli che richiedono meno acqua li collocheremo al centro.

Non solo il sole asciuga, ma il vento può anche aiutare le piante a perdere acqua, tienilo in considerazione quando scegli la posizione del giardino per evitare forti venti.

Altro elemento da tenere in considerazione è l’incorporazione di alberi o arbusti che possano ombreggiare le piante e mantenere gli ambienti più freschi. Possono essere aggiunti anche rampicanti posizionati in archi, tralicci o picchetti per creare forme decorative e allo stesso tempo fornire ombra alle piante.

Usa i cespugli per coprire grandi spazi (meglio se corti).

L’ imbottitura è un altro componente molto importante in questo tipo di giardini. Il pacciame manterrà un po’ di umidità nel terreno per lungo tempo e ne impedirà l’evaporazione. Puoi usare corteccia di pino, piante da tappeto, ciottoli, ghiaia, pietre, foglie, ecc.

Per effettuare le irrigazioni, vanno sempre effettuate di notte o all’alba e idealmente si farà con irrigazione a goccia.

Tipi di piante per xerogardening

Nella scelta di piante, arbusti e alberi si terrà conto dell’adattamento al tipo di terreno che abbiamo, adattamento al clima, posizione (sole, ombra o mezz’ombra), possibili parassiti e malattie, disponibilità di acqua, favorendo la creazione di microecosistemi, combinazione di piante a crescita rapida e lenta, volumi e colori di foglie e fiori.

Scartare l’uso dell’erba, richiede annaffiature abbondanti e non rientrerebbe nelle caratteristiche che cerchiamo, a meno che non si trovi una varietà che richiede poca acqua o che l’area in cui la si mette sia molto piccola e limitata. Un’alternativa sono le piante da tappezzeria.

Per lo xero-giardino si possono usare Acero, Timo, Cipresso, Magnolia, Cactus, Calendula, Mandorla, Viola del pensiero, Cannella, Rosmarino, Piante grasse, Oleandro, Dragoncello, Sclerofilla, Ginepro, Tifa, Pini, Agavi, Ginestra, Ibisco, Camomilla comune , Primule, Bosso, Lavanda, Gerani, Mirto, Caprifoglio o Alba.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *